Pomodori pelati

I pomodori pelati, spesso abbreviati in pelati, sono un modo tradizionale per conservare i pomodori per lungo tempo, in passato venivano preparati a fine estate, con le ultime gettate, per essere poi utilizzati durante l'autunno e l'inverno.

Questa era un'usanza diffusa un po' in tutta Italia, o almeno dall'Emilia in giù, ed oggi sta tornando molto in voga, sia perchè è molto semplice da preparare, sià perchè, a differenza della passata di pomodoro, non necessita di alcun macchinario per essere preparata.

La varietà più utilizzata per produrre i pelati è il San Marzano, originario della Campania, di colore rosso vivo, forma allungata e polpa soda e consistente, con pochissimi semi.

Una volta preparati e inscatolati possono essere utilizzati per fare dei sughi per la pasta o per i risotti, o anche per altre ricette, come lo spezzatino, la pappa al pomodoro, il friggione e così via.

Fasi di produzione dei pomodori pelati

Pomodori pelati

I pomodori vengono dapprima lavati e cerniti per scartare quelli difettosi, vengono poi calibrati per grandezza.

Segue la scottatura in acqua bollente o a vapore, e il passaggio in acqua fredda per facilitare la rimozione della pelle. Il nome deriva proprio da questo passaggio, pelati sta infatti per spellati, privati della sottile pelle.

I pomodori vengono poi inscatolati, eventualmente aggiungendo concentrato di pomodoro, chiusi non ermeticamente e riscaldati per favorire la fuoriuscita di aria, quando il prodotto raggiunge i 60 gradi al cuore le scatole vengono aggraffate e si procede con la sterilizzazione a 100 gradi (il pomodoro è un prodotto acido e non necessita di trattamenti termici drastici).

I pomodori pelati devono essere privi di pelle e parti dure, devono essere integri e avere una giusta consistenza della polpa.

 

 

Ricetta dei pelati fai da te

Preparare una conserva di pelati in casa è molto semplice ed è anche un ottimo modo, per chi ha un orto, di conservare le ultime gettate dei pomodori di fine estate, molto abbondanti e saporite.

Ingredienti

  • 2 kg di pomodori San Marzano maturi
  • 3 contenitori di vetro da 500 g

Procedimento

Lavare bene i pomodori e incidere l'estremità inferiore con un coltello in modo da agevolare poi la fase di spellatura. Sbollentare velocemente tutti i pomodori in acqua bollente per pochissimi minuti, ne bastano 2, poiché devono rimanere sodi e croccanti.

Scolare i pomodori e aspettare che si raffreddino.

Nel frattempo sterilizzare i vasetti con lo stesso procedimento che si usa per fare le marmellate (vedi qui).

Privare i pomodori della pelle e inserirli interi dentro i contenitori sterilizzati, quindi tapparli e metterli in una pentola piena d'acqua a bollire per circa 30 minuti così da creare il sottovuoto.

Un modo per capire se si è creato il sottovuto è quello di premere con un dito il centro del coperchio: deve rimanere fermo e non fare il rumore "clic clac".

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Quanto zucchero al giorno?

Quanto zucchero possiamo assumere al giorno? Facciamo chiarezza analizzando il documento ufficiale dell'OMS.


Lo zucchero fa male?

Lo zucchero fa male? Analizzando il documento ufficiale dell'OMS scopriamo che non è così 'tossico' come molti vorrebbero farci credere...


Fruttosio

Il fruttosio: lo zucchero a basso indice glicemico e con potere dolcificante (teorico) superiore al saccarosio.


Antiossidanti

Gli antiossidanti sono additivi utilizzati per evitare l'irrancidimento ossidativo, gli imbrunimenti e altre alterazioni causate dall'ossigeno. Alcuni di essi sono innocui, altri potenzialmente a rischio.

 


Burro a ridotto contenuto di colesterolo: un prodotto inutile!

Il burro a ridotto contenuto di colesterolo ne contiene l'80% in meno, tuttavia non essendo il burro una fonte importante di colesterolo, non ha molto senso utilizzarlo.


Burro light o a ridotto contenuto calorico: lasciamo perdere!

Il burro light (o leggeto, o a ridotto contenuto calorico) contiene la metà dei grassi e delle calorie rispetto al burro, ma ciò nonostante rimane un prodotto che non comporta vantaggi particolari.


Cioccolato rosa o ruby

Il cioccolato rosa o ruby (rubino): la novità del 2017, assolutamente naturale, senza coloranti, prodotto dalla casa cioccolatiera Callebaut.


Margarina

La margarina è un grasso alimentare solido, prodotto industrialmente, utilizzato come surrogato del burro, da evitare nella stragrande maggioranza dei casi.