Farfaraccio

Il farfaraccio (nome scientifico Tussilago petasites, probabilmente da petàsos, un cappello a grandi falde usato dai viaggiatori ai tempi dei romani) è una pianta erbacea perenne della famiglia delle Asteraceae, con foglie molto larghe e infiorescenza a pannocchia. In inglese è chiamata "butterbur" perché in antichità si utilizzavano le sue foglie per avvolgere e conservare il burro.

Il farfaraccio è stato storicamente utilizzato per la cura del dolore, mal di testa, ansia, tosse, febbre, problemi gastrointestinali e del tratto urinario. È stato anche utilizzato topicamente per accelerare la cicatrizzazionedelle ferite. Oggi viene utilizzato prevalentemente per le allergie nasali, lereazioni allergiche cutanee, l'asma e l'emicrania.

I principali principi attivi del farfaraccio sono la petasina e l'isopetasina, due derivati sesquiterpenici che agiscono come potenti vasodilatatori e inibitori dei leucotrieni, sostanze ritenute responsabili del processo infiammatorio che causa l’emicrania. I principi attivi del farfaraccio sono anche in grado di inibire il rilascio di istamina, alleviando la congestione nasale causata dalla rinite allergica e dall'asma.

Controindicazoni

Gli alcaloidi pirrolozidinici contenuti nel farfaraccio possono causare danni al fegato ed essere cancerogeni, tuttavia gli estratti titolati di farfaraccio sono meno pericolosi rispetto a quelli non titolati, perché gli alcaloidi pirrolozidinici vengono rimossi.

 

 

Diversi studi, tra cui alcuni su bambini e adolescenti, hanno dimostrato la sicurezza degli integratori di farfaraccio senza alcoloidi pirrolozidinici, assunti per via orale e alle dosi raccomandate, per un periodo massimo che va da 12 a 16 settimane. Non è ancora stata valutata la sicurezza di impiego a lungo termine.

Il farfaraccio è sconsigliato in gravidanza e allattamento, per soggetti affetti da epatite o insufficienza epatica, e per soggetti allergici alle piante affini.


Farfaraccio

Benefici dell'integrazione di farfaraccio

Effetti possibili (prove ancora insufficienti)

Riduce gli attacchi di emicrania nei soggetti affetti di mal di testa cronico

È efficace contro gli attacchi di asma

Dosaggio consigliato

Per il mal di testa, sono stati utilizzati 75 mg di estratto titolato di farfaraccio.

Conclusioni

Le sperimentazioni cliniche effettuate sul farfaraccio sono promettenti, tuttavia il numero di soggetti coinvolti negli studi è ancora insufficiente per poter affermare con sicurezza che sia efficace contro l'emicrania e l'asma. Il suo utilizzo può essere preso in considerazione, ma sempre sotto controllo medico, visto che si tratta di un integratore non privo di controindicazioni.

Bibliografia

Effectiveness of Petasites hybridus preparations in the prophylaxis of migraine: a systematic review

Randomised controlled trial of butterbur and cetirizine for treating seasonal allergic rhinitis

Review of complementary and alternative medicine in treatment of ocular allergies

Petasites hybridus root (butterbur) is an effective preventive treatment for migraine

Migraine prevention in children and adolescents: results of an open study with a special butterbur root extract

Petasites hybridus (Butterbur root) extract in the treatment of asthma-an open trial

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Aminoacidi ramificati

Aminoacidi ramificati: sono davvero utili per gli sportivi? A chi servono, quando assumerli e in quale quantità.


Claudicatio intermittens

La condizione chiamata “claudicatio intermittens” si riferisce ad un dolore, che interessa nella maggior parte dei casi gli arti inferiori.


Ipoparatiroidismo

L'ipoparatiroidismo è una condizione clinica causata da carenza del paratormone (PTH), caratterizzata da bassi livelli di calcio (ipocalcemia) e alti livelli di fosfati (iperfosfatemia).


Intossicazione da monossido di carbonio

Il monossido di carbonio (CO) è un gas inodore, incolore, non irritante e si annovera tra le sostanze che mietono più vittime per intossicazione acuta.

 


Norovirus negli alimenti

I norovirus sono i virus che causano una delle poche malattie virali umane che si trasmettono con gli alimenti.


Duodenite

La duodenite e' l'infiammazione del duodeno, la prima parte dell'intestino tenue ed e' causata da una presenza eccessiva di succhi gastrici acidi.


Carcinoma squamo cellulare

Il carcinoma squamo cellulare è una forma di cancro che colpisce la pelle, e si sviluppa, a patire dalle cellule squamose.


Tumore della vescica

Il tumore vescica è una tipologia di cancro che interessa l'organo deputato all'immagazzinamento dell'urina nella zona pelvica maschile, la vescica.