Fucus vesciculosus

Il fucus vesciculosus (detto anche quercia marina, o punta nera) è un alga marina che vive prevalentemente nelle acque fredde. Queste alghe vengono anche chiamate "brune", perché contengono un pigmento (il feocroma) che le dona un caratteristico colore bruno.

Le alghe fucus sono utilizzate in cucina nei paesi asiatici, soprattutto per la loro capacità di insaporire i piatti, grazie al glutammato che contengono naturalmente. Contengono vitamine, minerali e polifenoli, e anche mucopolisaccaridi, che ne determinano le proprietà lassative e antifame.

Il fucus vesciculosus è utilizzato per molte condizioni, ma finora non ci sono prove scientifiche sufficienti per stabilire se sia o meno efficace per alcuna di esse. Inoltre, esistono dubbi fondati riguardo la sua potenziale pericolosità, quando assunto per bocca.

Il fucus viene utilizzato prevalentemente per i disturbi della tiroide causati dalla carenza di iodio, perché ricco di questo minerale. Si pensa anche che il fucus possa aumentare il metabolismo, e per questo è utilizzato come integratore dimagrante.

Viene anche promosso come integratore per l'artrite, i dolori articolari, l'arteriosclerosi, i disturbi digestivi, il bruciore di stomaco, la costipazione, la bronchite, l'enfisema, i disturbi del tratto urinario, l'ansia, il rafforzamento del sistema immunitario e per aumentare l'energia.

Il fucus può essere anche applicato sulla pelle: viene utilizzato per curare ustioni, punture di insetto, o contro l'invecchiamento.

 

 

Controindicazioni

Le maggiori controindicazioni riguardano l'eccesso di iodio che può comportare un'assunzione eccessiva di fucus vesciculosus. Una integrazione di iodio non controllata, infatti, può portare alla comparsa di molteplici condizioni patologiche a carico della tiroide, tra cui anche il cancro.

Inoltre, esistono potenziali rischi di contaminazione da metalli pesanti, presenti nei mari in cui vive il fucus.

Le persone allergiche allo iodio devono ovviamente astenersi dal consumo di fucus vesciculosus.

Fucus vesciculosus

Benefici dell'integrazione di fucus vesciculosus

Effetti possibili (prove ancora insufficienti)

Nessuno accertato

Dosaggio consigliato

Allo stato attuale della ricerca, non si può dire molto riguardo le dosi consigliate perché non esistono ancora prove a supporto dell'utilizzo di fucus vesciculosus. Si pensa che questo integratore sia bioattivo con una dose di 500 mg di estratto della pianta, non concentrato.

Conclusioni

Gli studi sul fucus vesciculosus non hanno ancora confermato la sua efficacia come integratore dimagrante o come rimedio per i disturbi della tiroide. Il fucus è un'alga alimentare che contiene una quantità importante di iodio e come tale potrebbe essere utile ad alcuni, ma potenzialmente anche dannoso.

Bibliografia

Treatment of human skin with an extract of Fucus vesiculosus changes its thickness and mechanical properties

A randomised crossover placebo-controlled trial investigating the effect of brown seaweed (Ascophyllum nodosum and Fucus vesiculosus) on postchallenge plasma glucose and insulin levels in men and women

A revised structure for fucoidan may explain some of its biological activities

Thyrotoxicosis caused by weight-reducing herbal medicines

Parallel placebo-controlled clinical study of a mixture of herbs sold as a remedy for cellulite

Health food supplements prepared from kelp--a source of elevated urinary arsenic

A comparative study of the anti-inflammatory, anticoagulant, antiangiogenic, and antiadhesive activities of nine different fucoidans from brown seaweeds

Alraei, RG. Herbal and Dietary Supplements for Weight Loss. Topics in Clinical Nutrition. 2010;25:136-150

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Aminoacidi ramificati

Aminoacidi ramificati: sono davvero utili per gli sportivi? A chi servono, quando assumerli e in quale quantità.


Claudicatio intermittens

La condizione chiamata “claudicatio intermittens” si riferisce ad un dolore, che interessa nella maggior parte dei casi gli arti inferiori.


Ipoparatiroidismo

L'ipoparatiroidismo è una condizione clinica causata da carenza del paratormone (PTH), caratterizzata da bassi livelli di calcio (ipocalcemia) e alti livelli di fosfati (iperfosfatemia).


Intossicazione da monossido di carbonio

Il monossido di carbonio (CO) è un gas inodore, incolore, non irritante e si annovera tra le sostanze che mietono più vittime per intossicazione acuta.

 


Norovirus negli alimenti

I norovirus sono i virus che causano una delle poche malattie virali umane che si trasmettono con gli alimenti.


Duodenite

La duodenite e' l'infiammazione del duodeno, la prima parte dell'intestino tenue ed e' causata da una presenza eccessiva di succhi gastrici acidi.


Carcinoma squamo cellulare

Il carcinoma squamo cellulare è una forma di cancro che colpisce la pelle, e si sviluppa, a patire dalle cellule squamose.


Tumore della vescica

Il tumore vescica è una tipologia di cancro che interessa l'organo deputato all'immagazzinamento dell'urina nella zona pelvica maschile, la vescica.