Focaccia genovese

La focaccia genovese è una specialità della cucina ligure, onnipresente in tutti i panifici, venditori ambulanti di street food e ristoranti liguri, dove in dialetto viene detta fugassa.

Esistono tantissimi tipi di focaccia diversi in Italia, tra cui quella pugliese o quella di Recco che, come quella genovese, sono diventate particolarmente famose, anche all'estero.

La focaccia genovese è praticamente una pasta di pane arricchita: nell'impasto, infatti, viene aggiunto olio di oliva che deve essere molto delicato, meglio se ligure autoctono, per non alterare il sapore della focaccia vera e propria.

Generalmente la focaccia ligure è bianca, con dei solchi profondi dove si vanno ad incastrare i granelli di sale grosso, ma a volte può anche essere farcita per esempio con pomodorini o cipolla o olive o erbe aromatiche. La particolarità della focaccia genovese è quella di essere molto alta, croccante fuori e morbida dentro. 

 

 

 

Ricetta della focaccia genovese

Focaccia genovese ligure

Prima di passare alla ricetta alcune indicazioni fondamentali per la perfetta riuscita della focaccia genovese:

  • l'acqua deve essere tiepida, quindi in estate va bene a temperatura ambiente mentre in inverno sarà necessario riscaldarla un po' fino a portarla a 25-30°C,
  • la farina da utilizzare deve essere di grano tenero tipo 00 di media forza (W 240-260),
  • l'olio deve essere delicato, non troppo fruttato,
  • per una teglia di circa 25x40 cm di dimensioni occorre usare 500 g di impasto,
  • vanno fatte 3 lievitazioni per un totale di 3 ore, quindi meglio calcolare bene i tempi in base alla propria disponibilità,
  • per la lievitazione noi consigliamo una salamoia di acqua e sale piuttosto che unicamente olio, per evitare di realizzare una focaccia troppo calorica e difficile da digerire,
  • per impastare meglio usare una planetaria, ma si può tranquillamente fare anche a mano.

Autore:

Tempo di preparazione:

Tempo di cottura:

Tempo totale:

Ingredienti per 500 g di focaccia

  • 500 g di farina grano tenero tipo 00 di media forza (W 240-260),
  • 5 g di lievito di birra,
  • 300 g di acqua tiepida,
  • 5 g di sale fino per l'impasto, 
  • 30 g di olio extra vergine di oliva per l'impasto, 
  • 40 g di olio extra vergine di oliva nel condimento,
  • 90 g di salamoia (25 g di sale sciolti in 90 ml di acqua)

Preparazione

 

 

In una planetaria montata col gancio mettere l'acqua, il lievito e la metà della farina, quindi iniziare ad impastare, quando la farina è assorbita unire quella farina rimanente poca alla volta, il sale e per ultimo i 30 g di olio. Se si impasta a mano mettere tutta l'acqua con il lievito in una grande ciotola, unire la metà della farina e mescolare bene, quindi unire il resto della farina setacciata a poco a poco, eliminando tutti i grumi prima del nuovo inserimento. Da ultimo unire l'olio e il sale e impastare finché l'impasto non risulta perfettamente liscio.

Spostare l'impasto sulla spianatoia e coprirlo con una pellicola o "a campana" (con una ciotola), quindi lasciarla lievitare per 45 minuti. A questo punto stenderlo col mattarello, o a mano, fino a raggiungere quasi completamente la dimensione della teglia. Metterlo sulla teglia precedentemente unta con l'olio. Coprirlo con la pellicola e lasciarlo lievitare per un'ora e mezza in forno spento con la luce accesa (a circa 30 gradi).

Nel frattempo preparare la salamoia sciogliendo 25 g di sale in 90 ml di acqua. Stendere la focaccia con l'aiuto delle dita, premendo dolcemente e facendo espandere l'impasto che così andrà ad occupare tutta la teglia, fino agli angoli. Cospargere la superficie in maniera uniforme con la salamoia e lasciarla lievitare nuovamente in forno per altri 45 minuti. Togliere dal forno 10 minuti prima per preriscaldarlo a 220-240 gradi.

Dopo l'ultima lievitazione, con la punta delle dita esercitare una pressione sull'impasto al fine di formare i caratteristici buchi, che devono essere uniformi e abbastanza vicini tra loro, quindi cospargere con i 40 g di olio rimasti, e infornare la focaccia nel forno ventilato, già caldo, per 15-20 minuti. La temperatura esatta dipende dal forno che avete, dovrete sperimentare quella più adatta.

Una volta cotta, spostare la focaccia dalla teglia su una griglia per farla raffreddare e per dare la possibilità all'aria di passare anche da sotto, altrimenti perderà la croccantezza.

Informazioni nutrizionali per porzione

 

Energia

260 kcal - 1087 KJoule

 

Proteine ad alto VB 

0 g

Proteine

6 g - 9%

Carboidrati

38 g - 56%

Grassi

10 g - 35%

di cui

 

saturi

1.5 g

monoinsaturi

7.3 g

polinsaturi

0.9 g

Fibre

1 g

Colesterolo

0 mg

Sodio

1 mg

 

 

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Pasta e fagioli

Pasta e fagioli: un primo piatto povero della tradizione italiana sempre molto apprezzato, e dalle caratteristiche nutrizionali molto interessanti.


Cioccolatini al cocco

Cioccolatini al cocco: irresistibili e facilissimi da preparare.


Il risotto alla milanese

Il risotto alla milanese: il re dei piatti della cucina lombarda affonda le sue origini nel Cinquecento.


Panzerotti baresi

I panzerotti o calzoni fritti: una ricetta pugliese fatta con l'impasto della pizza.

 


Roner (per cottura sottovuoto)

Il roner o bagno termostatato: lo strumento per la cucina sottovuoto o sous vide.


Cottura sottovuoto o sous vide

La cottura sottovuoto a basse temperature o sous vide: gli inventori, gli chef pionieri e cosa significa cucinare oggi sottovuoto.


Dorayaki (dolcetti giapponesi)

I dorayaki: i dolcetti giapponesi composti da due strati di pancake e una crema di fagioli azuki.


Torta paradiso senza lievito

La torta paradiso senza lievito: così era nella versione originale e così la si può preparare facilmente.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.