Tabasco

Il Tabasco è una salsa piccante a base di peperoncini ridotti in purea e fatti macerare con aceto e sale in botti di quercia, per tre anni. La formula del tabasco è brevettata dalla famiglia McIlhenny, che depositò il brevetto nel 1870, dopo la guerra di successione.

La storia del tabasco è molto interessante e vale la pena soffermarsi brevemente sulle origini di questa salsa piccante così famosa: vediamo dunque come e dove nasce il tabasco.

Breve storia del tabasco

La storia del Tabasco è fortemente legata al territorio dell'isola di Avery, in Louisiana, che non è un'isola vera e propria ma un monte fatto di roccia molto ricca di sale.

La famiglia McIlhenny si rifugiò nell'isola di Avery nel 1863, durante la guerra di secessione

I soldati dell'unione, però, presero l'isola (molto importante a causa delle cave di sale) e la famiglia McIlhenny fu costretta a fuggire in Texas.

Tabasco

Quando tornò, dopo la guerra, la proprietà era distrutta, era rimasta solamente una piantagione di peperoncini messicani: fu allora, nel 1868, che la famiglia decise di far diventare remunerativa quella risorsa e creò una salsa, fatta con sale dell'isola, aceto e peperoncini. Questa salsa ebbe un tale successo che nel 1870 fu brevettata e fece la fortuna della famiglia McIlhenny.

Varietà di tabasco

Il tabasco è proposto nella versione classica e con 4 ricette alternative.

  • La Salsa Tabasco con peperoni verdi Jalapenos, dal gusto più delicato e meno forte;
  • La Salsa Tabasco con aglio, meno piccante ma più aromatica grazie all'aglio;
  • La Salsa Tabasco Habanero, prodotta con i famosi peperoncini Habanero della Jamaica, tra i più piccanti al mondo, ai quali viene aggiunta purea di tamarindo, banana, mango e papaya, che donano un'ulteriore nota esotica e fruttata alla salsa.
  • La Salsa Tabasco gusto affumicato, adatta soprattutto per cibi cotti al barbeque.

 

 

Uso in cucina

Il Tabasco è un ingrediente molto versatile, conferisce ai piatti un sapore piccante tipico del peperoncino, ma anche una nota acida, tipica dell'aceto e della fermentazione alla quale è sottoposta.

Il tabasco viene anche impiegato nei cocktails, per esempio nella preparazione del famoso Bloody Mary.

Grazie alla sua versatilità e al ridottissimo apporto calorico, è un ingrediente importante della cucina Sì.

La Salsa Tabasco con peperoni verdi Jalapeno, si adatta molto bene alla pizza, alle insalate, alla pasta, nelle minestre, alle uova, carne e piatti tipici della cucina messicana.

La Salsa Tabasco con aglio è più delicata e quindi può essere usata con i piatti a base di pasta, di pesce o di pollo.

La Salsa Tabasco Habanero è particolarmente piccante, è dunque ideale per che ama i sapori forti. Può essere utilizzata con la carne alla griglia o con i piatti speziati, nella cucina messicana o semplicemente al posto del peperoncino, per dare un tocco particolare alle preparazioni.
La Salsa Tabasco gusto affumicato è adatta nella carne alla griglia e in tutti i casi in cui si voglia dare un tocco affumicato alle preparazioni.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA)

Gli Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA) sono sostanze cancerogene che si sviluppano a causa delle alte temperature e quindi anche nella preparazione di svariati alimenti.


Valeriana o songino

Valeriana: un tipo di lattuga da non confondersi con la valeriana officinalis. Scopriamo le sue proprietà e come utilizzarla in cucina.


Diossine e PCB: cosa sono e come difendersi dai rischi alimentari

Le Diossone e i PCB sono tra i contaminanti ambientali e alimentari più pericolosi: ecco come arrivano nel cibo e come evitarli.


Vini Supertuscan

Supertuscans: i grandi vini rossi toscani che hanno deciso di fare a meno delle denominazioni Doc e Docg.

 


Vino rosé Pamplemousse

Vin de Pamplemousse, la bevanda a base di vino e succo di pompelmo che viene dalla Francia.


Vino blu (Gik)

Il primo vino blu del mondo (prodotto dalla compagnia Gik), realizzato a tavolino da un'azienda spagnola, ha destato scalpore e curiosità.


Burrolì: no grazie!

Burrolì: il surrogato del burro fatto con olio di riso, burro di cacao e olio extravergine, che pretende (a torto) di essere un ottimo sostituto del burro.


Furano negli alimenti: cos'è, dove si trova e come evitarlo

Il furano è una molecola potenzialmente cancerogena per l'uomo: scopriamo dove si trova e come evitarlo negli alimenti..

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.