Trapianto di cartilagine del ginocchio

Il trapianto di cartilagine del ginocchio è una procedura indicata in pazienti che presentano un difetto a livello della cartilagine articolare del ginocchio, che si manifesta con dolore e un caratteristico rumore a "clic". Questa lesione è generalmente causata da traumatismi acuti, ma può anche verificarsi nel tempo a causa di ripetute lesioni croniche. Il ginocchio si presenta generalmente gonfio e il dolore è localizzato sul sito della lesione della cartilagine. Non è ancora considerata una procedura indicata per l'osteoartrite consolidata. I risultati a lungo termine sono ottimi ma i tempi di riabilitazione sono molto lunghi: l'intervento prevede il non carico per 30-45 giorni post intervento e la ripresa dell'attività sportiva ad alto impatto dai 10 mesi in poi. 

Cartilagine articolare

La cartilagine articolare è la cartilagine ialina che riveste le superfici articolari delle ossa; infatti si trova all'interno della cavità articolare, bagnata dal liquido sinoviale, che è il prodotto della membrana sinoviale, e permette lo scorrimento fra due superfici.

Anche se spesso si trova a stretto contatto con menischi e dischi articolari, la cartilagine articolare non è considerata parte di nessuna di queste strutture, che sono infatti interamente composte da fibrocartilagine.

Le alterazioni biochimiche che interessano la cartilagine articolare producono l'osteoartrosi, il tipo più comune di malattie articolari. L'osteoartrite colpisce molte persone nel mondo ed è la causa principale della disabilità cronica tra gli anziani.

Trapianto di cartilagine articolare del ginocchio

Candidati all'intervento

I candidati ideali al trapianto di cartilagine articolare sono i pazienti giovani che hanno subito un singolo infortunio e hanno una singola lesione al ginocchio. I pazienti con molte lesioni nella stessa articolazione hanno meno probabilità di trarre beneficio da un intervento chirurgico di riparazione della cartilagine, mentre nei pazienti anziani non esiste indicazione a questo tipo di trattamento. Il ginocchio è la zona più comunemente trattata con tecniche di riparazione della cartilagine ma possono essere trattati anche problemi alla caviglia, alla spalla, e in qualche caso selezionato all'anca e al gomito.

Procedura

 

 

La procedura prevede l'esecuzione di una biopsia della cartilagine dal ginocchio sano, eseguita attraverso un'artroscopia, in modo da prelevare cellule cartilaginee (condrociti) dal paziente e valutare anche la dimensione del danno. Successivamente, il prelievo bioptico della cartilagine viene inviato in laboratorio dove le cellule della cartilagine saranno coltivate in una matrice (es. acido ialuronico), il tempo necessario affinché le cellule cartilaginee si moltiplichino a sufficienza e siano utilizzabili è di circa quattro-sei settimane. Una volta che la cartilagine è pronta, sarà poi reimpianta. Tale operazione si effettua in artroscopia, la lesione nello spazio articolare viene ripulita e viene lasciato un piccolo foro attraverso il quale verranno iniettate le cellule cartilaginee coltivate. In questo trapianto non vi sono problemi di rigetto in quanto il donatore e il ricevente sono la stessa persona.

Preparazione preoperatoria

In seguito ad una valutazione clinica accurata dell'articolazione, il paziente generalmente dovrà sottoporsi ai raggi X e a una scansione a risonanza magnetica (RM) del ginocchio in modo da valutare con precisione la posizione e le dimensioni del difetto della cartilagine. A volte, al paziente viene consigliato di eseguire un'artroscopia prima di procedere all'intervento.

Ospedalizzazione

L'artroscopia iniziale eseguita per effettuare la biopsia è una procedura che non necessita di ospedalizzazione. Mentre l'intervento di trapianto di cartilagine richiede il ricovero in ospedale di circa due o tre giorni. La procedura è di solito eseguita in anestesia generale e integrata da un'anestesia della via nervosa femorale per diminuire il dolore postoperatorio.

Cura postoperatoria

Ginocchiera

Sarà necessario utilizzare una fascetta per ginocchia per un periodo fino a tre mesi, a seconda della posizione esatta e della dimensione del danno della cartilagine. La gamma di movimento che sarà consentita dal supporto del ginocchio sarà determinata anche dalla posizione esatta e dalla dimensione del difetto della cartilagine. Generalmente la deambulazione del paziente è limitata per le prime sei settimane.

Fisioterapia

La fisioterapia verrà iniziata nei giorni immediatamente successivi all'intervento e l'ampiezza del movimento consentita sarà determinata anche dalla dimensione esatta e dalla posizione del difetto della cartilagine. La fisioterapia inizialmente sarà concentrata su esercizi statici a livello dei quadricipiti e del bicipite femorale, in modo da mantenere il più possibile invariata la massa muscolare.

Il regime di riabilitazione post-operatorio sarà coordinato attraverso l'ortopedico e il fisioterapista.

Il paziente sarà visto inizialmente ogni due settimane, in seguito sei settimane, poi tre mesi e infine un anno dopo l'intervento.

Il ritorno allo sport è generalmente possibile a un anno dall'intervento. Esercizi specifici per la riabilitazione sportiva tuttavia possono essere avviati anche dopo sei mesi. Alcuni sport, come il nuoto e il ciclismo, possono essere avviati a sei mesi; tuttavia nessuno sport di contatto o ad alto impatto potrà essere eseguito per un anno.

Ritorno al lavoro

Per quanto riguarda il lavoro sedentario, può essere iniziato da due a sei settimane dopo l'intervento chirurgico.

Mentre il lavoro non sedentario, potrà essere avviato da sei settimane a tre mesi dopo l'intervento, a seconda della natura esatta dell'occupazione.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Aminoacidi ramificati

Aminoacidi ramificati: sono davvero utili per gli sportivi? A chi servono, quando assumerli e in quale quantità.


Claudicatio intermittens

La condizione chiamata “claudicatio intermittens” si riferisce ad un dolore, che interessa nella maggior parte dei casi gli arti inferiori.


Ipoparatiroidismo

L'ipoparatiroidismo è una condizione clinica causata da carenza del paratormone (PTH), caratterizzata da bassi livelli di calcio (ipocalcemia) e alti livelli di fosfati (iperfosfatemia).


Intossicazione da monossido di carbonio

Il monossido di carbonio (CO) è un gas inodore, incolore, non irritante e si annovera tra le sostanze che mietono più vittime per intossicazione acuta.

 


Norovirus negli alimenti

I norovirus sono i virus che causano una delle poche malattie virali umane che si trasmettono con gli alimenti.


Duodenite

La duodenite e' l'infiammazione del duodeno, la prima parte dell'intestino tenue ed e' causata da una presenza eccessiva di succhi gastrici acidi.


Carcinoma squamo cellulare

Il carcinoma squamo cellulare è una forma di cancro che colpisce la pelle, e si sviluppa, a patire dalle cellule squamose.


Tumore della vescica

Il tumore vescica è una tipologia di cancro che interessa l'organo deputato all'immagazzinamento dell'urina nella zona pelvica maschile, la vescica.