Astice

L'astice (Homarus gammarus) è il crostaceo più grosso presente nel Mediterraneo e, dopo l'aragosta, il più pregiato e costoso sul mercato.

Caratteristica peculiare, che lo differenzia nettamente dall'aragosta, sono le due grosse chele anteriori, di dimensioni diverse fra loro, che vengono usate soprattutto per difesa e per la cattura delle prede.

L'astice possiede due paia di antenne, un paio corte e un paio lunghe quanto tutto il corpo, le altre due paia di appendici dietro alle chele oltre che per il movimento possiedono pinze che possono essere usate per portare il cibo alla bocca, le ultime due paia posteriori servono solo per la locomozione. Il carapace è liscio due sole spine si trovano dietro agli occhi, il colore è nero bluastro con riflessi giallastri sul dorso.

Come tutti i crostacei l'astice è rivestito da una spessa corazza, l’esoscheletro, la crescita deve avvenire perciò per mute successive con le quali l’animale si libera della vecchia corazza e ne costruisce una nuova più grande.

L'astice può raggiungere dimensioni superiori a 60 cm ed un peso di 6 kg.

Vive fino a 100 metri di profondità, su fondali misti con sabbia e roccia, fino a 100 m di profondità, e si riproduce nei mesi estivi.

Si trova in tutto il Mediterraneo, ma è molto più frequente in Adriatico.

Astice

L'astice è un animale territoriale, che vive in tane scavate nella sabbia o ricavate in anfratti rocciosi. È più attivo nelle ore notturne, per cacciare soprattutto molluschi.

Valori nutrizionali dell'astice

Come si pesca l'astice

L'astice si pesca si pesca con reti da posta, tremagli, in Adriatico si cattura spesso con reti a strascico.

Cucinare l'astice

Gli individui freschi sono riconoscibili per i colori vivaci e l'assenza di cattivi odori. Non è frequente trovare in commercio astici del Mediterraneo, spesso si consuma una specie atlantica che può essere riconosciuta per il colore più uniforme e la mancanza di riflessi giallastri sul dorso. Questo fenomeno è dovuto al fatto che le catture sono più frequenti in Atlantico ed il prezzo è inferiore.

 

 

L'astice viene consumato bollito per 10 minuti, immerso ancora vivo in acqua fredda, oppure stufato in un fondo di cottura con olio, aglio, prezzemolo e pomodoro, per cucinare i classici spaghetti all'astice.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Vino blu (Gik)

Il primo vino blu del mondo (prodotto dalla compagnia Gik), realizzato a tavolino da un'azienda spagnola, ha destato scalpore e curiosità.


Burrolì: no grazie!

Burrolì: il surrogato del burro fatto con olio di riso, burro di cacao e olio extravergine, che pretende (a torto) di essere un ottimo sostituto del burro.


Furano negli alimenti: cos'è, dove si trova e come evitarlo

Il furano è una molecola potenzialmente cancerogena per l'uomo: scopriamo dove si trova e come evitarlo negli alimenti..


Micotossine dell'ergotismo

Tra le manifestazioni più importanti di intossicazioni da micotossine troviamo senz'altro l'ergotismo, patologia causata dalla farina di segale contaminata dalla muffa Claviceps purpurea.

 


Micotossine

Le micotossine sono sostanze tossiche, spesso cancerogene, prodotte dalle muffe che facilmente contaminano le derrate alimentari.


Aflatossine

Le aflatossine sono micotossine (cioè tossine prodotte da funghi) cancerogene che si producono abbastanza facilmente nei cereali, nella frutta secca e in altri alimenti di uso comune.


Latte di bufala

Il latte di capra è più adatto alla produzione di formaggi freschi o poco stagionati, poiché non resiste alle alte temperature.


Salumi ed insaccati

In questa pagina trovi una descrizione dei salumi e degli insaccati, un elenco dettagliato dei salumi tradizionali italiani, e di alcuni salumi internazionali.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.