Fichi

Calorie e valori nutrizionali dei fichi

Calorie e valori nutrizionali dei fichi secchi

I fichi sono il frutto di una pianta originaria del Medio Oriente, il Ficus carica. Noti fin dall'antichità, erano molto graditi dai Greci e dai Romani.

Esistono moltissime varietà di fichi, i più comuni sono quelli verdi, seguiti da quelli neri. Alcune specie, chiamate bifere, maturano due volte l'anno, le unifere, invece fruttificano solo una volta.

I fichi che maturano a maggio sono detti fioroni, sono in genere più grossi e meno dolci di quelli che maturano a luglio e agosto (detti fichi forniti), e in settembre ( fichi tardivi).

I fichi sono frutti molto dolci, e infatti hanno un contenuto calorico molto alto: 74 kcal per 100 g, comparabile a quello di uva e mandarini e molto più alto rispetto a quello indicato nelle tabelle nutrizionali italiane. Hanno un indice di sazietà medio, sono lassativi e fanno parte di quella categoria di alimenti che può causare allergie in soggetti predisposti.

Fichi freschi e trasformati

I fichi freschi sono frutti molto delicati, il che rende molto difficile il trasporto e la commercializzazione. Per questo motivo il consumo è piuttosto limitato e anche la coltivazione è ridotta: la maggior parte delle piante sono lasciate all'abbandono o vengono raccolte solo per il consumo locale o addirittura familiare.

Inoltre in Italia la produzione dei fichi si ottiene con impianti arborei di vecchia costituzione, per lo più inseriti all'interno di uliveti o formati da piante sparse, ubicati in terreni impervi in cui è difficile razionalizzare le operazioni colturali. Questa situazione rende ancora più difficile la raccolta dei fichi e la loro commercializzazione.

Molto più diffusi sono i fichi trasformati.

 

 

 

Fichi

I fichi secchi sono prodotti facendo essiccare al sole per circa una settimana i fichi freschi, in seguito vengono sterilizzati in vari modi e commercializzati. Spesso vengono conservati con anidride solforosa (come l'uva secca), quindi è bene leggere l'etichetta nutrizionale e scegliere quelli senza conservanti. Spesso si trovano arricchiti con frutta secca (posta al loro interno), e ricoperti di glassa o di cioccolata.

La marmellata di fichi al naturale o con varianti sul tema (al limone, al rhum, all'arancia) ma soprattutto i fichi canditi e i fichi caramellati sono molto diffusi, questi ultimi si possono consumare sul pane o meglio con formaggi piccanti e molto saporiti.

Nella sezione Cucina Sì Online trovate alcune ricette Sì a base di fichi, come le marmellate con il 40% di zuccheri.

Una curiosità: i fichi di Cosenza hanno ottenuto la denominazione DOP il cui disciplinare li individua come "i frutti essiccati di fico domestico “Ficus carica sativa”, appartenenti alla varietà “Dottato” o “Ottato”". La raccolta viene effettuata manualmente nel periodo compreso fra il 10 agosto ed il 10 ottobre. L'essicazione di questi fichi viene per lo più fatta in maniera naturale alla luce diretta del sole (essiccazione tradizionale), ma il disciplinare prevede anche un altro metodo, in serra protetta (essiccazione protetta), e dura dai 3 ai 7 giorni.

 

 

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Indice insulinico

L'indice insulinico misura l'effetto di un alimento sui livelli di insulina.


Carico glicemico

Il carico glicemico dipende dall'indice glicemico e dal contenuto in carboidrati degli alimenti. È un indice abbastanza inutile.


L'indice glicemico

L'indice glicemico degli alimenti indica la velocità con cui aumenta la glicemia in seguito all'assunzione dei vari alimenti.


Salsa alioli o aioli

La salsa alioli o aioli, la maionese a base di aglio ideale per le patate e il pesce.

 


Indice di sazietà degli alimenti

Il potere saziante dei cibi è una variabile fondamentale per controllare lo stimolo della fame.


Densità calorica

La densità calorica esprime la quantità di calorie per unità di peso degli alimenti, si misura in kcal/hg ed è il parametro più importante da conoscere per gestire la propria alimentazione.


Acidi grassi

Gli acidi grassi, i fondamentali componenti dei lipidi, si suddividono in grassi saturi, monoinsaturi e polinsaturi.


Grassi trans e grassi vegetali idrogenati

I grassi trans e i grassi vegetali parzialmente idrogenati: quali sono le differenze e quali effetti hanno sulla salute.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.