Tumore allo stomaco - Cancro allo stomaco

Il tumore allo stomaco o carcinoma gastrico è il secondo tumore nel mondo per frequenza (il terzo in Italia dopo il cancro al seno e al polmone) e rappresenta la quinta causa di morte tra i tumori.

I tumori gastrici vengono classificati in diversi modi, i due modelli di riferimento sono quelli di Lauren e dell'OMS. L'OMS propone un grande numero di tumori differenti, in base alla localizzazione e alla forma ( tumori epiteliali, adenocarcinomi (papillare, tubulare, mucinoso, ecc), carcinoma a piccole cellule, ecc. Lauren propone una divisione più semplice tra carcinoma con morfologia intestinale (tumori voluminosi composti da struttura ghiandolare) e carcinoma diffuso (crescita diffusa e infestante di cellule maligne).

Fattori di rischio del tumore allo stomaco

I più importanti fattori ambientali associati all'incremento dell'incidenza del tumore allo stomaco sono le infezioni da Helicobacter Pylori (presente nella maggior parte dei carcinomi con morfologia intestinale) e alcuni fattori dietetici, come l'abuso di cibi conservati come nitriti e nitrati, alimenti affumicati, peperoncino, carenza di frutta e verdura. Il fumo aumenta il rischio di cancro allo stomaco di circa 1,5 volte.

Un aumento del rischio di tumore allo stomaco è associato alla gastrite cronica, l'ipocloridria, la gastrectomia parziale (con facilità di reflusso della bile che favorisce la cancerogenesi), l'esofago di Barret (aumento del rischio di tumore della giunzione gastro-esofagea).

Vi sono anche fattori genetici predisponenti: la sindrome familiare del carcinoma gastrico e la sindrome non poliposica del carcinoma colon-rettale. Si registra anche un aumento del rischio nei soggetti di gruppo sanguigno A.

 

 

Diagnosi e cura del tumore allo stomaco

Tumore allo stomaco

Il tumore allo stomaco rimane sostanzialmente asintomatico fino alle fasi più tardive, per questo motivo la sopravvivenza a 5 anni è relativamente bassa (15%), se si esclude il tumore diagnosticato precocemente, che invece ha un esito molto più favorevole. I sintomi sono comuni a moltre altre patologie e spesso vengono sottovalutati (calo ponderale, nausea, vomito, dolore addominale).

La diagnosi del tumore allo stomaco viene effettuata con l'esame radiologico, la gastroscopia, la biopsia (l'unica che permette la diagnosi definitiva), gli esami di laboratorio.

Generalmente la chirurgia, con asportazione della parte interssata, è la soluzione con esito migliore. La chemioterapia non ha dato risultati certi in termini di efficacia.

Il tumore allo stomaco spesso si ripresenta dopo l'operazione, a livello locale oppure negli organi adiacenti, quindi è molto importante che il paziente venga monitorato frequentemente dopo l'operazione.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Aminoacidi ramificati

Aminoacidi ramificati: sono davvero utili per gli sportivi? A chi servono, quando assumerli e in quale quantità.


Claudicatio intermittens

La condizione chiamata “claudicatio intermittens” si riferisce ad un dolore, che interessa nella maggior parte dei casi gli arti inferiori.


Ipoparatiroidismo

L'ipoparatiroidismo è una condizione clinica causata da carenza del paratormone (PTH), caratterizzata da bassi livelli di calcio (ipocalcemia) e alti livelli di fosfati (iperfosfatemia).


Intossicazione da monossido di carbonio

Il monossido di carbonio (CO) è un gas inodore, incolore, non irritante e si annovera tra le sostanze che mietono più vittime per intossicazione acuta.

 


Norovirus negli alimenti

I norovirus sono i virus che causano una delle poche malattie virali umane che si trasmettono con gli alimenti.


Duodenite

La duodenite e' l'infiammazione del duodeno, la prima parte dell'intestino tenue ed e' causata da una presenza eccessiva di succhi gastrici acidi.


Carcinoma squamo cellulare

Il carcinoma squamo cellulare è una forma di cancro che colpisce la pelle, e si sviluppa, a patire dalle cellule squamose.


Tumore della vescica

Il tumore vescica è una tipologia di cancro che interessa l'organo deputato all'immagazzinamento dell'urina nella zona pelvica maschile, la vescica.