Bostrengo

Il bostrengo è un dolce natalizio tipico delle Marche. Anticamente veniva chiamato anche "svuotacredenza" poiché per farlo si usava un po' tutto quello che c'era in casa, riso o altri cereali, pane raffermo, farina, frutta, zucchero e così via.

Le origini del bostrengo sono incerte, sia il Montefeltro che la zona dell'ascolano si contengono la paternità di questo dolce che però viene chiamato burlengo in provincia di Pesaro-Urbino fino alla Romagna e frustingo nel sud delle Marche.

Nel corso dei secoli il bostrengo si è arricchito via via di nuovi ingredienti sempre più sfiziosi, come il cacao, il miele, la frutta secca, il rum ecc, prima difficili da reperire o comunque molto costosi ed oggi quello che si trova già pronto e confezionato assomiglia molto al cugino famoso toscano, il panforte. In realtà così, volendo emulare una ricetta di maggior successo, si rischia di snaturare l'essenza stessa del bostrengo che è nato nelle case dei contadini come un dolce povero, quello delle grandi occasioni come il Natale.

Ne esiste una versione fatta anche con la farina di castagne.

Ricetta del bostrengo

Bostrengo

Ingredienti:

  • 100 g di riso
  • 100 g di orzo perlato
  • 100 g di farro perlato
  • 180 g di pangrattato
  • 180 g di farina per dolci 00
  • 2 uova
  • 1 mela
  • 1 pera
  • la buccia di mezzo limone grattugiata
  • la buccia di mezza arancia grattugiata
  • 50 g di frutta secca (mandorle, noci, pinoli)
  • 50 g di uva sultanina
  • 1 l di latte
  • 2 cucchiai di miele d'acacia
  • 1 bicchierino di rum o di maraschino
  • 60 g di cacao amaro in polvere (facoltativo)
  • zucchero a velo q.b. per spolverare

 

 

Procedimento:

Cuocere i cereali (riso, farro e orzo) nel latte per circa 40 minuti a fiamma bassa, devono risultare molto morbidi e devono assorbire il latte.
Mettere in ammollo l'uva sultanina in acqua tiepida per 10 minuti.
Sbattere le uova.
Lavare e sbucciare la mela e la pera e tagliarle a cubetti, tritare la frutta secca grossolanamente e mescolare tutta la frutta con il miele, le uova, il pangrattato, il rum, la farina, il cacao, la scorza grattugiata degli agrumi e, se necessario, aggiungere anche un po' di latte per rendere l'impasto più malleabile.
Unire il composto ai cereali cotti, mescolare bene e versare in una grande teglia rotonda di circa 24 cm di diametro, il bostrengo dovrebbe essere alto almeno 3 cm.

Cuocere in forno già caldo a 150° per circa un'ora.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Struffoli napoletani

Gli struffoli: un dolce napoletano a base di palline di impasto aromatizzato all'anice, fritte e poi decorate con miele, canditi e confetti.


Torta tenerina

La torta tenerina o montenegrina: uno dei dolci senza lievito che piacciono tanto in questi ultimi tempi, un vero tripudio di cioccolato!


Coniglio al forno con patate

Coniglio al forno con patate: un secondo piatto italiano classico che tutti conosciamo, vediamo insieme la ricetta.


Tortino al cioccolato con cuore fondente

Tortino al cioccolato con cuore fondente o cuore morbido: due ricette di due grandi pasticceri per realizzarlo al meglio.

 


Torta caprese

La torta caprese il cui nome deriva dall'isola di Capri: la ricetta classica al cioccolato o nella variante al limone.


Tomaselle o tomaxelle (ricetta ligure)

Le tomaselle o tomaxelle: involtini di vitello e verdure tipici della cucina ligure.


La cucina africana

La cucina africana e le ricette della cucina africana.


Tamales

I tamales: i panini sudamericani fatti con la masa (la pasta di mais) e avvolti in foglie di platano o di pannocchia.