La dieta per l'insonnia

L'insonnia è un disturbo piuttosto frequente, avendo una prevalenza nella popolazione del 30% circa (il 10% se ci si limita ai casi più gravi di insonnia cronica). Nell'articolo sull'insonnia abbiamo trattato l'argomento dal punto di vista medico, in questo articolo proviamo a rispondere alla domanda: può una dieta appropriata essere considerata un'arma efficace per combattere l'insonnia?

L'insonnia può essere classificata in base alla durata e di conseguenza dalle cause che l'hanno generata, in insonnia transitoria, di media durata e di lunga durata. In tutti i casi, le cause più frequenti dell'insonnia riguardano problemi di tipo psicologico, abuso di farmaci, eventi traumatici o eccessivo stress, e solo in casi minori, la presenza di particolari patologie (come la broncopatia cronica ostruttiva). La cura dell'insonnia, dunque, deve essere mirata alla rimozione di tali cause e la correzione dello stile di vita, e dunque anche della dieta, riveste un'importanza non trascurabile.

Dieta e insonnia

Dieta e insonnia

La qualità del sonno dipende moltissimo dallo stile di vita, che deve essere possibilmente ordinato, prevedendo orari fissi per la sveglia e il coricamento, e di conseguenza anche per i pasti, seppure con la necessaria flessibilità.

Mettere ordine alla propria vita significa anche mettere ordine alla propria alimentazione: dunque è opportuno suddividere l'assunzione di cibo in maniera corretta, con la colazione che deve apportare circa il 20% delle calorie giornaliere, e il pranzo e la cena almeno il 30%. Questo vale in generale per tutti, in più un soggetto che soffre di insonnia dovrebbe cercare di adottare altre strategie, vediamo le più importanti.

 

 

Astenersi dal consumo di alimenti nervini: tè, caffè e altri cibi contenenti caffeina, da eliminare totalmente o almeno 6 ore prima di coricarsi.

Evitare cene troppo abbondanti o troppo scarse: per evitare che la digestione ancora in atto influisca sul sonno, e dall'altro lato per evitare che sia la fame a non consentire di addormentarsi.

Evitare il consumo di zuccheri semplici prima di coricarsi: gli alimenti ad alto indice glicemico possono aumentare la difficoltà ad addormentarsi perché inibiscono la biodisponibilità di vitamina B6.

Evitare il consumo di alcol e sostanze psicoattive: alcol e droghe disturbano il sonno rendendolo meno ristoratore.

Assumere, soprattutto a cena, cibi che stimolano la produzione di serotonina e melatonina: le sostanze in grado di stimolare la produzione di questi ormoni sono i carboidrati complessi, il calcio, il magnesio, le vitamine B1 e B6. Dunque la cena ideale dovrebbe essere un pasto equilibrato, costituito da cereali e una fonte proteica che può essere a base di latticini, carne o pesce, oltre a una quantità corretta di verdura.

Pensare di risolvere problemi di insonnia gravi solo con la dieta è utopistico, tuttavia, come affermato in precedenza, mettere ordine nella propria vita può aiutare molto e la dieta è uno degli aspetti importanti delle abitudini di ognuno di noi; inoltre, se una corretta alimentazione non può fare miracoli, di certo una cattiva alimentazione può peggiorare un quadro già non ottimale, dunque la dieta può essere un valido aiuto da affiancare a strategie più specifiche per curare l'insonnia.

I rimedi naturali (decotti e tisane) sono in genere innocue e hanno un effetto positivo in base alla reazione psicosomatica del soggetto, in pratica, funzionano spesso per effetto placebo piuttosto che grazie alle loro presunte proprietà.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Dieta


Etichetta a semaforo (traffic light label)

Un recente dibattito dell'Unione Europea sulle etichette a semaforo per aiutare la popolazione ad alimentarsi in modo più equilibrato: vantaggi e svantaggi.


Perché la pizza è difficile da digerire?

Tantissime persone non riescono a digerire correttamente la pizza: non è solo una questione di lievitazione e cottura, ma anche di quantità... Perché il troppo, comunque, stroppia!


La pizza fa ingrassare?

La pizza fa ingrassare? Scopriamo, dati alla mano, se può essere considerata solo uno sgarro alimentare da concedersi ogni tanto, o se è possibile assumerla più di frequente.


Quante calorie ha la pizza?

Quante calorie ha una pizza? Sebbene sia un alimento variabile, è possibile risalire con abbastanza precisione alle calorie totali sia di una margherita che di una pizza condita.

 


La mozzarella fa ingrassare?

La mozzarella fa ingrassare? È tradizionalmente considerato un formaggio adatto in una dieta ipocalorica, in realtà a causa della sua appetibilità è un formaggio pericoloso per la linea!


Calorie del formaggio

Le calorie del formaggio sono molto variabili, ma dividendo i formaggi in categorie è possibile calcolarle in modo molto semplice!


Dolcificanti per dimagrire?

I dolcificanti sono stati bocciati dalla scienza come sostanze utili per dimagrire, tuttavia se usati intelligentemente possono avere una qualche utilità.


La pasta fa ingrassare?

La pasta fa ingrassare? Dipende dal sugo... Ma non dalle calorie o dai grassi, quanto dalla densità calorica.