Cistite interstiziale

La cistite interstiziale, chiamata anche sindrome della vescica dolorosa, è una condizione cronica che provoca un aumento di pressione vescicale, dolore alla vescica e talvolta anche dolore pelvico. L'intensità del dolore varia da lieve a grave.

La vescica è un organo cavo e muscolare la cui funzione è quella di contenere l'urina. La vescica si espande fino a quando non è piena, momento in cui segnala al cervello che è il momento di urinare, attraverso i nervi pelvici; questo porta allo stato di coscienza lo stimolo di urinare nella maggior parte delle persone.

In persone che soffrono di cistite interstiziale, questi segnali si mescolano, si sente la necessità di urinare più spesso e vengono espulsi piccoli volumi di urina rispetto alla maggior parte delle persone.

La cistite interstiziale spesso colpisce le donne e può avere un impatto duraturo e importante sulla qualità della vita. Nonostante non esista una cura definitiva, i farmaci e altre terapie possono offrire sollievo.

Cause

La causa esatta che porta alla cistite interstiziale non è nota, ma è probabile che molti fattori contribuiscano allo sviluppo della patologia. Ad esempio, le persone con cistite interstiziale possono avere un difetto che interessa l'epitelio della vescica, la perdita di tale rivestimento può consentire alle sostanze tossiche presenti nell'urina di irritare la parete della vescica.

Altri fattori che possono contribuire, ma non dimostrati, includono una reazione autoimmune, fattori genetici, infezioni o allergie.

I fattori che sono associati ad un più alto rischio di sviluppare la cistite interstiziale includono:

  • Sesso: le donne hanno una probabilità maggiore di sviluppare un quadro di cistite interstiziale rispetto agli uomini. I sintomi negli uomini possono imitare quelli della cistite interstiziale, ma sono più spesso associati ad un'infiammazione della prostata (prostatite).
  • Colore della pelle e dei capelli: persone con pelle chiara e capelli rossi sono associate ad un maggior rischio di sviluppare la cistite interstiziale.
  • Età: la maggior parte delle persone con diagnosi di cistite interstiziale hanno 30 anni o più.
  • Disturbi cronici del dolore: la cistite interstiziale può essere associata ad altri disturbi del dolore cronico, come la sindrome dell'intestino irritabile o la fibromialgia.

Sintomi

 

 

I segni e i sintomi della cistite interstiziale variano da persona a persona. Se si è affetti da cistite interstiziale, i sintomi possono variare nel tempo, si possono esacerbare in risposta a eventi comuni, come le mestruazioni, stare in posizione seduta per lungo tempo, lo stress, l'esercizio fisico e l'attività sessuale.

I segni e sintomi della cistite interstiziale includono:

  • dolore a livello del bacino o tra la vagina e l'ano, nelle donne;
  • dolore tra lo scroto e l'ano negli uomini (perineo);
  • dolore pelvico cronico;
  • un bisogno persistente e urgente di urinare;
  • bassa frequenza minzionale, spesso di piccole quantità, durante la giornata e la notte (fino a 60 volte al giorno);
  • dolore o disagio mentre la vescica si riempie e sollievo in seguito ad aver urinato;
  • dolore durante il rapporto sessuale.

La gravità dei sintomi è diversa per tutti e alcune persone possono avere periodi in assenza di sintomi.

Sebbene i segni e i sintomi della cistite interstiziale possono essere simili a quelli di un'infezione urinaria cronica, in genere non è presente un'infezione. Tuttavia, i sintomi possono peggiorare se una persona con cistite interstiziale presenta un'infezione del tratto urinario.

Complicanze

Cistite interstiziale

La cistite interstiziale può provocare una serie di complicanze, tra cui:

  • Riduzione della capacità della vescica di contenere l'urina: la cistite interstiziale può causare un irrigidimento della parete vescicale, che consente alla vescica di trattenere una quantità di urina minore.
  • Minore qualità della vita: la minzione frequente e il dolore cronico possono interferire con le attività sociali, il lavoro e altre attività della vita quotidiana.
  • Problemi di intimità sessuale: l'aumentata frequenza urinaria e il dolore possono interferire nelle relazioni personali e nell'intimità sessuale.
  • Problemi emotivi: il dolore cronico e il sonno interrotto associati alla cistite interstiziale possono causare stress emotivo e possono portare alla deflessione del tono dell'umore.

