Casseruole e tegami

Le casseruole e i tegami sono pentole a bordo alto, indispensabili per bollire, cuocere a vapore, preparare minestroni, zuppe, sughi e quant'altro.

Prima dell'acquisto pensate bene a cosa vi serviranno le casseruole e a dove riporle. Questi utensili sono molto ingombranti ed è quindi importante acquistare solo quelli strettamente necessari.

Possono essere dotate di due piccoli manici o di un manico lungo, con o senza contromanico.

Potete cominciare da due casseruole in acciaio: una da 5 litri, da utilizzare tutti i giorni, l'altra più grande (7 litri) per le occasioni particolari. Poi una o due casseruole più piccole in alluminio (2 - 3 litri), con rivestimento antiaderente, con manico lungo, utili per bollire le uova, preparare ragù, risotti, scaldare piccole quantità di cibo, ecc.

Casseruole e Tegami

Se decidete l'acquisto a breve di utensili speciali, come pentole a pressione, pentole con colapasta interno, couscoussiere, casseruole impilabili, sappiate che quest'ultime possono anche fungere da normali casseruole. Spesso queste pentole speciali sono di ottima qualità e molto costose, è quindi un peccato utilizzarle solo per lo speciale compito per il quale sono state progettate.
Utilizzandole nella cucina di tutti i giorni, salverete spazio e denaro.

Caratteristiche delle casseruole

Il fondo dovrebbe essere spesso e solido, e deve essere molato e non stampato. Controllate che siano presenti i solchi concentrici di molatura sul fondo della pentola.

I manici devone essere saldamente attaccati alla pentola e abbastanza grandi, per consentire una buona presa. I manici lunghi lo devono essere abbastanza da tenere la mano lontana dal calore.

 

Acquistare sempre pentole con il coperchio, poiché arriverà sempre il momento in cui servirà: i coperchi devono incastrarsi perfettamente nel bordo della pentola, per trattenere il vapore all'interno.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Insetti commestibili

Gli insetti commestibili: da esclusivo appannaggio di alcuni popoli etnici a cibo che salverà il futuro mondiale.


Fritto misto all'italiana

Si fa presto a dire fritto misto all'italiana ma le varianti regionali sono tantissime.


Fritto misto di pesce

Il fritto misto di pesce: il secondo piatto di mare per eccellenza, a base di gamberi, calamari e alici.


Fritto di paranza

La paranza o il fritto di paranza: un piatto di mare che prevede una grande varietà di pesci con le lische fritti.

 


Crocchette di patate

Le crocchette di patate o crocchè sono un classico cibo da strada diffuso soprattutto nel Meridione e in Spagna.


Crema fritta - cremini fritti

La crema fritta: uno dei protagonisti del fritto misto all'italiana mangiato sia come contorno che come dessert.


Olive all'ascolana

Le olive all'ascolana, ripiene di carne e fritte: un piatto che dalle Marche ha fatto il giro del mondo.


Quique Dacosta

Enrique detto Quique Dacosta: lo chef spagnolo tre stelle Michelin e presente nell'elenco dei 50 Best Restaurants.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.