Pentole in pietra ollare

Le padelle in pietra ollare sono padelle costruite interamente in pietra ollare.

Si differenziano dalle padelle rivestite in pietra, che sono utensili da cucina costruiti solitamente in alluminio o acciaio (o materiale composito), e che vengono rivestite con uno strato antiaderente in pietra. Di questo tipo di padelle abbiamo parlato nell'articolo sulle padelle rivestite in pietra.

La pietra ollare è una pietra litica di colore verde scuro, costituita da rocce di talco e cloro, estratte principalmente in alcune zone alpine tra il Piemonte e la Lombardia. Viene usata, oltre che per utensili da cucine, anche per costruire stufe e forni, grazie alla sua alta resistenza al fuoco.

Padelle pietra ollare

La bassa conducibilità termica della pietra ollare rende le pentole, i tegami e le casseruole adatti per le cotture lunghe (sono ideali per stufati, zuppe, e in generale tutte le cotture in umido) poiché si scaldano molto lentamente, ma si raffreddano altrettanto lentamente. In sostanza, una volta calde, garantiscono una cottura uniforme mantenendo il fuoco al minimo.

Per lo stesso motivo la pietra ollare viene usata anche per produrre piastre per la cottura di carne, pesce ma anche pane e pizza. Una volta calda, la piastra è in grado di mantenere una temperatura costante, senza grosse variazioni, facilitando così la cottura dei cibi senza rischiare di bruciarli o di cuocerli a temperatura troppo bassa.

 

 

Per quanto riguarda la cottura di pane e pizza, la pietra ollare può fare le veci di una pietra refrattaria.

Se anche si attacca, il cibo può essere facilmente rimosso con una spugnetta bagnata.

Gli strumenti di cottura in pietra ollare non si graffiano e non si rovinano facilmente, ma vanno lavati a mano, o almeno generalmente viene sconsigliato il lavaggio in lavastoviglie.

I prezzi di una padella in pietra ollare sono piuttosto elevati, superando abbondantemente i 100 euro per le pentole di media grandezza e i 200 per quelli di grande dimensione.

I difetti delle pentole in pietra ollare sono per lo più legati alla pesantezza di queste e alla difficoltà di maneggiarle.

Sono utensili delicati, che richiedono una manutenzione laboriosa e scrupolosa, anche se sono molto affascinanti e scenografici da portare in tavola.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Pane con la milza (pani cà meusa)

Il pane con la milza (pani cà meusa): un panino irresistibile tipico dello street food palermitano.


Pasta ai quattro formaggi

Pasta ai quattro formaggi, ovviamente senza panna: un simbolo dell'Italia all'estero. Quali formaggi usare? E come creare la cremina?


Focaccia barese

La focaccia barese, ricetta con poolish, impasto a macchina e a mano: tutelata da un Consorzio e adorata da tutti i pugliesi.


Porceddu (o porcetto?) sardo

Poscheddu, porcheddu, polcheddu, porceddu, porchetto, porcetto: sono tanti i nomi dialettali sardi per indicare questa tipicità della cucina regionale, il maialino da latte cotto allo spiedo.

 


Polpette di carne

Le polpette: le più conosciute sono quelle di carne ma esistono anche di pesce o di legumi.


Rösti di patate

Il rosti di patate: le frittelle che provengono dalla cucina svizzera, tutti i segreti per prepararle nel modo tradizionale.


Street food palermitano

Lo street food a Palermo, la città italiana dove il cibo di strada è una vera e propria tradizione gastronomica.


Tzatziki (salsa greca)

Il tzatziki: la famosissima salsa greca all'aglio e al cetriolo usata in abbinamento di piatti di carne.