Dolore muscolare e DOMS

L'allenamento della forza comporta spesso la comparsa di indolenzimento o dolore muscolare, che può insorgere mentre ci si allena o durante il recupero successivo all'esercizio.

In alcuni casi, il dolore muscolare insorge più tardivamente, da dodici a quarantotto ore dopo l'esercizio fisico.

Questo tipo di dolore è chiamato dolore muscolare tardivo (o successivo), o Delayed-Onset Muscle Soreness, da cui il noto acronimo DOMS).

Il dolore muscolare acuto, che dura al massimo un'ora dalla fine dell'esercizio, per poi scomparire, potrebbe essere provocato da una riduzione del flusso sanguigno al muscolo (ischemia) e dall'accumulo di prodotti del metabolismo (ioni di idrogeno dell'acido lattico).

Il DOMS sembra invece dipendere dal tipo di contrazione muscolare, in particolare dalla contrazione di tipo eccentrico, che genera dolori maggiori rispetto a quella di tipo concentrico o isometrico, mentre le contrazioni isotoniche producono un DOMS minimo.

Non è ancora chiaro quali siano i meccanismi che provocano il DOMS, di seguito riportiamo le ipotesi più accreditate: quella dello spasmo, quella delle lesioni del tessuto connettivo, e quella delle lesioni del muscolo.

DOMS

Secondo la prima ipotesi, il DOMS sarebbe semplicemente una versione più "violenta" del dolore acuto. L'ischemia insorta durante l'esercizio fisico produrrebbe un accumulo di sostanze che provocano dolore. Questo stimolerebbe a sua volta contrazioni muscolari riflesse o spasmi, con un aumento dell'ischemia la quale, a sua volta, contribuirebbe al dolore e di nuovo allo spasmo, in un circolo vizioso che porterebbe alla fine al dolore che si avverte solo dopo molte ore dall'esecuzione dell'esercizio fisico.

La seconda ipotesi indica come responsabile dei DOMS il trauma del tessuto connettivo e delle inserzioni tendinee, e nasce dalla scoperta di Abraham, che dimostrato la presenza di una secrezione più elevata di idrossipolina, uno dei metaboliti presenti quando avviene la rottura del tessuto connettivo, negli atleti soggetti da DOMS.

 

 

L'ipotesi della lesione del tessuto muscolare nasce dall'evidenza sperimentale. In alcuni studi, i muscoli di soggetti che avevano eseguito sforzi di tipo eccentrico presentavano lesioni delle linee Z del sarcomero, e concentrazioni oltre la norma di enzimi tipicamente associati a lesioni muscolari. Secondo questa teoria, quindi il dolore sarebbe causato da microlesioni del tessuto muscolare, dunque non veri e propri infortuni.

I DOMS fanno bene o male?

Abbiamo visto che il DOMS è un tipo di dolore molto probabilmente correlato a microlesioni del muscolo, nella sua componente contrattile e/o del tessuto connettivo.

Questi microtraumi, alla lunga, potrebbero portare a danni più gravi, acuti o permanenti, e quindi viene da chiedersi se i DOMS siano indice del fatto che ci si è allenati in modo corretto (quindi una cosa positiva), oppure in modo eccessivo (quindi una cosa negativa, da evitare).

Il DOMS non è di certo paragonabile ad un infortunio, e quindi una cosa da evitare sempre, per quanto possibile. Tuttavia, si può fare un ragionamento di tipo diverso che porta comunque alla medesima conclusione: di sicuro la comparsa del DOMS impedisce di allenarsi in modo efficace per almeno 3/4 giorni, e questo già dovrebbe indicare la soluzione del problema, e cioè che il DOMS non deve essere ricercato nell'allenamento, perché allunga troppo i tempi di recupero.

Un atleta non può permettersi di certo di allenare le gambe una volta a settimana (i DOMS alle gambe possono tranquillamente durare 5 giorni, se gli allenamenti sono davvero tosti), se escludiamo alcuni modelli di allenamento basati su frequenze molto basse con intensità elevatissime, che tuttavia sono peculiari solo dell'ambiente del body building e non di certo degli sport dove è importante la performance.

Il dolore successivo, quindi, è tollerabile durante i primi allenamenti dopo una lunga pausa, quando compare anche se lo sforzo è relativamente basso; è tollerabile dopo gli sforzi massimali sporadici (come le competizioni), ma in generale, negli allenamenti, è indice del fatto che si è ecceduto troppo con i carichi o con il volume di allenamento e quindi non è di sicuro qualcosa da ricercare, o un indice del fatto che ci si è allenati bene.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Sport


HIIT (High Intensity Interval Training)

Con l'acronimo HIIT s'intendono tutti i metodi di allenamento basati su durate molto brevi e intensità molto elevate. Dura solo 5-10 minuti, ma non è tutt'oro quel che luccica...


Tabata (metodo di allenamento): funziona?

Il metoto Tabata è un protocollo ad alta intensità sviluppato dall'omonimo scienziato giapponese negli anni '90. Scopriamo che non è tutto oro quel che luccica...


Ciclismo: storia, fisiologia, consumo calorico

Tutto sul ciclismo: la storia, la fisiologia e il consumo calorico.


Nuoto: fisiologia e calorie consumate

Tutto sul nuoto: la storia, la fisiologia e le calorie consumate.

 


Camminare - Nordic walking, power walking, fit walking

I tipi di camminata diventati sport potenzialmente allenanti: walking, power walking, fit walking. Quante calorie si consumano?


Nordic Walking o camminata nordica

Il Nordic Walking, o camminata nordica, è uno dei metodi di camminata assistita da bastoncini. Scopriamo se è efficace e a chi è consigliato.


Consumo di calorie nella corsa in salita

Quante calorie si consumano nella corsa in salita? Calcoliamolo in modo approssimativo utilizzando i dati presenti in letteratura.


Triathlon sprint: programma di allenamento avanzato

Triathlon sprint: il programma avanzato, per chi è già allenato alla distanza e vuole testare i propri limiti.