Semolino

Il semolino è un composto granuloso derivante dalla macinazione dei cereali, grano (frumento) in primis.

A livello di consistenza, il semolino si presenta in granelli più o meno fini di colore giallo intenso, quindi è molto diverso dalla farina e dalla semola che sono invece ridotte in polvere e dalla consistenza impalpabile.

I semolini in commercio si suddividono in due categorie: semolini grossi (con granelli di circa 1,5 mm di diametro) o semolini fini (con granelli di circa 0,3 mm).

Quando si parla di semola o semolino si intende principalmente quella ottenuto dal grano duro, ma esistono altre tipologie di semolino e vengono indicate in etichetta: semolino di riso (indicato soprattutto per i soggetti celiaci intolleranti al glutine), semolino giallo (ottenuto dal mais e usato per fare la polenta), crema di frumento (semolino di grano tenero adatto per la composizione di dolci).

Semolino

Ricette con il semolino

Il semolino viene lavorato in modo tale da risultare più digeribile ed è per questo che nella stragrande maggioranza dei casi viene associato all'alimentazione dei bambini, quasi negandogli il diritto di essere un alimento anche per adulti e di tutto rispetto e, sebbene sia spesso commercializzato come prodotto per lo svezzamento dei neonati (addizionato di vitamine e sali minerali), viene anche utilizzato per tante ricette sia nazionali che internazionali che tutti conoscono.

 

 

Alcuni esempi sono: gli gnocchi alla romana, la zuppa imperiale, il cous cous, il pudding anglosassone.

Più in generale il semolino trova impiego in cucina come addensante, per esempio nella preparazione di budini, oppure nell'impanatura per ottenere un effetto più croccante o, infine, nella composizione di minestre in brodo (anche con l'aggiunta di uova).

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Lo zucchero fa male?

Lo zucchero fa male? Analizzando il documento ufficiale dell'OMS scopriamo che non è così 'tossico' come molti vorrebbero farci credere...


Quanto zucchero al giorno?

Quanto zucchero possiamo assumere al giorno? Facciamo chiarezza analizzando il documento ufficiale dell'OMS.


Fruttosio

Il fruttosio: lo zucchero a basso indice glicemico e con potere dolcificante (teorico) superiore al saccarosio.


Antiossidanti

Gli antiossidanti sono additivi utilizzati per evitare l'irrancidimento ossidativo, gli imbrunimenti e altre alterazioni causate dall'ossigeno. Alcuni di essi sono innocui, altri potenzialmente a rischio.

 


Burro a ridotto contenuto di colesterolo: un prodotto inutile!

Il burro a ridotto contenuto di colesterolo ne contiene l'80% in meno, tuttavia non essendo il burro una fonte importante di colesterolo, non ha molto senso utilizzarlo.


Burro light o a ridotto contenuto calorico: lasciamo perdere!

Il burro light (o leggeto, o a ridotto contenuto calorico) contiene la metà dei grassi e delle calorie rispetto al burro, ma ciò nonostante rimane un prodotto che non comporta vantaggi particolari.


Cioccolato rosa o ruby

Il cioccolato rosa o ruby (rubino): la novità del 2017, assolutamente naturale, senza coloranti, prodotto dalla casa cioccolatiera Callebaut.


Margarina

La margarina è un grasso alimentare solido, prodotto industrialmente, utilizzato come surrogato del burro, da evitare nella stragrande maggioranza dei casi.