Claudicatio intermittens

La condizione chiamata “claudicatio intermittens” si riferisce ad un dolore, che interessa nella maggior parte dei casi gli arti inferiori, dovuto a una scarsità del flusso sanguigno nelle arterie. Il nome deriva dal latino e letteralmente significa “zoppicare in maniera discontinua nel tempo”. Questa patologia colpisce i vasi sanguigni delle gambe con conseguenti problemi di deambulazione, ma può colpire anche altri parti del corpo come le braccia e le anche. Si può manifestare soprattutto dopo aver svolto attività fisica, in un primo momento il dolore si avverte solo durante lo sforzo fisico, ma con l'andare del tempo la claudicatio si avverte anche nei momenti di riposo. A volte con il termine claudicatio si intende la malattia in sé, anche se tecnicamente è più corretto intenderlo come un sintomo di una malattia delle arterie. Se si soffre di una malattia delle arterie, esse saranno danneggiate e non forniranno il giusto apporto di sangue. Solitamente la causa primaria è l'aterosclerosi. Nell'aterosclerosi si formano dei grumoli di lipidi, grassi, che bloccano le arterie. L'aterosclerosi può svilupparsi in qualsiasi arteria, quando colpisce le gambe o le braccia prendere il nome di malattia arteriosa occlusiva periferica. Questa malattia è potenzialmente grave e invalidante, ma fortunatamente i problemi alla circolazione e i vasi ristretti sono trattabili. Con un corretto trattamento si può essere in grado di mantenere una vita attiva senza dolore.

 

 

Cause

La caludicatio intermittens può essere causata dall'aterosclerosi. L'aterosclerosi restringe le arterie, che diventano più rigide e dure, a causa della formazione di materiale come grasso e colesterolo, che vanno a formare delle placche aterosclerotiche, che rendono le arterie strette e non permettono al sangue di fluire come dovrebbe. La persona sente dolore perché i muscoli delle gambe non sono abbastanza ossigenati, e l'ossigeno è il combustibile che i muscoli usano per contrarsi. L'aterosclerosi non è l'unica causa possibile dei sintomi di claudicazione, altre condizioni associate con sintomi simili possono comprendere la stenosi spinale, la neuropatia periferica, altre condizioni muscoloscheletriche e la trombosi venosa profonda.

Fattori di rischio

Claudicatio intermittens

I fattori di rischio per la claudicatio sono gli stessi di quelli responsabili allo sviluppo di aterosclerosi, tra cui:

Sintomi

I sintomi includono:

  • Dolore durante l'allenamento: si può provare una sensazione di dolore o fastidio nei piedi, nei polpacci, nelle cosce, nei fianchi, nei glutei, a seconda di dove ci potrebbe essere un restringimento delle arterie. Si può verificare anche nelle braccia, ma è meno comune.
  • Dolore intermittente: si può provare un dolore, simile ad un crampo, che va e viene durante la giornata.
  • Dolore a riposo: se la malattia progredisce si può sentire dolore alle gambe anche quando si è seduti o sdraiati.
  • Pelle bluastra e ulcerazioni: se il flusso di sangue è notevolmente ridotto le dita dei piedi possono apparire bluastre e fredde. Si possono anche formare delle ulcere sulla parte bassa delle gambe, nei piedi, tra le dita e sulle braccia.
  • Sensazione di stanchezza.

Se si avvertono questi sintomi è bene parlare con uno specialista, perché se non trattato la claudicatio e la malattia delle arterie periferiche possono ridurre la qualità della vita e portare a complicazioni potenzialmente letali.

Complicazioni

In casi estremi, la circolazione nelle gambe o braccia può essere così limitata che si sente dolore al minino sforzo, le braccia e le gambe sono fredde al tatto. L'arteriopatia periferica grave può causare una lenta e difficoltosa guarigione delle lesioni cutanee e delle ulcere, che se non curate possono andare in cancrena e richiedere l'amputazione degli arti.

