Argento colloidale

Il catione d'argento (Ag+) ha la capacità, in vitro, di uccidere velocemente i batteri, e per questo è stato utilizzato, ed è utilizzato tutt'ora, come agente antibiotico (disinfettante), per contrastare infezioni di varia natura.

Oggi viene utilizzato marginalmente, soprattutto come antibiotico in garze e creme, anche se con poca evidenza scientifica riguardo la sua reale efficacia; oppure come rivestimento per dispositivi medici come cateteri, tubi endotracheali, ecc, in questo caso con maggiore evidenza scientifica, anche se ancora da confermare in modo definitivo.

L'argento colloidale è un colloide (uno stato intermedio tra la soluzione e la dispersione, dove una sostanza si trova in uno stato finemente disperso) utilizzato come antibiotico dai medici e soppiantato negli anni 40 del secolo scorso dall'avvento degli antibiotici.

Da qualche decennio l'argento colloidale è stato riproposto, sottoforma di integratore alimentare o medicina omeopatica, non solo per le sue proprietà antibiotiche, ma come vera e propria panacea. Su alcuni siti si propone l'argento colloidale come sostanza in grado di curare innumerevoli malattie, tra cui troviamo ovviamente anche il cancro, il diabete e le patologie cardiovascolari (cioè i malanni cronici più diffusi).

Controindicazioni

L'argento colloidale non è esente da rischi. Quello più comune è argiria, una manifestazione cutanea che provoca una colorazione grigio-bluastra della pelle e delle mucose. Inoltre, l'argento colloidale può interferire con alcuni medicinali (per esempio con alcuni antibiotici e la tiroxina), e scatenare reazioni allergiche.

Argento colloidale integratori

Benefici dell'integrazione di argento colloidale

Effetti possibili (prove ancora insufficienti)

Come integratore, nessuno accertato; può essere utile come battericida nei rivestimenti di alcuni dispositivi medici.

Dosaggio consigliato

Non essendoci alcune evidenza scientifica che ne suggerisca l'utilizzo, non esiste una dose consigliata.

Conclusioni

L'argento colloidale, allo stato attuale della ricerca, è un integratore inutile e potenzialmente molto dannoso. La FDA americana ha proibito il suo utilizzo nei medicinali (è ancora possibile trovarlo come integratore) e nel 2009 ha lanciato un'allerta per quanto riguarda il rischio di argiria in seguito all'assunzione di argento colloidale.

Bibliografia

 

 

Severe generalized argyria secondary to ingestion of colloidal silver protein

Systemic argyria associated with ingestion of colloidal silver

Silver products for medical indications: risk-benefit assessment

Argyria following the use of dietary supplements containing colloidal silver protein

Consumer advisory: dietary supplements containing silver may cause permanent discoloration of skin and mucous membranes

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Aminoacidi ramificati

Aminoacidi ramificati: sono davvero utili per gli sportivi? A chi servono, quando assumerli e in quale quantità.


Claudicatio intermittens

La condizione chiamata “claudicatio intermittens” si riferisce ad un dolore, che interessa nella maggior parte dei casi gli arti inferiori.


Ipoparatiroidismo

L'ipoparatiroidismo è una condizione clinica causata da carenza del paratormone (PTH), caratterizzata da bassi livelli di calcio (ipocalcemia) e alti livelli di fosfati (iperfosfatemia).


Intossicazione da monossido di carbonio

Il monossido di carbonio (CO) è un gas inodore, incolore, non irritante e si annovera tra le sostanze che mietono più vittime per intossicazione acuta.

 


Norovirus negli alimenti

I norovirus sono i virus che causano una delle poche malattie virali umane che si trasmettono con gli alimenti.


Duodenite

La duodenite e' l'infiammazione del duodeno, la prima parte dell'intestino tenue ed e' causata da una presenza eccessiva di succhi gastrici acidi.


Carcinoma squamo cellulare

Il carcinoma squamo cellulare è una forma di cancro che colpisce la pelle, e si sviluppa, a patire dalle cellule squamose.


Tumore della vescica

Il tumore vescica è una tipologia di cancro che interessa l'organo deputato all'immagazzinamento dell'urina nella zona pelvica maschile, la vescica.