Zanchetta o suacia

La zanchetta, chiamata anche pataraccia o suacia, nome scientifico Arnoglossus laterna, è un piccolo pesce di acqua salata con abitudini bentoniche simile in tutto e per tutto ad una piccola sogliola. La zanchetta appartiene alla famiglia delle Bothidae.

Predilige fondali sabbiosi o fangosi nei quali vive mimetizzandosi ed è diffusa in tutto il Mar Mediterraneo e nell'Oceano Atlantico settentrionale dalla Norvegia alle Azzorre. Vive dai 10 ai 200 metri di profondità.

Come la sogliola, è un pesce piatto, ha due occhi situati nella parte dorsale all'estremità del capo e una bocca prominente munita di piccoli denti acuminati.

La sua colorazione è grigio-biancastra sul lato cieco e grigio-giallastra sul lato dorsale.

Pesca e commercio della zanchetta

Zanchetta

I migliori mesi per mangiare la zanchetta sono quelli invernali quando viene pescata in abbondanza con reti a strascico.

Viene commercializzata fresca, a prezzi irrisori poiché non è considerata un pesce di pregio, ma piuttosto un pesce povero, poiché ha sì carni bianche molto delicate, ma purtroppo è un pesce molto spinoso e ci si mangia poco.

 

La zanchetta in cucina

Essendo di dimensioni ridotte, tra 5 e 15 cm, la zanchetta viene cucinata e mangiata intera, con le lische, è uno degli ingredienti immancabili nel classico fritto di paranza. Si abbina bene anche alla salvia fritta.

 

 

Esemplari più grandi, di circa 20 cm, possono essere utilizzati da cucinare sulla griglia, o al forno, stando bene attenti a non bruciarli (cuoce in pochissimo tempo).

Alcune ricette che vedono protagonista la zanchetta sono i tortini di pesce, la mugnaia, il cartoccio.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Lo zucchero fa male?

Lo zucchero fa male? Analizzando il documento ufficiale dell'OMS scopriamo che non è così 'tossico' come molti vorrebbero farci credere...


Quanto zucchero al giorno?

Quanto zucchero possiamo assumere al giorno? Facciamo chiarezza analizzando il documento ufficiale dell'OMS.


Fruttosio

Il fruttosio: lo zucchero a basso indice glicemico e con potere dolcificante (teorico) superiore al saccarosio.


Antiossidanti

Gli antiossidanti sono additivi utilizzati per evitare l'irrancidimento ossidativo, gli imbrunimenti e altre alterazioni causate dall'ossigeno. Alcuni di essi sono innocui, altri potenzialmente a rischio.

 


Burro a ridotto contenuto di colesterolo: un prodotto inutile!

Il burro a ridotto contenuto di colesterolo ne contiene l'80% in meno, tuttavia non essendo il burro una fonte importante di colesterolo, non ha molto senso utilizzarlo.


Burro light o a ridotto contenuto calorico: lasciamo perdere!

Il burro light (o leggeto, o a ridotto contenuto calorico) contiene la metà dei grassi e delle calorie rispetto al burro, ma ciò nonostante rimane un prodotto che non comporta vantaggi particolari.


Cioccolato rosa o ruby

Il cioccolato rosa o ruby (rubino): la novità del 2017, assolutamente naturale, senza coloranti, prodotto dalla casa cioccolatiera Callebaut.


Margarina

La margarina è un grasso alimentare solido, prodotto industrialmente, utilizzato come surrogato del burro, da evitare nella stragrande maggioranza dei casi.