Gnocchi alla romana

Gli gnocchi alla romana sono un primo piatto tradizionale della cucina romana e laziale. Anche se si chiamano gnocchi sono molto diversi dai classici gnocchi italiani diffusi nelle altre regioni, piccoli e di forma ovale composti principalmente da patate lessate e farina.

Gli gnocchi alla romana, infatti, sono fatti di semolino (impastato con le uova ma non con la farina) e hanno la forma di dischi, di circa 5 cm di diametro e 1 cm di altezza.

Anche la cottura degli gnocchi alla romana è differente: mentre gli gnocchi di patate vengono sbollentati in acqua e poi conditi con un sugo di carne o di selvaggina così come si fa con la pasta, gli gnocchi alla romana vengono cotti nel latte e poi gratinati in forno, conditi con del formaggio grattugiato e del burro.

A volte vengono aggiunte alcune erbe aromatiche, specialmente la salvia e la noce moscata che si abbinano bene con il burro.

Volendo trovare delle affinità, somigliano più alle lasagne, alla pasta al forno, anche se hanno un sapore tutto loro, molto particolare. 

Ricetta degli gnocchi alla romana

Gnocchi alla romana

Gli gnocchi alla romana possono essere preparati in anticipo e poi riscaldati in forno prima di essere serviti.
Il procedimento di preparazione è molto semplice ma un po' laborioso e richiede circa un'ora di tempo.
Piacciono molto anche ai bambini. 

Ingredienti per 4 persone:

  • 700 g latte intero
  • 200 g di semolino di grano duro
  • 2 tuorli d'uovo
  • 2 noci di burro
  • 100 g di formaggio grattugiato (Parmigiano, Grana o Pecorino secondo i gusti)
  • una spolverata di noce moscata
  • 4 foglioline di salvia 
  • sale e pepe q.b.

 

Procedimento

Scaldare il latte in una pentola e quando è tiepido versare il semolino, girando continuamente ed evitando che si formino grumi, per esempio si può usare la frusta. Far cuocere circa 15 minuti. Unire un pizzico di sale, una spolverata di noce moscata e una noce di burro e continuare la cottura per altri 5 minuti, poi spegnere il fuoco.

Separare i rossi delle uova dagli albumi e versarli nel semolino che si è addensato (un po' come fa la polenta), mescolare e infine aggiungere 80 g di Parmigiano grattugiato, o un mix di formaggi a piacere.

Stendere il composto su un piano da lavoro e livellarlo con una spatola di modo che sia alto 1 cm, quindi formare i dischi con l'aiuto di un coppapasta o un bicchiere di circa 5 cm di diametro. 

Accendere il forno a 200°, quindi imburrare una teglia (o ricoprirla con carta da forno) e sistemare i dischi in posizione obliqua uno accanto all'altro, spolverare con il formaggio rimanente, unire le foglioline di salvia e il burro e infornare.

Cuocere per circa 20 minuti, e per altri 5 minuti in modalità grill così da garantire una perfetta gratinatura.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Insetti commestibili

Gli insetti commestibili: da esclusivo appannaggio di alcuni popoli etnici a cibo che salverà il futuro mondiale.


Fritto misto all'italiana

Si fa presto a dire fritto misto all'italiana ma le varianti regionali sono tantissime.


Fritto misto di pesce

Il fritto misto di pesce: il secondo piatto di mare per eccellenza, a base di gamberi, calamari e alici.


Fritto di paranza

La paranza o il fritto di paranza: un piatto di mare che prevede una grande varietà di pesci con le lische fritti.

 


Crocchette di patate

Le crocchette di patate o crocchè sono un classico cibo da strada diffuso soprattutto nel Meridione e in Spagna.


Crema fritta - cremini fritti

La crema fritta: uno dei protagonisti del fritto misto all'italiana mangiato sia come contorno che come dessert.


Olive all'ascolana

Le olive all'ascolana, ripiene di carne e fritte: un piatto che dalle Marche ha fatto il giro del mondo.


Quique Dacosta

Enrique detto Quique Dacosta: lo chef spagnolo tre stelle Michelin e presente nell'elenco dei 50 Best Restaurants.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.