La torta della nonna

La torta della nonna è un semplice dolce di origini toscane preparato con due strati di pastafrolla ripieni con una crema pasticcera e ricoperta di pinoli.

Sebbene non sia un dolce legato a qualche festa particolare o conosciuto a livello internazionale, come il panettone, il pandoro o la pastiera, la torta della nonna ha avuto, probabilmente per la sua semplicità, un successo tale da diventare un classico, proposto nella stragrande maggioranza dei locali di ristorazione.

Proprio per questo motivo, si sono un po' perse le origini di questo dolce, tant'è che non è stato facile capire la provenienza della torta della nonna... Sono addirittura dovuto ricorrere alla ricerca in siti inglesi e francesi curati da connazionali. In uno di questi siti (all'apparenza piuttosto credibile, con tanto di citazione di un gastronomo italiano, Leonardo Romanelli) ho notato una variante, inesistente in Italia, con la ricotta al posto della crema pasticcera.

Sì o No?

La torta della nonna ha 350 kcal per 100 g contro le 250 di un dolce da forno Sì. Insieme allo staff dell'hotel Belvedere di Montecatini terme abbiamo sviluppato una ricetta della torta della nonna che rispetta i vincoli della cucina Sì, fatta rigorosamente con prodotti genuini (solo burro nella pasta frolla e solo latte, uova, zucchero e maizena - o farina - nella crema). Per la ricetta rimando all'archivio delle ricette Sì online.

 

Torta della nonna al ristorante: attenzione alla qualità

Torta della nonna

La torta della nonna è onnipresente nelle carte dei dolci dei ristoranti, almeno di quelli popolari, ma non solo. Proprio per questo motivo, è uno dei dolci più a rischio salutistico. Per quanto riguarda le calorie, ovviamente la torta della nonna è da annoverare tra i dolci ipercalorici, da evitare se non possiamo permetterci di superare più di tanto il nostro bilancio calorico giornaliero. Di sicuro non si scende sotto le 400 kcal per 100 g, il che significa che una fetta (che difficilmente sta al di sotto dei 100 g, essendo un dolce piuttosto denso) ha mediamente una quantità di calorie pari a 1/4 del fabbisogno giornaliero di una donna sedentaria!

Ma il rischio salutistico non è tanto nelle calorie, tutti i dolci tradizionali sono ipercalorici, soprattutto al ristorante: il vero problema della torta della nonna è la bassa qualità degli ingredienti.

Se la torta è confezionata, la probabilità che la pasta frolla sia fatta con la margarina invece che con il burro è molto elevata (diciamo pure che è quasi matematico). Se invece è fatta "dalla casa", allora il rischio è inferiore e si può sempre domandare al cameriere, che eventualmente chiederà lumi in cucina, ma anche la ricetta della crema è a rischio: in molte cucine si utilizzano preparati in polvere contenenti grassi vegetali idrogenati che consentono di preparare una "ottima" crema in 5 minuti semplicemente miscelando acqua fredda con questo preparato (sì, avete capito bene, senza nemmeno scaldarlo o bollirlo).

 

Dunque, prima di chiedere una fetta di torta della nonna, preparatevi a una lunga intervista al cameriere...

La ricetta della torta della nonna

Le ricette per preparare la torta della nonna sono tantissime, come tante sono le ricetta per la pasta frolla e per la crema. Di seguito vi propongo una ricetta classica, mediamente calorica, che si attesta sulle 350 kcal per 100 g.

Ingredienti per una torta della nonna, 26 cm di diametro (10 porzioni):


Pasta frolla 500 g fatta con:
  • 500 g di farina per dolci (W180)
  • 300 g di burro
  • 1/2 uovo intero (25 g)
  • 250 g di zucchero semolato
Crema pasticcera 500 g fatta con:
  • 350 g di latte intero
  • 5 tuorli
  • 100 g di zucchero
  • 25 g di maizena
  • 1 bacca di vaniglia
  • un piccolo pezzetto di scorza di limone
Pinoli 50 g
Zucchero a velo 20 g da cospargere in superficie

Preparazione: per la preparazione della crema pasticcera rimando a questo articolo, per la preparazione della pasta frolla a questo articolo. Dividere in due parti la frolla, una leggermente più grande dell'altra. Ricavare 2 dischi di pasta frolla spessi 1 cm, di 26 cm di diametro, uno un po' più grande. Mettere quest'ultimo in una tortiera da 26 cm, modellare e pareggiare i bordi. Cospargere con la crema, coprire con l'altro disco e premere sul bordo per incollare i due dischi, infornare a 170 gradi nel forno ventilato per 30 minuti, quindi aggiungere i pinoli e cuocere altri 10 minuti, far raffreddare e cospargere con zucchero a velo.

Calorie per porzione: 325

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Heston Blumenthal

Heston Blumenthal: un famoso chef britannico gestore del ristorante The Fat Duck, tre stelle Michelin.


Calamari fritti

I calamari fritti: street food, piatto da pub o da ristorante? Perché non provare a farli in casa?


Spaghetti con la colatura di alici

Spaghetti con la colatura di alici: la ricetta tipica della Vigilia di Natale nella cucina campana.


Insetti commestibili

Gli insetti commestibili: da esclusivo appannaggio di alcuni popoli etnici a cibo che salverà il futuro mondiale.

 


Fritto misto all'italiana

Si fa presto a dire fritto misto all'italiana ma le varianti regionali sono tantissime.


Fritto misto di pesce

Il fritto misto di pesce: il secondo piatto di mare per eccellenza, a base di gamberi, calamari e alici.


Fritto di paranza

La paranza o il fritto di paranza: un piatto di mare che prevede una grande varietà di pesci con le lische fritti.


Crocchette di patate

Le crocchette di patate o crocchè sono un classico cibo da strada diffuso soprattutto nel Meridione e in Spagna.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.