Bloody Mary

Il Bloody Mary è uno dei cocktail storici più famosi ed apprezzati. È nato negli anni Trenta a New York ad opera dell’attore George Albert Jessel che fu il primo a mescolare vodka e succo di pomodoro e chiamò questa bevanda Red Snapper. Qualche anno più tardi spettò al barman dell’Harry’s Bar di Parigi, Fernand Petiot, codificare il cocktail Bloody Mary così come lo conosciamo oggi e quindi con l’aggiunta di succo di limone, salsa Worcester, tabasco, sale, pepe e sedano.

Il nome Bloody Mary è un omaggio alla regina Maria I Tudor d'Inghilterra, detta appunto Maria la Sanguinaria, per la sua politica estremamente repressiva nei confronti degli eretici, ed il suo colore rosso vivo ricorda appunto il rosso del sangue.

Il Bloody Mary, dato il suo limitato apporto alcolico ed il suo sapore leggermente amarognolo, viene servito sia di mattina prima di pranzo sia per l'aperitivo serale.

Varianti del Bloody Mary:

  • Virgin Mary: analcolico, rimangono invariati gli ingredienti e viene eliminata la vodka
  • Ruddy Mary: con il Gin al posto della vodka
  • Bloody Geisha: con il Sake al posto della vodka
  • Bloody Maria: con la Tequila al posto della vodka
  • Brown Mary o Whiskey Mary: con il Whiskey al posto della vodka
  • Bloody Bishop: con lo Sherry al posto della vodka
  • Red Eye: con la birra al posto della vodka
Bloody Mary

Caratteristiche del Bloody Mary

Tipo di cocktail: any time, pre dinner, medium drink.

Grado alcolico: 10,9° alcolici.

Categoria alcolica: mediamente alcolico (cosa significa?)

Ricetta IBA del Bloody Mary

  • 4.5 cl Vodka
  • 9.0 cl succo di pomodoro
  • 1.5 cl succo di limone
  • una spruzzata di tabasco
  • una spruzzata di salsa Worchester
  • sale e pepe
  • una costa di sedano come decorazione

Il Bloody Mary può essere shakerato o anche costruito direttamente nel bicchiere, l’importante è sciogliere prima il succo di pomodoro molto denso con il succo di limone. Può essere servito sia in un Old Fashioned che in un Tumbler con del ghiaccio. Prima di servirlo si può decorare con la classica costa di sedano, oppure con uno spiedino di olive, con un gamberetto o con degli asparagi sottaceto.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Pan di Spagna - Ricette

Il pan di Spagna è una delle preparazioni di base della pasticceria, utilizzato per preparare un gran numero di ricette, dalla torta mimosa alla zuppa inglese.


La torta margherita

La torta margherita: un dolce dalle umili origini, oggi non molto diffuso, che assomigliava molto ad un pan di spagna.


Marmellata di ciliegie

Marmellata di ciliegie: scelta della frutta, quantità di zucchero, uso della pectina, cottura e invasettamento.


Pasta frolla

La pasta frolla: una delle preparazioni di base della pasticceria, utilizzata soprattutto per preparare crostate e biscotti.

 


La torta della nonna

La torta della nonna: un dolce semplice, dalle origini incerte, ma molto calorico.


I cantucci o biscotti di Prato

I cantucci o cantuccini o biscotti di Prato: dalle origini alla ricetta casalinga.


Pasta gamberi e zucchine

Pasta gamberi e zucchine: la ricetta di uno dei piatti più conosciuti della cucina di mare.


Pasta cresciuta

La pasta cresciuta, un classico della cucina napoletana, sono frittelle di un impasto di acqua, farina e lievito.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.