Diagnosi

Le seguenti indagini possono essere utili per diagnosticare la cistite interstiziale:

  • Storia medica: la descrizione dei sintomi e l'esaminazione del volume dei liquidi che si ingeriscono associata al volume di urina che si elimina, sono fattori importanti ai fini diagnostici.
  • Esame pelvico: durante l'esame pelvico, vengono esaminati i genitali esterni, la vagina, la cervice e viene auscultato l'addome, per valutare gli organi pelvici interni. Può anche essere esaminato l'ano e il retto.
  • Test delle urine: un campione di urina viene analizzato per cercare segni di un'infezione delle vie urinarie.
  • Cistoscopia: viene inserito un tubo sottile con una piccola telecamera (cistoscopio) attraverso l'uretra, mostrando il rivestimento della vescica. Il medico può anche iniettare del liquido nella vescica per misurare la capacità della stessa.
  • Biopsia: durante la cistoscopia (effettuata in anestesia), il medico può rimuovere un campione di tessuto (biopsia) dalla vescica e dall'uretra per esaminarlo sotto un microscopio. Ciò permette di verificare la presenza di un cancro alla vescica e altre cause rare di dolore vescicale.
  • Citologia urina: viene raccolto un campione di urina e si esaminano le cellule per escludere una patologia neoplastica.
  • Prova di sensibilità del potassio: vengono inserite due soluzioni (acqua e cloruro di potassio) nella vescica, una alla volta. In seguito viene chiesto di valutare su una scala da 0 a 5 il dolore e l'urgenza che si sente dopo che ciascuna soluzione è instillata. Se si sente notevolmente più dolore o urgenza con la soluzione di potassio rispetto a quella con l'acqua, si può diagnosticare la cistite interstiziale. Le persone con vescica normale non riescono a distinguere tra le due soluzioni.

Terapia

Nessun trattamento semplice elimina i segni e i sintomi della cistite interstiziale, e nessuno trattamento funziona per tutti. Potrebbe essere necessario provare diversi trattamenti o combinazioni di trattamenti prima di trovare un approccio che riesca ad alleviare i sintomi.

I farmaci orali che possono migliorare le manifestazioni cliniche della cistite interstiziale includono:

  • Farmaci antiinfiammatori non steroidei (FANS), come l'ibuprofene, vengono utilizzati per alleviare il dolore.
  • Antidepressivi triciclici, come l'amitriptilina o l'imipramina, si utilizzano per aiutare a rilassare la vescica e bloccare il dolore.
  • Antistaminici, possono ridurre l'urgenza e la frequenza urinaria e alleviare alcuni sintomi.
  • Polisolfato sodico Pentosano, è approvato specificamente per il trattamento della cistite interstiziale. Il meccanismo di funzionamento è sconosciuto, ma aiuta nel ripristinare l'epitelio interno della vescica, che protegge la parete vescicale da sostanze tossiche presenti nell'urina. Può richiedere due o quattro mesi prima di iniziare ad alleviare il dolore e fino a sei mesi per portare a una diminuzione della frequenza urinaria.

Vi è inoltre la possibilità di effettuare una stimolazione nervosa del nervo sacrale per diminuire la soglia dolorifica, che viene effettuate attraverso la TENS (stimolazione nervosa elettrica transcutanea).

Raramente viene utilizzato l'intervento chirurgico per trattare la cistite interstiziale perché la rimozione della vescica non allevia il dolore e può portare ad altre complicazioni.

Le persone con dolore grave o coloro le cui vesciche possono contenere solo piccoli volumi di urina sono possibili candidati per la chirurgia, ma di solito solo dopo che altri trattamenti sono falliti e i sintomi sono tali da influenzare pesantemente la qualità della vita.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Norovirus negli alimenti

I norovirus sono i virus che causano una delle poche malattie virali umane che si trasmettono con gli alimenti.


Duodenite

La duodenite e' l'infiammazione del duodeno, la prima parte dell'intestino tenue ed e' causata da una presenza eccessiva di succhi gastrici acidi.


Carcinoma squamo cellulare

Il carcinoma squamo cellulare è una forma di cancro che colpisce la pelle, e si sviluppa, a patire dalle cellule squamose.


Tumore della vescica

Il tumore vescica è una tipologia di cancro che interessa l'organo deputato all'immagazzinamento dell'urina nella zona pelvica maschile, la vescica.

 


Criptococcosi

La criptococcosi è una malattia, abbastanza rara, causata da un tipo di fungo, chiamato Cryptococcus, che si trova in quasi tutto il mondo.


Shigella negli alimenti

Shigella è il batterio responsabile della dissenteria, una malattia poco diffusa in Italia ma ancora oggi molto diffusa nel mondo.


Trichinella negli alimenti e trichinosi

La trichinella è uno dei parassiti più pericolosi che si possa prendere dalla carne, se questa non è ben cotta.


Botulino

il botulino: un batterio molto pericoloso che si sviluppa in ambienti poco acidi e anaerobici.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.