Fentermina

La fentermina (fenil-terziario-butilammina) è un farmaco anoressizzante, approvato dalla FDA e venduto in diversi stati, tra cui gli USA, sotto prescrizione medica. Il farmaco più noto a base di fentermina è l'Adipex-P®. In Italia è vietata la commercializzazione e quindi anche l'importazione.

La fentermina agisce in modo simile alle anfetamine, e ne condivide anche gli effetti collaterali. Per questo motivo viene utilizzato prevalentemente nei soggetti obesi, refrattari alla dieta, per un limitato periodo di tempo, in abbinamento alla dieta e all'attività fisica, allo scopo di perdere peso.

Controindicazioni

L'assunzione di fentermina può causare molti effetti collaterali, tra cui secchezza delle fauci, sapore sgradevole dei cibi, diarrea, costipazione,  vomito, pressione alta, palpitazioni, stanchezza cronica, tremori, respiro corto, dolori al petto, stanchezza, difficoltà di coordinazione.

La fentermina interagisce con diversi farmaci, soprattutto con gli antidepressivi.

È controindicata per chi soffre di ipertensione, di diabete, in gravidanza e allattamento, nei bambini e negli anziani, e in chi deve guidare macchinari che necessitano di particolare attenzione e vigilanza.

Fentermina integratori

Benefici dell'integrazione di fentermina

Effetti accertati (forte evidenza)

Aiuta la perdita di peso se abbinata a dieta e attività fisica

Dosaggio consigliato

La dose consigliata è da una a tre capsule da 15 mg al giorno, per un periodo che va da 3 a massimo 6 settimane.

Conclusioni

La fentermina è un farmaco che presenta effetti collaterali non trascurabili, per questo è vietata la vendita in Italia, come del resto ormai da anni è vietata la vendita delle anfetamine a scopo dimagrante.

Bibliografia

Long-term weight loss: the effect of pharmacologic agents

 

 

Long-term weight control study: conclusions

Appetite suppressants: a review

Health advisory on fenfluramine/phentermine for obesity

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Aminoacidi ramificati

Aminoacidi ramificati: sono davvero utili per gli sportivi? A chi servono, quando assumerli e in quale quantità.


Claudicatio intermittens

La condizione chiamata “claudicatio intermittens” si riferisce ad un dolore, che interessa nella maggior parte dei casi gli arti inferiori.


Ipoparatiroidismo

L'ipoparatiroidismo è una condizione clinica causata da carenza del paratormone (PTH), caratterizzata da bassi livelli di calcio (ipocalcemia) e alti livelli di fosfati (iperfosfatemia).


Intossicazione da monossido di carbonio

Il monossido di carbonio (CO) è un gas inodore, incolore, non irritante e si annovera tra le sostanze che mietono più vittime per intossicazione acuta.

 


Norovirus negli alimenti

I norovirus sono i virus che causano una delle poche malattie virali umane che si trasmettono con gli alimenti.


Duodenite

La duodenite e' l'infiammazione del duodeno, la prima parte dell'intestino tenue ed e' causata da una presenza eccessiva di succhi gastrici acidi.


Carcinoma squamo cellulare

Il carcinoma squamo cellulare è una forma di cancro che colpisce la pelle, e si sviluppa, a patire dalle cellule squamose.


Tumore della vescica

Il tumore vescica è una tipologia di cancro che interessa l'organo deputato all'immagazzinamento dell'urina nella zona pelvica maschile, la vescica.