Diagnosi

La claudicatio in tanti casi non viene diagnosticata perché le persone considerano il dolore come una conseguenza sgradita ma inevitabile dell'invecchiamento, e altre persone eliminano l'attività fisica per ridurre il dolore. La diagnosi in realtà è utile per poter riprendere a svolgere una vita sana e attiva, alcuni test comunemente usati per diagnosticare la claudicatio includono:

  • controllo della deambulazione e degli impulsi;
  • controllo del colesterolo;
  • controllo pressione sistolica, ovvero il rapporto della pressione tra caviglia e braccio;
  • doppler, controllo del flusso di sangue nella zona interessata;
  • risonanza magnetica (RM);
  • tomografia assiale computerizzata (TAC);
  • angiografia per mostrare se i vasi sanguigni si sono ristretti.

Terapia

Il trattamento può aiutare a ridurre i sintomi e a non far degenerare la mattia. Per prima cosa bisogna cambiare stile di vita, smettere di fumare, eseguire dell'esercizio fisico regolare. Se i sintomi di claudicatio non migliorano dopo l'adozione di uno stile di vita più sano, le altre opzioni terapeutiche possono essere:

  • Farmaci: si può assumere dell'aspirina per ridurre il rischio di coaguli di sangue. Altri farmaci che migliorano la coagulazione comprendono il clopidogrel, il dipiridamolo, la ticlopidina e il cilostazolo. Inoltre, se necessario, si può assumere un farmaco per abbassare il colesterolo.
  • Angioplastica: nei casi di claudicazione e di malattia delle arterie periferiche gravi è possibile eseguire un'angioplastica. Questa procedura allarga le arterie danneggiate utilizzando un tubo stretto e un palloncino gonfiabile sull'estremità del tubo che permette un allargamento delle arterie e una migliore circolazione.
  • Chirurgia vascolare: si crea un bypass con un vaso sanguigno sano, preso da un'altra parte del corpo, che viene utilizzato come ponte artificiale che permette di aggirare l'ostacolo alla circolazione.

Possono essere utilizzati anche una combinazione di trattamenti, come ad esempio farmaci e angioplastica.

Consigli quotidiani

Le placche che hanno danneggiato le arterie sono il risultato di abitudini di vita non salutari. Quindi, una parte fondamentale del trattamento è eliminare le abitudini malsane e adottare una vita sana, per cui è preferibile:

  • Smettere di fumare: il fumo è il fattore di rischio più importante per lo sviluppo e il peggioramento della malattia alle arterie periferiche.
  • Fare esercizio: anche se può provocare dolore in un primo momento, l'esercizio fisico aiuta a tenere i muscoli ossigenati e in forma. Si può accordare un piano di attività fisica non troppo pesante che gradualmente può migliorare la mobilità in generale.
  • Controllare i livelli di colesterolo: è importante tener monitorato il colesterolo e controllarlo tramite una varietà di alimenti a basso contenuto di grassi, con tanta frutta e verdura.
  • Evitare alcuni farmaci: non utilizzare farmaci che causano la costrizione dei vasi sanguigni. I farmaci che contengono pseudoefedrina devono essere evitati.
  • Evitare lesioni ai piedi e gambe: proteggere le gambe e i piedi è utile per non incorrere in gravi complicazioni.
  • Tenere le gambe alte: tenere le gambe in una posizione alta, magari durante la notte, può migliorare la circolazione.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Norovirus negli alimenti

I norovirus sono i virus che causano una delle poche malattie virali umane che si trasmettono con gli alimenti.


Duodenite

La duodenite e' l'infiammazione del duodeno, la prima parte dell'intestino tenue ed e' causata da una presenza eccessiva di succhi gastrici acidi.


Carcinoma squamo cellulare

Il carcinoma squamo cellulare è una forma di cancro che colpisce la pelle, e si sviluppa, a patire dalle cellule squamose.


Tumore della vescica

Il tumore vescica è una tipologia di cancro che interessa l'organo deputato all'immagazzinamento dell'urina nella zona pelvica maschile, la vescica.

 


Criptococcosi

La criptococcosi è una malattia, abbastanza rara, causata da un tipo di fungo, chiamato Cryptococcus, che si trova in quasi tutto il mondo.


Shigella negli alimenti

Shigella è il batterio responsabile della dissenteria, una malattia poco diffusa in Italia ma ancora oggi molto diffusa nel mondo.


Trichinella negli alimenti e trichinosi

La trichinella è uno dei parassiti più pericolosi che si possa prendere dalla carne, se questa non è ben cotta.


Botulino

il botulino: un batterio molto pericoloso che si sviluppa in ambienti poco acidi e anaerobici.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.