Ricciarelli

I ricciarelli sono dei biscotti tipici toscani di forma ovale, fatti di una pasta molto morbida simile al marzapane. La base dei ricciarelli è composta da mandorle, albume d'uovo e zucchero, ma possono essere aggiunti, inoltre, canditi, miele o cioccolato a seconda delle varianti. 

Storia e origini dei ricciarelli

I ricciarelli sono originari della città di Siena, dove possono essere acquistati in ogni panificio o pasticceria tutto l'anno, anche se sono tipici del periodo natalizio.

La leggenda narra che la ricetta originale dei ricciarelli fosse araba e che il conte Ricciardetto della Gherardesca la introdusse in Italia al ritorno dalle crociate più o meno intorno al 14° secolo. Da allora questi biscotti sono divenuti un must della pasticceria toscana e ne sono nate numerose varianti anche al di fuori dalla città di Siena, per esempio a Pomarance o a Massa.

Ricetta dei ricciarelli

Ricciarelli

La ricetta dei ricciarelli è abbastanza semplice, l'unico inconveniente è che, secondo i dettami tradizionali, i biscotti dovrebbero riposare almeno 24-48 ore prima di essere cotti in forno, quindi andrebbero preparati con largo anticipo.

Ingredienti

La ricetta che propongo è quella basica, volendo la si può arricchire con cacao amaro, canditi, buccia di limone o di arancia, semi di vaniglia etc...

  • 500 g di farina di mandorle (o di mandorle intere già spellate)
  • 500 g di zucchero semolato
  • 3 albumi d'uovo
  • zucchero a velo (q.b. per spolverarli) 

Procedimento

 

 

Se si sono acquistato le mandorle intere, sbollentarle in acqua bollente per spellarle più facilmente, e poi frullarle fino a ridurle a farina. Mescolare bene la farina di mandorle con lo zucchero e poi aggiungere gli albumi d'uovo. Una volta ottenuto un impasto omogeneo e compatto avvolgerlo in un panno e lasciarlo riposare in frigorifero per almeno 12 ore, alcuni lo tengono anche 24 o 48 ore.

Quindi stendere l'impasto con il mattarello e formare i ricciarelli con l'aiuto degli appositi stampi di forma ovale. Appoggiarli su una teglia ricoperta di carta da forno e infornare a 150°C per circa 10 minuti. Il forno può essere tenuto anche più basso, in questo caso aumenteranno i minuti di cottura.

Infine, una volta raffreddati, spolverare i biscotti con lo zucchero a velo.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Porceddu (o porcetto?) sardo

Poscheddu, porcheddu, polcheddu, porceddu, porchetto, porcetto: sono tanti i nomi dialettali sardi per indicare questa tipicità della cucina regionale, il maialino da latte cotto allo spiedo.


Polpette di carne

Le polpette: le più conosciute sono quelle di carne ma esistono anche di pesce o di legumi.


Rösti di patate

Il rosti di patate: le frittelle che provengono dalla cucina svizzera, tutti i segreti per prepararle nel modo tradizionale.


Street food palermitano

Lo street food a Palermo, la città italiana dove il cibo di strada è una vera e propria tradizione gastronomica.

 


Tzatziki (salsa greca)

Il tzatziki: la famosissima salsa greca all'aglio e al cetriolo usata in abbinamento di piatti di carne.


Gramigna alla salsiccia

La gramigna alla salsiccia: la vera ricetta emiliana, senza panna, senza funghi, senza piselli, solo con ragù di salsiccia.


Il ceviche o cebiche di pesce

Il ceviche o cebiche: un piatto a base di pesce crudo marinato che viene dal Sud America e sta spopolando anche in Italia.


Le tapas

Le tapas sono piccoli accompagnamenti gastronomici che vengono serviti in tutti i locali spagnoli assieme alla bevanda ordinata. La moda dell'aperitivo nasce in Spagna.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.