Costituzione robusta: un luogo comune da sfatare!

"Peso tanto non perché sono grassa/o, ma perché una costituzione robusta".

"Il mio peso forma è alto perché sono di corporatura robusta".

Quante volte si sentono queste frasi, che giustificherebbero una siluette non proprio da ballerina/o? Molto spesso sono gli stessi medici di base o addirittura i dietologi ad affermarle, dunque si tende a dargli una valenza scientifica... Ma è davvero così?

La cosiddetta costituzione robusta è un vero e proprio alibi utilizzato per giustificare uno stato di sovrappeso dovuto semplicemente a un eccesso di grasso, per dimostrarlo è sufficiente analizzare la questione dal punto di vista squisitamente logico (nemmeno scientifico... Insomma basta usare il cervello non occorre aver studiato medicina).

Da cosa dipende il peso corporeo?

Il nostro corpo è formato prevalentamente da:

  • ossa;
  • organi interni;
  • muscoli;
  • grasso corporeo.

La nostra "costituzione" dipende quindi dalla somma di questi quattro addendi. Quando si parla di costituzione o corporatura cosa si intende? Due soggetti della stessa altezza, ma corporatura differente, avrebbero pesi differenti pur se con la stessa percentuale di grasso corporeo. Dunque la corporatura è legata al concetto di peso forma, nel senso che due soggetti con la stessa altezza possono avere un peso forma differente anche se hanno la stessa percentuale di grasso corporeo.

Analizziamo allora questi fattori per capire quali di essi possono cambiare da soggetto a soggetto e l'entità di queste variazioni.

Il peso delle ossa è pari a circa il 20% del peso corporeo (in un soggetto in peso forma), cioè circa 15 kg in un adulto di 70-75 kg.

Anche ammettendo una variabilità molto alta, pari al 15%, del peso delle ossa tra due persone della stessa altezza, stiamo parlando di 2 kg di differenza, e cioè uno scostamento dalla media di appena 1,5 kg. Tali differenze non giustificano dunque una differenza sostanziale nel peso forma.

 

 

Costituzione robusta

Il peso degli organi interni non varia molto: non esistono soggetti sani con fegato, intestino, cuore enormi che giustifichino un peso di diversi chili superiore agli altri.

Rimangono i muscoli e il grasso corporeo, i quali possono variare tantissimo. Dunque, la corporatura robusta, visto che non può essere dovuta al peso delle ossa e degli organi interni, deve dipendere solo dai muscoli.

La muscolatura è senz'altro un fattore genetico: ci sono persone naturalmente molto muscolose e altre molto poco. Le prime in genere ottengono buoni risultati a seguito di un programma di potenziamento, con aumenti sostanziali di massa muscolare, gli altri ottengono risultati scarsi.

Tuttavia quando si parla di costituzione non si intende la massa muscolare, altrimenti si direbbe "sei un soggetto muscoloso", ma dato che spesso questa affermazione non sarebbe supportata dall'evidenza... Si parla di costituzione!

I soggetti che pensano di essere di costituzione robusta in realtà associano due fattori: buona muscolatura ed un eccesso di massa grassa. Sono per esempio gli "armadi" che non hanno la "pancia", ma sono enormi grazie a una distribuzione del grasso uniforme e non localizzata, supportata da una buona muscolatura. Ovviamente il peso forma di questi soggetti è più alto del normale, ma anche in questo caso, analizzando a fondo la questione, si scopre che una muscolatura naturale non può giustificare un aumento di peso di svariati chili... Ne può giustificare solo alcuni.

L'Indice di Massa Corporea di un soggetto muscoloso può arrivare a 23, al massimo a 24 ma stiamo già parlando di soggetti con muscolature da bodybuilder. Non ci credete? Guardate questa foto: questo atleta ha un IMC pari a 23 (1.67 metri per 64 kg), ma ha una muscolatura molto più sviluppata di quella di un soggetto che si definisce "di corporatura robusta".

Ci sono persone con IMC di 25 e oltre che pensano di essere normopeso, quando in realtà la loro massa grassa è ben oltre il 12% (20% per le donne).

Come risolvere il problema?

Se pensate di essere veramente di costituzione robusta, fate una semplice misurazione con una bilancia impedenzometrica (misuragrasso) e verificate di avere una massa grassa inferiore al 12% (20% per le donne).

Una misurazione ancor più semplice riguarda la pliche sottocutanea, ma è una misurazione semplice, solo per gli uomini, che dovrebbero avere gli addominali visibili, cioè uno spessore della cute dell'addome non superiore a un paio di cm.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Dieta


Etichetta a semaforo (traffic light label)

Un recente dibattito dell'Unione Europea sulle etichette a semaforo per aiutare la popolazione ad alimentarsi in modo più equilibrato: vantaggi e svantaggi.


Perché la pizza è difficile da digerire?

Tantissime persone non riescono a digerire correttamente la pizza: non è solo una questione di lievitazione e cottura, ma anche di quantità... Perché il troppo, comunque, stroppia!


La pizza fa ingrassare?

La pizza fa ingrassare? Scopriamo, dati alla mano, se può essere considerata solo uno sgarro alimentare da concedersi ogni tanto, o se è possibile assumerla più di frequente.


Quante calorie ha la pizza?

Quante calorie ha una pizza? Sebbene sia un alimento variabile, è possibile risalire con abbastanza precisione alle calorie totali sia di una margherita che di una pizza condita.

 


La mozzarella fa ingrassare?

La mozzarella fa ingrassare? È tradizionalmente considerato un formaggio adatto in una dieta ipocalorica, in realtà a causa della sua appetibilità è un formaggio pericoloso per la linea!


Calorie del formaggio

Le calorie del formaggio sono molto variabili, ma dividendo i formaggi in categorie è possibile calcolarle in modo molto semplice!


Dolcificanti per dimagrire?

I dolcificanti sono stati bocciati dalla scienza come sostanze utili per dimagrire, tuttavia se usati intelligentemente possono avere una qualche utilità.


La pasta fa ingrassare?

La pasta fa ingrassare? Dipende dal sugo... Ma non dalle calorie o dai grassi, quanto dalla densità calorica.