La dieta per l'allergia ai pollini

L'allergia ai pollini è una delle più frequenti forme di allergia. Forse non tutti sanno che la dieta può essere un fattore scatenante di tale allergia, a causa del fenomeno noto come reazione crociata. Si tratta di una sindrome orale allergica che si verifica a seguito del contatto con alcuni alimenti vegetali in pazienti allergici ad alcune famiglie di pollini.

Esistono cibi, infatti, che contengono sostanze molto simili agli allergeni contenuti nei pollini: ingerendo tali cibi si potrebbero verificare reazioni allergiche localizzate nel cavo orale, mentre nel caso del contatto diretto con i pollini le zone interessate sono le prime vie respiratorie. Il sintomo più comune della reazione crociata è il prurito al palato, ma nei casi più gravi può verificarsi anche il gonfiore delle labbra, fino all'edema della glottide.

Possono manifestarsi anche reazioni non immediate, a seguito dell'assunzione di tali cibi, in questo caso le reazioni ritardate possono comparire anche in altre sedi, non necessariamente in bocca.

Dieta per l'allergia ai pollini

A seconda del tipo di allergia, ovvero del tipo di polline al quale si è allergici, esistono cibi che sarebbe opportuno evitare o limitare nelle quantità. Tale indicazione è rivolta soprattutto a coloro che hanno manifestato sindromi di reazione crociata, i quali dovrebbero conoscere la lista dei cibi per i quali sono a rischio di reazione allergica. Chi non ha mai manifestato tale tipo di reazione, può consumare tutti i cibi, magari limitando quelli a rischio, senza eliminarli.

Vediamo quali sono questi cibi in relazione al tipo di polline.

Allergia alle Graminacee: pesca, prugna, sedano, orzo, avena, ciliegia, mandorla, arachidi, bietole, kiwi, mais, anguria, agrumi, riso, segale, frumento, pomodoro, melone, albicocca.

 

 

Allergia ai pollini di Composite: arachide, noce, nocciola, pistacchio, cicoria, tarassaco, camomilla, lattuga, zucca, mela, melone, miele di girasole, miele di tarassaco, banana, anguria, castagne, sedano, prezzemolo, carota, finocchio, olio di girasole, margarine, dragoncello.

Allergia ai pollini di Betullacee: arachide, mandorla, kiwi, lampone, fragola, finocchio, pera, banana, nespola, pesca, pepe verde, mela, carota, sedano, ciliegia, albicocca, prugna, prezzemolo, nocciola, noce.

Allergia alla Parietaria: pistacchio, melone, kiwi, patata, pisello, arachide, soia, fagiolo, gelso, basilico, ortica, ciliegia, basilico.

Allergia all'Assenzio e all'Ambrosia: sedano, melone, anguria, banana, carote.

Allergia alle Poligonacee: grano saraceno (è anch'esso una poligonacea).

Allergia alle Salicacee: tutti i cibi che contengono i salicilati: albicocche, ananas, arachidi, arance, datteri, fragole, lamponi, mandorle, miele, ribes nero, indivia, cicoria, zucchine.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Dieta


Etichetta a semaforo (traffic light label)

Un recente dibattito dell'Unione Europea sulle etichette a semaforo per aiutare la popolazione ad alimentarsi in modo più equilibrato: vantaggi e svantaggi.


Perché la pizza è difficile da digerire?

Tantissime persone non riescono a digerire correttamente la pizza: non è solo una questione di lievitazione e cottura, ma anche di quantità... Perché il troppo, comunque, stroppia!


La pizza fa ingrassare?

La pizza fa ingrassare? Scopriamo, dati alla mano, se può essere considerata solo uno sgarro alimentare da concedersi ogni tanto, o se è possibile assumerla più di frequente.


Quante calorie ha la pizza?

Quante calorie ha una pizza? Sebbene sia un alimento variabile, è possibile risalire con abbastanza precisione alle calorie totali sia di una margherita che di una pizza condita.

 


La mozzarella fa ingrassare?

La mozzarella fa ingrassare? È tradizionalmente considerato un formaggio adatto in una dieta ipocalorica, in realtà a causa della sua appetibilità è un formaggio pericoloso per la linea!


Calorie del formaggio

Le calorie del formaggio sono molto variabili, ma dividendo i formaggi in categorie è possibile calcolarle in modo molto semplice!


Dolcificanti per dimagrire?

I dolcificanti sono stati bocciati dalla scienza come sostanze utili per dimagrire, tuttavia se usati intelligentemente possono avere una qualche utilità.


La pasta fa ingrassare?

La pasta fa ingrassare? Dipende dal sugo... Ma non dalle calorie o dai grassi, quanto dalla densità calorica.