Micotossine

Le micotossine sono sostanze tossiche, spesso cancerogene, prodotte dalle muffe che facilmente contaminano le derrate alimentari.

La contaminazione può avvenire direttamente in campo, nei semilavorati o nei prodotti finiti mal conservati.

Le condizioni ambientali condizionanano notevolmente la possibilità di svilupparsi di queste muffe e delle relative micotossine.

Le micotossine più note sono le aflatossine e le tossine dell'ergotismo.

Ecco un elenco delle micotossine più note (da Residui, additivi e contaminanti negli alimenti di Giuseppe Cerutti, Tecniche Nuove):

  • acido aspergillico, da Aspergillus niger e da Aspergillus flavus;
  • acido ciclopiazonico, da Penicillium cyclopium;
  • acido ossalico, da Aspergillus niger e da Aspergillus chevalieri;
  • acido penicillico, da Aspergillus ochraceus eda Penicillium spPenicillium;
  • aflatossine (Bl, Bz, G1, G2, M), da Aspergillus flavus e da Aspergillus parasiticus; alternariolo, da Alternaria Penicillium;
  • butenolide, da Fusarium nivale e da Fusarium tricinctum; citreoviridina, da Penicillium Citroeviride e da Penicillium ochrasalmoneum;
  • Citrinina, da Aspergillus terreus e da Penicillium citrinum;
  • deossinivalenolo (DON), da Fusarium culmorum e da Fusarium graminearum; diacetossiscirpenolo (DAS), da Fusarium scirpi e da Fusarium tricinctum;
  • fattore tremorigeno, da Penicillium crustorum e da Aspergillus Penicillium;
  • fumonisine, da Fusarium monilifonne;
  • fusarenone, da Fusarium nivale;
  • ocratossine (A e B), da Aspergillus ochraceus e da Penicillium viridicatum; patulina, da Penicillium patulum, Penicillium expansum e Aspergillus giganteus;
  • rubratossine (A e B), da Penicillium rubrum e da Penicillium purpurogenum; -sporofusariogenina, da Fusarium poae, fusaproliferina;
  • stachibotriotossine (A e B), da Stachybotrys atra;
  • sterigmatocistina, da Aspergillus nidulans e da Bipolaris spPenicillium; tossina HT-2, da E tricinctum, Fusarium poae, Fusarium sporatrìchioides;
  • tossina T-2, da Fusarium equiseti, Fusarium oxysporum, Fusarium solani, Fusarium roseum, Fusarium poae; viridicatina, da Penicillium viridicatum e da Penicillium cyc10pium; -zearalenone, da Fusarium graminearum.

 

 

Micotossine

Le muffe che producono tossine vangono anche classificate a seconda del modo in cui si producono:

  • muffe da campo: invadono i vegetali prima della raccolta. Si tratta di specie Alternaria, Cladosparium e Fusarium;
  • muffe da magazzinaggio, che si sviluppano facilmente quando l'umidità dei prodotti oscilla fra 13 e 18%;
  • muffe da degradazione o decadimento (cattiva conservazione).

Oggi le micotossine vengono facilmente rilevate con la tecnica della cromatografia su strato sottile che consente di ridurre falsi risultati positivi, che in passato hanno comportato notevoli danni economici e di immagine.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Calorie del formaggio

Le calorie del formaggio sono molto variabili, ma dividendo i formaggi in categorie è possibile calcolarle in modo molto semplice!


Salsa bernese

La salsa bernese è una sorta di maionese preparata con burro, uova ed erbe aromatiche di origine francese. Scopriamo una ricetta infallibile con meno burro e senza dover usare il bagnomaria.


Ricotta di vacca, pecora e capra

Ricotta di vacca, pecora e capra: non è propriamente un formaggio, poiché viene ricavata dal siero, un prodotto di scarto.


Tagli di carne bovina

Tagli di carne bovina: come riconoscerli, le differenze, gli utilizzi.

 


Campylobacter e campylobatteriosi

La campylobatteriosi è una malattia a trasmissione alimentare solitamente innocua ma che può portare, in alcune situazioni, a danni gravissimi.


Brioche

La brioche: la ricetta di un dolce da forno lievitato di origine francese e dalle mille varianti.


Dolcificanti per dimagrire?

I dolcificanti sono stati bocciati dalla scienza come sostanze utili per dimagrire, tuttavia se usati intelligentemente possono avere una qualche utilità.


Dolcificanti

I dolcificanti sono additivi o alimenti usati come sostituti dello zucchero e possono essere sintetici come l'aspartame o naturali come la stevia.