Colina

La colina è un nutriente idrosolubile, che l'organismo può sintetizzare autonomamente a partire dalla metionina. Tuttavia, la colina è stata recentemente classificata come nutriente essenziale, che va quindi introdotto necessariamente con l'alimentazione, perché la sintesi endogena è insufficiente a garantire le dosi ottimali per il corretto funzionamento dell'organismo.

La colina fu scoperta da Adolph Strecker nel 1864, e sintetizzata per la prima volta nel 1866. La colina viene generalmente raggruppata insieme alle vitamine del gruppo B.

La colina è fondamentale per la sintesi dell'acetilcolina, un importante neurotrasmettitore coinvolto in molteplici funzioni, tra cui la memoria e il controllo muscolare; fa parte inoltre dei sistemi di trasporto delle membrane cellulari, soprattutto per quanto riguarda il trasporto dei lipidi.

La colina è contenuta soprattutto nel rosso d'uovo, i legumi, il fegato, i cavoli e la lecitina.

Come integratore, la colina è utilizzata per curare o prevenire carenze, per migliorare la performance cognitiva e come bruciagrassi.

Controindicazioni

La colina andrebbe evitata da chi soffre di trimetilaminuria, una malattia genetica abbastanza rara che causa uno sgradevole odore di pesce della pelle, proprio a seguito dell'ingestione di alimenti contenenti colina, che è un precursore della trimetilamina, sostanza che questi soggetti non riescono a metabolizzare a causa di un deficit genetico.

Dosaggi inferiori ai 1 g di colina non comportano in genere alcun effetto collaterale, nei soggetti sani, quantità superiori possono causare problemi intestinali, ipotensione, aumento della salivazione.

Colina integratori

Benefici dell'integrazione di colina

Effetti accertati (forte evidenza)

Compensa la diminuzione dei valori di colina causata dall'assunzione di alcuni farmaci ipolipidemizzanti (acido nicotinico e nicotinammide), e il metotrexate

Cura la carenza di colina

Aiuta il corretto sviluppo del feto e del nascituro, durante la gravidanza

Effetti possibili (prove ancora insufficienti)

Dimuisce la concentrazione plasmatica di omocisteina, proteina C reattiva e TNF

Dosaggio consigliato

Il dosaggio consigliato per prevenire e curare le carenze varia da 250 a 500 mg al giorno, per usi specifici si consigliano fino a 2 g e oltre, ma a questi livelli di assunzione possono insorgere gli effetti collaterali di cui abbiamo parlato.

Conclusioni

 

 

L'integrazione di colina non è necessaria per i soggetti sani che seguono una dieta equilibrata, tuttavia  alcuni studi hanno evidenziato come solo il 2% delle donne in periodo post-menopausale assumano una quantità sufficiente di colina.

L'introito adeguato di colina è pari a 425 mg per le donne (maggiore se in gravidanza) e 550 mg per gli uomini.

L'integrazione di colina è consigliata per le donne che vogliono concepire, per le donne in stato pre-menopausale e per chi assume alcuni farmaci (nicotinici, metotrexate). In tutti questi casi, le dosi e le modalità di assunzione vanno concordate con il medico.

Gli atleti di sport di resistenza e i forti bevitori di alcol potrebbero incappare in carenze di colina, e potrebbero quindi beneficiare di una integrazione.

Gli studi sulla colina non hanno evidenziato particolari vantaggi né dal punto di vista della performance sportiva, né sul fronte della riduzione del grasso corporeo.

Bibliografia

Choline supplementation and measures of choline and betaine status: a randomised, controlled trial in postmenopausal women

Decreased brain choline uptake in older adults. An in vivo proton magnetic resonance spectroscopy study

Trimethylaminuria: the fish-odour syndrome

Choline ingestion does not modify physical or cognitive performance

The effects of choline supplementation on physical performance

Effect of choline supplementation on fatigue in trained cyclists

Dietary Reference Intakes for Thiamin, Riboflavin, Niacin, Vitamin B6, Folate, Vitamin B12, Pantothenic Acid, Biotin, and Choline

Dietary choline requirements of women: effects of estrogen and genetic variation

Choline: an essential nutrient for public health

Repeatability and measurement error in the assessment of choline and betaine dietary intake: the Atherosclerosis Risk in Communities (ARIC) study

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Aminoacidi ramificati

Aminoacidi ramificati: sono davvero utili per gli sportivi? A chi servono, quando assumerli e in quale quantità.


Claudicatio intermittens

La condizione chiamata “claudicatio intermittens” si riferisce ad un dolore, che interessa nella maggior parte dei casi gli arti inferiori.


Ipoparatiroidismo

L'ipoparatiroidismo è una condizione clinica causata da carenza del paratormone (PTH), caratterizzata da bassi livelli di calcio (ipocalcemia) e alti livelli di fosfati (iperfosfatemia).


Intossicazione da monossido di carbonio

Il monossido di carbonio (CO) è un gas inodore, incolore, non irritante e si annovera tra le sostanze che mietono più vittime per intossicazione acuta.

 


Norovirus negli alimenti

I norovirus sono i virus che causano una delle poche malattie virali umane che si trasmettono con gli alimenti.


Duodenite

La duodenite e' l'infiammazione del duodeno, la prima parte dell'intestino tenue ed e' causata da una presenza eccessiva di succhi gastrici acidi.


Carcinoma squamo cellulare

Il carcinoma squamo cellulare è una forma di cancro che colpisce la pelle, e si sviluppa, a patire dalle cellule squamose.


Tumore della vescica

Il tumore vescica è una tipologia di cancro che interessa l'organo deputato all'immagazzinamento dell'urina nella zona pelvica maschile, la vescica.