Pasta alla puttanesca

Guarda il video >>

Il sugo alla puttanesca, meglio noto come spaghetti alla puttanesca, è un piatto nato nella metà del secolo scorso dalle origini incerte, come del resto altri piatti di quel periodo come gli spaghetti alla carbonara.

La pasta alla puttanesca è preparata con un sugo a base di ingredienti tipicamente meridionali: quelli tradizionali, da cui non si può prescindere, sono pomodoro, olive, capperi e prezzemolo, le varianti più gettonate sono quelle con origano e peperoncino.

Le origini della pasta alla puttanesca

Dell'origine della pasta alla puttanesca solo una cosa è certa: è una ricetta nata negli anni '50 nel napoletano, probabilmente sul'isola di Ischia.

Le prime comparse ufficiali risalgono infatti agli anni immediatamente successivi: nel 1961 se ne parla in un romanzo e nel 1971 compare nel conosciutissimo libro di cucina "Il cucchiaio d'argento". Anche secondo l'Unione dei Pastai Italiani la pasta alla puttanesca divenne popolare negli anni '60.

Curiosa è la versione di Annarita Cuomo, secondo la quale la pasta alla puttanesca sarebbe nata per caso ad opera di Sandro Petti, co-proprietario del locale "Rancio Fellone" di Ischia. Alcuni avventori del locale giunti qui a tarda ora, avrebbero chiesto al Petti, che si trovava a corto di ingredienti, di preparargli "una puttanata qualsiasi", e lui preparò una pasta con i classici ingredienti che in una cucina del meridione non mancano mai. Così sarebbe nata la pasta alla puttanesca, che poi Petti inserì nel menù del ristorante con questo nome.

 

 

Non mancano altre versioni più o meno pittoresche, come quella che prevede che la pasta alla puttanesca sia nata nei quartieri spagnoli di Napoli, come piatto preparato da un ristorante per le prostitute di rientro a tarda notte.

La versione americanizzata della pasta alla puttanesca prevede l'uso di cipolla, assente nelle tradizionali versioni italiane. Altre versioni prevedono l'uso di tonno e acciughe, anche se in questo caso la ricetta viene un po' troppo personalizzata e diventa di fatto un'altra cosa...

Sì o No?

Pasta alla puttanesca

La pasta alla puttanesca non contiene verdura se non il pomodoro, che tuttavia non è sufficiente per alleggerire la densità calorica fino a 100 kcal/hg, necessari per rendere "Sì" la ricetta.

Tuttavia gli insaporitori utilizzati (capperi, olive, prezzemolo) sono ottimi perché insaporiscono molto con poche calorie: dunque è sufficiente aggiungere delle verdure favorevoli, come zucchine, melanzane o peperoni (o cavolfiore in inverno), per rendere adatta la ricetta a un regime alimentare moderno, attento alla salute e al peso forma.

Nelle ricette che si trovano in rete spesso si esagera con l'olio (150 g, anche se per 6 porzioni, sono decisamente troppi!), dunque in una ricetta Sì l'olio (rigorosamente extravergine) dovrebbe essere limitato a 10 g a porzione.

La ricetta della pasta alla puttanesca

Per la pasta alla puttanesca in genere si preferiscono gli spaghetti anche se ovviamente si può utilizzare la pasta preferita... L'importante è che sia di qualità, trafilata al bronzo ed essiccata lentamente. Una pasta di Gragnano potrebbe essere la scelta ottimale, tanto per restare in zona.

Molti utilizzano le olive nere, ma anche in questo caso possono essere utilizzate olive verdi, a seconda dei gusti. Come ingrediente regionale, si potrebbe puntare sulle olive di Gaeta.

In stagione è opportuno utilizzare i pomodori freschi, ottimi i San Marzano o i Roma, fuori stagione meglio puntare su una buona marca di pelati.

Autore:

Tempo di preparazione:

Tempo di cottura:

Tempo totale:

Ingredienti per 4 persone:

  • 320 g di spaghetti;
  • 400 g di pomodori pelati o freschi;
  • 80 g di olive;
  • 30 g di capperi;
  • 40 g di olio extravergine di oliva;
  • 2 spicchi di aglio;
  • peperoncino;
  • prezzemolo e origano;
  • sale.

Preparazione

Ammollare i capperi in acqua tiepida per 10 minuti. Tritare l'aglio, soffriggerlo in una padella con 4 cucchiai di olio, unire le olive tagliate a metà, i capperi, i pomodori, cuocere per 10 minuti a fuoco medio-basso. Nel frattempo cuocere la pasta in abbondante acqua salata, scolare al dente e far insaporire nel sugo per un minuto. Aggiungere il prezzemolo e l'origano e servire.

Densità calorica: 140 kcal/hg

Informazioni nutrizionali per porzione

 

Energia

425 kcal - 1776 KJoule

 

Proteine ad alto VB 

0 g

Proteine

10 g - 9%

Carboidrati

66 g - 60%

Grassi

15 g - 31%

di cui

 

saturi

2.2 g

monoinsaturi

9.8 g

polinsaturi

1.9 g

Fibre

4 g

Colesterolo

0 mg

Sodio

181 mg

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Patate duchessa

Le patate duchessa sono un contorno di origine francese (pommes duchesse) dove le patate sono arricchite da uovo, burro e parmigiano.


Pizza in pala romana

La pizza in pala romana: una declinazione diversa rispetto alla classica pizza napoletana. Preparazione stesura, cottura della pizza ad alta idratazione.


I dolci di natale

I dolci di Natale: l'elenco di tutti i dolci tipici suddivisi per regione e per Paese.


Struffoli napoletani

Gli struffoli: un dolce napoletano a base di palline di impasto aromatizzato all'anice, fritte e poi decorate con miele, canditi e confetti.

 


Spoja lorda o minestra imbottita

La spoja lorda o minestra imbottita: una ricetta romagnola di recupero che nasce come costola dei più sontuosi cappelletti.


Cannoli siciliani

I cannoli siciliani: uno dei dolci più tipici della Sicilia farcito di crema di ricotta e frutta candita.


Brownies

I brownies, i tipici biscotti al cioccolato di origine americana, tanto gustosi quanto calorici. Scopriamo tutti i segreti per prepararli al meglio.


Bostrengo

Il bostrengo, un antico dolce marchigiano natalizio a base di cereali come farro e riso.