Disidrosi

La disidrosi, nota anche come eczema disidrotico o pompholi, è una patologia a carico della pelle, in cui piccole vesciche, piene di liquido (siero), appaiono sui palmi delle mani e ai lati delle dita. Le dermatite può inoltre colpire anche la pianta dei piedi. Le vesciche della disidrosi, generalmente, durano tre settimane e causano principalmente un prurito intenso. È una condizione fisicamente ed esteticamente molto fastidiosa. Una volta che le bolle di disidrosi si sono seccate la pelle può apparire squamosa. Le vesciche tendono a rigenerarsi, spesso ancora prima che la pelle sia completamente guarita. Può presentarsi in forma sporadica, causata dal contatto con alcune sostanze, o cronicamente, in concomitanza con alcune stagioni. Il trattamento per la disidrosi comprende, nei casi più lievi, uso di creme e unguenti da applicare localmente nelle zone colpite, mentre nei casi più gravi il medico può prescrivere l'uso di pillole corticosteroidi.

Cause

La causa della disidrosi è pressoché sconosciuta. Può essere associata ad una malattia della pelle simile, per esempio alla dermatite atopica, nonché a condizioni allergiche, come potrebbe essere per la febbre da fieno. Le eruzioni possono essere stagionali, come è tipico nelle persone che sviluppano allergie ai pollini con sintomi nasali, chiamata rinite allergica.

 

 

 

Fattori di rischio

I fattori di rischio per la disidrosi includono:

  • Stress: la disidrosi sembra essere più comune durante i periodi di stress emotivo o fisico.
  • L'esposizione ad alcuni metalli: questi includono cobalto e nichel, presenti di solito in un ambiente industriale.
  • Pelle sensibile: le persone che sviluppano un'eruzione cutanea dopo il contatto con certe sostanze irritanti hanno anche più probabilità di sviluppare la disidrosi.
  • Eczema atopico: le persone che già soffrono di eczema atopico possono sviluppare eczema disidrotico.
  • Intolleranze alimentari: in alcuni casi la disidrosi è riconducibile ad allergie alimentari.

Sintomi

Le bolle e le vesciche della disidrosi si verificano più comunemente sulle dita delle mani e sui palmi, a volte possono essere colpiti anche i piedi. Le vesciche sono generalmente molto piccole, larghe quando una mina di una matita, piene di liquido e non di rado sono talmente vicine tra loro che sembrano formare una unica grande vescica. Nei casi più gravi le bolle possono essere di dimensioni maggiori. I sintomi principali sono essenzialmente due e comprendono: prurito intenso e dolore. Una volta che le vesciche si asciugano e si sfaldano, la pelle sottostante può apparire arrossata e secca. Le bolle impiegano circa 3-4 settimane per scomparire. La disidrosi tende però spesso a recidivare e potrebbe ricomparire più volte nel giro di mesi o anni.

Diagnosi

Disidrosi

Nella maggior parte dei casi, il medico può diagnosticare la disidrosi sulla base di un esame fisico. Nessun test di laboratorio può specificamente confermare una diagnosi di disidrosi, perché l'analisi del sangue o del contenuto delle vesciche non presentano nessun valore alterato. Il medico può suggerire test per escludere altri problemi che interessano la pelle che possiedono sintomi simili. Ad esempio, può essere svolto un raschiamento della pelle per escludere un tipo di fungo che causa diverse condizioni paologiche, come ad esempio il piede d'atleta. Per escludere le allergie della pelle si può procedere con le prove allergiche, testando la reazione di alcune zone del derma in seguito all'esposizione a vari allergeni. Il paziente, grattandosi per il prurito, potrebbe tagliarsi e rendere la pelle vulnerabile alle infezioni e ai batteri, se il medico dovesse sospettare un'infezione, potrebbe prescrivere un esame colturale della pelle.

Terapia

 

 

A seconda della gravità dei segni e dei sintomi, le opzioni di trattamento possono includere:

  • Corticosteroidi: sotto forma di crema ed unguenti, i corticosteroidi sono soluzioni abbastanza potenti, che possono contribuire ad accelerare la scomparsa delle vesciche. Avvolgendo la zona trattata in un involucro di plastica si può migliorare l'assorbimento della crema da parte della pelle velocizzando il processo, così come utilizzando creme emollienti, per ammorbidire la pelle. Nei casi più gravi, il medico può prescrivere farmaci corticosteroidi, come il prednisone. I corticosteroidi, essendo antinfiammatori forti, se usati per lunghi periodi possono però causare fastidi ed effetti collaterali, come l'assottigliamento della pelle.
  • Fototerapia: se i corticosteroidi non sono efficaci o sono troppo aggressivi, è possibile utilizzare un particolare tipo di terapia della luce, che unisce l'esposizione ai raggi ultravioletti con dei farmaci (farmaci fotosensibilizzanti, sotto forma di crema solitamente), che aiutano a rendere la pelle più ricettiva agli effetti di questo tipo di luce. La fototerapia non è invasiva, ma non si conosco i suoi effetti a lungo termine.
  • Unguenti immunosoppressori: farmaci come il tacrolimus e il pimecrolimus, utilizzanti anche nelle terapie per l'eczema atopico, possono essere utili per le persone che vogliono limitare la loro esposizione agli steroidi. Questi farmaci aiutano il sistema immunitario a combattere l'infiammazione. Un effetto collaterale di questi farmaci è la possibilità di rendere la pelle più suscettibile alle infezioni.
  • Iniezioni di tossina botulinica: alcuni medici possono raccomandare iniezioni di tossina botulinica per il trattamento di casi gravi di disidrosi, essendo un trattamento ancora in fase di sperimentazione, non è raccomandato come approccio iniziale.

Altri rimendi per ridurre la sensazione di prurito e di dolore possono comprendere impacchi freddi e l'assunzione di farmaci antistaminici.

 

 

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Granuloma piogenico

Il granuloma piogenico è una neoformazione benigna relativamente diffusa a carico della pelle.


Infarto intestinale

L’infarto intestinale, o ischemia intestinale, è una grave condizione caratterizzata da una necrosi che colpisce una parte dell’intestino.


Corpo luteo emorragico

Il corpo luteo emorragico si presenta quando si formano delle cisti contenenti del materiale liquido sieroso o del sangue, che vanno incontro ad una rottura improvvisa.


Gastroenterite

La gastroenterite è un'infezione intestinale caratterizzata da diarrea acquosa, crampi addominali, nausea o vomito, e talvolta febbre.

 


Trapianto di cartilagine del ginocchio

Il trapianto di cartilagine del ginocchio è una procedura indicata in pazienti che presentano un difetto a livello della cartilagine articolare del ginocchio.


Cisti sinoviali

I gangli, o cisti sinoviali, sono grumi non cancerogeni che si sviluppano tipicamente lungo i tendini o le articolazioni.


Fistole anali

Con il termine fistola anale si intende la formazione di un piccolo canale vicino all’uscita dell’ano.


Granuloma anulare

Il granuloma anulare è un’infiammazione della pelle che comunemente si presenta con piccole lesioni sulla cute.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.