Iperico

L'iperico (Hypericum perforatum) è una pianta perenne semisempreverde, chiamata anche erba di san Giovanni (perché raggiunge la massima fioritura intorno al 24 Giugno, il giorno di San Giovanni) o scacciadiavoli. Le si attribuiscono proprietà antidepressive, ed è per questo che è diventata piuttosto famosa in erboristeria e come integratore alimentare.

I principi attivi principali dell'iperico sono i naftodiantroni (ipericina, pseudoipericina), i flavonoidi (come l'amentoflavone) e i floroglucinoli (come l'iperforina).

Si pensa che l'effetto antidepressivo dell'iperico, e dell'iperforina in particolare, sia da imputare alla capacità di inibire la ricaptazione della serotonina, in modo differente dai farmaci antidepressivi generalmente utilizzati per questo scopo (i famosi SSRI - Selective Serotonin Reuptake Inhibitor).

Controindicazioni

L'iperico è sconsigliato durante l'allattamento, per chi assume anticoagulanti orali, e per le donne che assumono farmaci anticoncezionali.

È anche consigliato per chi si sottopone a raggi UV (tramite lampade abbronzanti).

In generale chi assume farmaci dovrebbe chiedere un consulto al proprio medico prima di assumere iperico.

Iperico

Benefici dell'integrazione di iperico

Effetti possibili (prove ancora insufficienti)

Può essere efficace come antidepressivo, anche se non tutti i soggetti rispondono positivamente al trattamento con iperico

Dosaggio consigliato

Gli studi sull'iperico come integratore contro la depressione hanno utilizzato dosi da 900 a 1500 mg al giorno. In Italia una legge impone una quantità massima di ipericina negli integratori di 21 mcg (microgrammi) al giorno, rendendo così impossibile raggiungere i quantitativi necessari per esplicare le proprietà antidepressive.

Conclusioni

 

 

L'iperico è un integratore potenzialmente efficace contro la depressione, diversi studi hanno dimostrato una efficacia simile a quella degli antidepressivi. Questo rende l'iperico un integratore potenzialmente pericoloso, proprio perché in grado di agire con la potenza paragonabile a quella di farmaci che possono causare effetti collaterali anche gravi. Per questo motivo la legge impone un quantitativo molto basso negli integratori in commercio, che ne rende completamente inutile l'utilizzo.

L'olio di iperico, utilizzato per cicatrizzare le ferite, non contiene i principi attivi che combattono la depressione e quindi non può essere utilizzato per questo scopo.

Bibliografia

Antidepressant-like activity of adhyperforin, a novel constituent of Hypericum perforatum L.

Hyperforin modulates dendritic spine morphology in hippocampal pyramidal neurons by activating Ca(2+) -permeable TRPC6 channels

St John's wort for major depression

A Double-blind, randomized trial of St John's wort, fluoxetine, and placebo in major depressive disorder

Comparative efficacy and safety of a once-daily dosage of hypericum extract STW3-VI and citalopram in patients with moderate depression: a double-blind, randomised, multicentre, placebo-controlled study

Hypericum perforatum versus fluoxetine in the treatment of mild to moderate depression: a randomized double-blind trial in a Brazilian sample

Hypericum perforatum: pharmacokinetic, mechanism of action, tolerability, and clinical drug-drug interactions

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Aminoacidi ramificati

Aminoacidi ramificati: sono davvero utili per gli sportivi? A chi servono, quando assumerli e in quale quantità.


Claudicatio intermittens

La condizione chiamata “claudicatio intermittens” si riferisce ad un dolore, che interessa nella maggior parte dei casi gli arti inferiori.


Ipoparatiroidismo

L'ipoparatiroidismo è una condizione clinica causata da carenza del paratormone (PTH), caratterizzata da bassi livelli di calcio (ipocalcemia) e alti livelli di fosfati (iperfosfatemia).


Intossicazione da monossido di carbonio

Il monossido di carbonio (CO) è un gas inodore, incolore, non irritante e si annovera tra le sostanze che mietono più vittime per intossicazione acuta.

 


Norovirus negli alimenti

I norovirus sono i virus che causano una delle poche malattie virali umane che si trasmettono con gli alimenti.


Duodenite

La duodenite e' l'infiammazione del duodeno, la prima parte dell'intestino tenue ed e' causata da una presenza eccessiva di succhi gastrici acidi.


Carcinoma squamo cellulare

Il carcinoma squamo cellulare è una forma di cancro che colpisce la pelle, e si sviluppa, a patire dalle cellule squamose.


Tumore della vescica

Il tumore vescica è una tipologia di cancro che interessa l'organo deputato all'immagazzinamento dell'urina nella zona pelvica maschile, la vescica.