Cisti sinoviali

I gangli, o cisti sinoviali, sono grumi non cancerogeni che si sviluppano tipicamente lungo i tendini o le articolazioni dei polsi o delle mani, ma possono anche svilupparsi in prossimità delle caviglie, dei piedi e delle ginocchia. Le cisti sinoviali sono tipicamente rotonde o ovali e contengono del liquido gelatinoso. Le piccole cisti possono essere di una grandezza simile a quella di un pisello, mentre quelle più grandi possono raggiungere anche i 2,5 centimetri di diametro. Le cisti sinoviali possono essere dolorose se premono su un nervo situato nelle vicinanze. La loro posizione può talvolta interferire con movimenti articolari. Se la cisti sinoviale sta causando problemi si può pensare di aspirarla con un ago, oppure in alcuni casi procedere con la rimozione completa della cisti chirurgicamente. Se invece non si hanno sintomi particolarmente fastidiosi, non è necessario alcun tipo di trattamento, infatti in molti casi le cisti scompaiono da sole.

Cause

Non si sa esattamente cosa provochi e quale sia la causa della formazione di una cisti sinoviale. Essa cresce da un giunto o dall’intersezione di un tendine, simile a un piccolo palloncino d'acqua su un gambo, e provoca un rigonfiamento dell’articolazione. All'interno della cisti vi è un fluido viscoso e lubrificante simile a quello trovato nelle articolazioni o intorno ai tendini.

Fattori di rischio

Fattori che possono aumentare il rischio di sviluppare una cisti sinoviale includono:

Cisti sinoviali
  • Sesso ed età: le cisti possono svilupparsi in qualsiasi persona, ma si verificano più spesso nelle donne tra i 20 ei 40 anni.
  • Osteoartrite: le persone che soffrono di artrite e di usura nelle articolazioni delle dita hanno un rischio maggiore di sviluppare cisti vicino a quelle articolazioni.
  • Danni al tendine: le articolazioni e i tendini che sono stati danneggiati in passato hanno maggiori probabilità di sviluppare le cisti sinoviali.

Sintomi

I grumi che formano i gangli possono, o meno, essere sintomatici, in base al:  

  • Luogo: le cisti si sviluppano nella maggior parte dei casi lungo i tendini o le articolazioni dei polsi o delle mani. Altre posizioni abbastanza comuni sono le caviglie e i piedi. Tuttavia queste cisti possono verificarsi in prossimità di ogni altra articolazione.
  • Forma e dimensione: le cisti sinoviali hanno una forma tipicamente rotonda o ovale e di solito misurano meno di 2,5 centimetri di diametro. Altre sono talmente piccole che non vengono neanche percepite. Spesso le cisti più grandi si sviluppano in prossimità di un altra e di una giuntura utilizzata per eseguire movimenti ripetitivi.
  • Dolore: le cisti sinoviali sono solitamente indolore, ma se una cisti, anche piccola, esercita pressione su un nervo si può sentire dolore, formicolio, intorpidimento o debolezza muscolare.

 

 

È importante consultare un medico se si riscontra la formazione di un grumo o si percepisce un dolore notevole al polso, alla mano, alla caviglia o al piede.

Diagnosi

Per diagnosticare una cisti sinoviale la maggior parte delle volte basta una visita, durante l'esame fisico si applicherà della pressione sulla ciste per verificare il gonfiore e il dolore, e può essere anche proiettata una luce particolare per verificare se la ciste è una massa solida o contiene del fluido. Si potrebbe inoltre raccomandare un test di imaging, come i raggi X, l'ultrasuono o la risonanza magnetica (RMN), per escludere altre patologie, come l’artrite o un tumore. La risonanza magnetica e gli ultrasuoni possono anche aiutare a visualizzare cisti nascoste.

Terapia

Le cisti sinoviali sono spesso indolore e non richiedono alcun tipo di trattamento, generalmente prima di optare per un trattamento si consiglia di aspettare, perché le cisti possono scomparire da sole. Se la cisti provoca dolore o interferisce con movimenti articolari, si può raccomandare:

  • Immobilizzazione: poiché l'attività dell’arto può peggiorare la condizione della cisti, steccare o immobilizzare l’area con una fascetta può contribuire al riassorbimento della ciste. Restringendosi la cisti smette di applicare pressione ai nervi, alleviando il dolore. È meglio evitare l'uso prolungato di una stecca perché può indebolire i muscoli.
  • Aspirazione: durante questa procedura si utilizza un ago per aspirare il fluido dalle cisti, in alcuni casi c’è la possibilità che la cisti ritorni.
  • Chirurgia: questa opzione si prende in considerazione se altri approcci non hanno funzionato. Durante questa procedura si rimuove completamente la ciste dal giunto o dal tendine alla quale è attaccata. Raramente, l'intervento chirurgico può danneggiare i nervi, i vasi sanguigni oi tendini circostanti. In alcuni casi la cisti può ritornare, anche in seguito all'intervento chirurgico.

Rimedi casalinghi

Per alleviare il dolore si può assumere un antidolorifico, come ibuprofene o naprossene. Se la ciste è localizzata sulle caviglie o sui piedi si può pensare di cambiare scarpe per alleviare il disagio. È assolutamente sconsigliato provare a rimuovere la cisti "colpendola" con un oggetto pesante, che può danneggiare le strutture circostanti della mano o del piede, o cercare di bucarla con un ago per eliminare il liquido, infatti questa tecnica è improbabile che sia efficace e può portare allo sviluppo di un’infezione.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Aminoacidi ramificati

Aminoacidi ramificati: sono davvero utili per gli sportivi? A chi servono, quando assumerli e in quale quantità.


Claudicatio intermittens

La condizione chiamata “claudicatio intermittens” si riferisce ad un dolore, che interessa nella maggior parte dei casi gli arti inferiori.


Ipoparatiroidismo

L'ipoparatiroidismo è una condizione clinica causata da carenza del paratormone (PTH), caratterizzata da bassi livelli di calcio (ipocalcemia) e alti livelli di fosfati (iperfosfatemia).


Intossicazione da monossido di carbonio

Il monossido di carbonio (CO) è un gas inodore, incolore, non irritante e si annovera tra le sostanze che mietono più vittime per intossicazione acuta.

 


Norovirus negli alimenti

I norovirus sono i virus che causano una delle poche malattie virali umane che si trasmettono con gli alimenti.


Duodenite

La duodenite e' l'infiammazione del duodeno, la prima parte dell'intestino tenue ed e' causata da una presenza eccessiva di succhi gastrici acidi.


Carcinoma squamo cellulare

Il carcinoma squamo cellulare è una forma di cancro che colpisce la pelle, e si sviluppa, a patire dalle cellule squamose.


Tumore della vescica

Il tumore vescica è una tipologia di cancro che interessa l'organo deputato all'immagazzinamento dell'urina nella zona pelvica maschile, la vescica.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.