Withania somnifera

Withania somnifera, comunemente noto come Ashwagandha (letteralmente "odore di cavallo", dal tipico odore della radice fresca) o ginseng indiano, è una pianta della famiglia delle Solanaceae (come il pomodoro, la melanzana e la patata).

Withania somnifera è tradizionalmente utilizzata nella medicina ayurvedica. Viene considerato un integratore in grado di ridurre e prevenire l'ansia (anche in sinergia con l'alcol), combattere l'insonnia e la depressione indotta dallo stress, e di ridurre la concentrazione di cortisolo nel sangue. Per questo motivo viene ritenuta una sostanza utile anche per migliorare le prestazioni atletiche sia dei sedentari che degli atleti. Esistono anche studi sulle malattie mentali, come l'Alzheimer: Withania somnifera sarebbe in grado di migliorare le condizioni dei malati, anche se gli studi in merito sono ancora preliminari.

Withania somnifera è utilizzata anche per i pazienti oncologici, non tanto come antitumorale, quanto per ridurre gli effetti collaterali della chemioterapia, soprattutto l'immunosoppressione.

Controindicazioni

Withania somnifera è una sostanza poco studiata, attualmente viene considerata relativamente sicura se assunta per brevi periodi.

È sconsigliata a chi soffre di malattie autoimmuni, diabete, problemi alla tiroide, ulcera gastrica.

Gli effetti indesiderati più comuni sono i problemi digestivi e il vomito.

Withania somnifera

Benefici dell'integrazione di Withania somnifera

Effetti possibili (prove ancora insufficienti)

Combatte gli stati di ansia, in associazione con terapia respiratoria e dieta adeguata.

Migliora l'attenzione e il controllo nel Disturbo da Deficit di Attenzione e Iperattività.

Migliora la condizione dei soggetti affetti da atassia cerebellare.

Diabete (riduce il livello di glicemia).

Colesterolo alto (riduce i livelli di colesterolo).

 

 

Infertilità maschile. Migliora la qualità dello sperma.

Dosaggio consigliato

La più bassa dose efficace sembra essere di 300-500 mg. La dose ottimale è pari a 6 g al giorno, solitamente suddivise in tre assunzioni da 2 g. La forma che sembra essere più efficace come integratore è l'estratto di radice di Ashwagandha.

Withania somnifera deve essere assunta ai pasti, e se presa solo una volta al giorno, preferibilmente a colazione.

Conclusioni

Withania somnifera è un integratore promettente per diverse patologie, ma il suo uso attualmente è sconsigliato, se non sotto controllo medico, perché le informazioni che abbiamo sono basate su ricerche preliminari, che dovranno essere confermate in futuro.

Bibliografia

A prospective, randomized double-blind, placebo-controlled study of safety and efficacy of a high-concentration full-spectrum extract of ashwagandha root in reducing stress and anxiety in adults

Naturopathic care for anxiety: a randomized controlled trial ISRCTN78958974

A double-blind, placebo-controlled evaluation of the anxiolytic efficacy ff an ethanolic extract of withania somnifera

Withania somnifera improves semen quality by regulating reproductive hormone levels and oxidative stress in seminal plasma of infertile males

Efficacy of Withania somnifera on seminal plasma metabolites of infertile males: A proton NMR study at 800MHz

Withania somnifera Improves Semen Quality in Stress-Related Male Fertility

Exploratory study to evaluate tolerability, safety, and activity of Ashwagandha (Withania somnifera) in healthy volunteers

A standardized Withania somnifera extract significantly reduces stress-related parameters in chronically stressed humans: a double-blind, randomized, placebo-controlled study

Hypoglycemic, diuretic and hypocholesterolemic effect of winter cherry (Withania somnifera, Dunal) root

Effects of Withania somnifera in patients of schizophrenia: A randomized, double blind, placebo controlled pilot trial study

Exploratory study to evaluate tolerability, safety, and activity of Ashwagandha (Withania somnifera) in healthy volunteers

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Aminoacidi ramificati

Aminoacidi ramificati: sono davvero utili per gli sportivi? A chi servono, quando assumerli e in quale quantità.


Claudicatio intermittens

La condizione chiamata “claudicatio intermittens” si riferisce ad un dolore, che interessa nella maggior parte dei casi gli arti inferiori.


Ipoparatiroidismo

L'ipoparatiroidismo è una condizione clinica causata da carenza del paratormone (PTH), caratterizzata da bassi livelli di calcio (ipocalcemia) e alti livelli di fosfati (iperfosfatemia).


Intossicazione da monossido di carbonio

Il monossido di carbonio (CO) è un gas inodore, incolore, non irritante e si annovera tra le sostanze che mietono più vittime per intossicazione acuta.

 


Norovirus negli alimenti

I norovirus sono i virus che causano una delle poche malattie virali umane che si trasmettono con gli alimenti.


Duodenite

La duodenite e' l'infiammazione del duodeno, la prima parte dell'intestino tenue ed e' causata da una presenza eccessiva di succhi gastrici acidi.


Carcinoma squamo cellulare

Il carcinoma squamo cellulare è una forma di cancro che colpisce la pelle, e si sviluppa, a patire dalle cellule squamose.


Tumore della vescica

Il tumore vescica è una tipologia di cancro che interessa l'organo deputato all'immagazzinamento dell'urina nella zona pelvica maschile, la vescica.