Frittata di pasta

La frittata di pasta è una ricetta tradizionale della cucina napoletana e campana che nasce come piatto di recupero o riciclo. La pasta avanzata del giorno prima, infatti, veniva e viene cucinata con le uova in padella o al forno proprio come se si preparasse una frittata.

In realtà, questo piatto ha una sua lunga schiera di ammiratori e molti, ormai, lo preparano al momento, con la pasta appena cotta e lasciata al dente.

Viene mangiata a fette, soprattutto in occasione di picnic, scampagnate o feste.

La frittata di pasta può essere considerata un piatto unico, indicata nella Cucina Sì, a patto che si condisca la pasta con verdure (zucchine, cipolle, asparagi, piselli etc...) o semplicemente con salsa di pomodoro ed evitando, quindi, l'aggiunta di alimenti molto grassi come la pancetta.

Il formato di pasta più utilizzato per la frittata sono gli spaghetti, ma possono essere sostituiti dai rigatoni, dalle penne o dal formato che si preferisce.

Cugina della frittata di pasta è la "frittatina" o "frittatina di maccheroni", il tipico cibo di strada che a Napoli si trova in tutte le rosticcerie e le friggitorie che vendono anche pizza, pizza fritta e le altre specialità di strada napoletane. È una pasta al formaggio che viene legata con la besciamella, fatta rassodare in frigorifero, quindi tagliata a cilindri, impanata e fritta.
A differenza della frittata di pasta, la frittatina è un piatto decisamente ipercalorico, da considerarsi una eccezione alimentare da concedersi ogni tanto.
In questo blog trovate una ricetta passo passo della frittatina.

Ricetta della frittata di pasta (frittata di spaghetti)

Fritatta pasta spaghetti

Quando si ha a disposizione della pasta avanzata il gioco è fatto, basta amalgamarla con le uova e cuocerla in padella come una frittata, girandola a metà cottura e cuocendola su entrambi i lati. Altrimenti si può preparare la frittata di spaghetti dall'inizio come indico in questa ricetta.

Ingredienti per 4 persone:

  • 320 g di spaghetti
  • 4 uova
  • 80 g di Parmigiano Reggiano grattugiato
  • 1 cipolla
  • 250 g di passata di pomodoro
  • 3 cucchiai di olio extra vergine di oliva
  • sale e pepe q.b.

 

 

Preparazione: preparare il sugo facendo il soffritto con la cipolla e aggiungendo il pomodoro, il sale e il pepe e facendo cuocere per circa 20 minuti. Cuocere gli spaghetti in abbondante acqua salata, scolandoli a metà cottura, quindi immergendoli nel sugo. Sbattere le uova con il sale, il pepe e il parmigiano.

In una grande padella versare gli spaghetti al sugo e successivamente le uova sbattute, cuocere a fiamma vivace con coperchio, rovesciando la frittata dopo circa 5 minuti, controllando con la forchetta che la base sia cotta e continuando la cottura sul lato opposto.

La frittata di spaghetti può essere consumata sia calda che fredda, oppure riscaldata per pochi secondi al microonde.
Spesso la frittata di pasta viene accompagnata dai friggitelli al forno.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Struffoli napoletani

Gli struffoli: un dolce napoletano a base di palline di impasto aromatizzato all'anice, fritte e poi decorate con miele, canditi e confetti.


Torta tenerina

La torta tenerina o montenegrina: uno dei dolci senza lievito che piacciono tanto in questi ultimi tempi, un vero tripudio di cioccolato!


Coniglio al forno con patate

Coniglio al forno con patate: un secondo piatto italiano classico che tutti conosciamo, vediamo insieme la ricetta.


Tortino al cioccolato con cuore fondente

Tortino al cioccolato con cuore fondente o cuore morbido: due ricette di due grandi pasticceri per realizzarlo al meglio.

 


Torta caprese

La torta caprese il cui nome deriva dall'isola di Capri: la ricetta classica al cioccolato o nella variante al limone.


Tomaselle o tomaxelle (ricetta ligure)

Le tomaselle o tomaxelle: involtini di vitello e verdure tipici della cucina ligure.


La cucina africana

La cucina africana e le ricette della cucina africana.


Tamales

I tamales: i panini sudamericani fatti con la masa (la pasta di mais) e avvolti in foglie di platano o di pannocchia.