Brownies

Il brownie è un dolce tipico statunitense, una sorta di torta al cioccolato tagliata e servita a quadretti o a rettangoli, per questo viene più spesso chiamato al plurale, brownies.

L'origine dei brownies

Il nome deriva dal suo caratteristico colore marrone (in inglese infatti "brown" sta per marrone) dato dal cioccolato. La leggenda racconta che il cuoco che inventò il brownie fu un pasticcere sbadato che dimenticò di aggiungere il lievito alla torta al cioccolato che stava preparando, quando si rese conto l'assaggiò e la trovò comunque buona, la tagliò a pezzetti e la fece assaggiare ai suoi colleghi e amici per vedere se poteva piacere ugualmente. Infatti, la ricetta originale dei brownies non prevede l'aggiunta di lievito (alcune ricette lo utilizzano, ma in piccola quantità), ma solo cioccolato fuso, farina, burro e uova.

I brownies hanno avuto molto successo in Nord America dove vengono consumati a colazione o a merenda per accompagnare una tazza di tè o caffè. Da qualche tempo spopolano anche nel resto del mondo, anche in Italia non mancano pasticcerie, bar o ristoranti che propongono brownies rivisitati, probabilmente perchè la base di preparazione è molto semplice e si può arricchire e personalizzare a piacere senza stravolgere il risultato finale ma garantendo sempre e comunque l'effetto gustoso. E come potrebbe essere il contrario considerato il mix vincente di cioccolato e burro! Quindi si possono aggiungere all'impasto scorze di arancia, sciroppo di menta, vaniglia, miele, mandorle, caffè, marmellata o frutta fresca. Esiste anche una versione chiara del brownie, eseguita con lo stesso procedimento ma sostituendo il cioccolato fondente con il cioccolato bianco e per questo chiamata "blondie". 

 

 

 

Sì o No?

Basta leggere gli ingredienti per capire che nei brownies di dietetico c'è ben poco ed è inutile cercare di porvi rimedio in qualche modo, per esempio riducendo la quantità di burro o di zucchero. I brownies hanno 450 kcal/hg e dunque sono ben lontani dalle 250 kcal/hg dei dolci sì. Dunque, dobbiamo considerare questi biscotti come qualcosa da concedersi una volta ogni tanto, soprattutto per toglierci la voglia di mangiare del cioccolato. In questo senso, i brownies rappresentano una interessante alternativa al cioccolato in tavoletta, perché 100 g di questi dolcetti possono essere più soddisfacenti (perché più voluminosi) di una tavoletta di cioccolato.

La ricetta dei brownies

Brownies ricette

Di ricette per i brownies ce ne sono tante, e sono tutte abbastanza simili, tuttavia nel risultato finale di differenze se ne riscontrano, soprattutto come consistenza dell'interno, che nei brownies fatti a regola d'arte deve essere rigorisamente umida e scioglievole. La cottura dunque rappresenta un fattore critico, bisogna fare un po' di esperienza per capire come vanno cotti in modo ottimale con il proprio forno (vedi a proposito l'articolo sui forni casalinghi). La ricetta che vi propongo è quella di Jamie Oliver, leggermente modificata (ho ridotto la quantità di burro per evitare di avvertirne l'untuosità in bocca).

 

 

Ingredienti per 20 brownies:

  • 200 g burro

  • 200 g cioccolato fondente 70%

  • 80 g cacao amaro in polvere

  • 65 g farina di frumento (possibilmente per dolci)

  • 3 g di lievito vanigliato (mezzo cucchiaino)

  • 360 g zucchero semolato

  • 4 uova

  • facoltativi: 75 g di uvetta o mirtilli secchi; 50 g di gherigli di noce o di nocciole

Procedimento: accendere il forno ventilato a 200 gradi. Ungere con burro una teglia da forno, anche se è antiaderente, soprattutto i bordi. In una casseruola di acciaio con fondo spesso, fondere il cioccolato insieme al burro sul fornello piccolo, con fiamma media. Appena il cioccolato è completamente fuso, aggiungere le noci e l'uvetta (se utilizzate), le uova, e mescolare bene fino ad ottenere un composto omogeneo. Mescolare in una ciotola a parte la farina, il cacao, lo zucchero, il lievito, unirvi il composto liquido e mescolare con una frusta fino ad ottenere un composto omogeneo. Versare nella teglia e infornare per 25 minuti circa, devono rimanere umidi all'interno. Far raffreddare nel forno semiaperto, quindi trasferire su una spianatoia e tagliare a quadrati.

Calorie per un brownie da 40 g: 200

Densità calorica: 450 kcal/hg

 

 

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Crema catalana

La crema catalana, versione tradizionale e light: di origine spagnola è una crema pasticcera con uno strato di zucchero caramellato in superficie.


Pasta, patate e cozze

Pasta, patate e cozze: un abbinamento vincente che viene dalla tradizione mediterranea.


Crepes senza uova

Le crepes senza uova per vegani o semplici curiosi? Si può, vediamo come fare.


Gli spaghetti alla carbonara

Gli spaghetti alla carbonara: tante diatribe sulla nascita di questo primo piatto eccezionale.

 


Spaghetti alla carrettiera

Gli spaghetti alla carrettiera: un primo piatto semplicissimo di cui in molti si contendono la paternità.


Pasta e patate

Pasta e patate: un piatto della tradizione popolare che sposa due ingredienti ricchi di amido.


Crepes senza latte

Le crepes senza latte...e senza burro: come sostituire questi due ingredienti.


Marmellata: tutti i segreti per farla in casa

Marmellata: tutti i segreti per farla in casa. Ingredienti, cottura, sterilizzazione, strumenti per prepararla.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.