Cointreau

Rémy Cointreau è il nome di una nota distilleria francese della città di Angers, nella regione Loira, che produce l'omonimo liquore Cointreau, un triple sec aromatizzato all'arancia.

Il nome originale di questo liquore era "Curaçao Blanco Triple Sec", ma la sua fama divenne tale che oggi viene comunemente chiamato in tutto il mondo Cointreau, dal nome della distilleria.

Il Cointreau ha colore bianco trasparente, una gradazione alcolica di 40% volumi e un delicato aroma di arancia.

Viene bevuto liscio o con ghiaccio sia come aperitivo che come digestivo dopo i pasti, e trova impiego anche come ingrediente di svariati cocktail quali l'Angelo Azzurro, il Cosmopolitan, il Sidecar, il Margarita e tanti altri che prevedono l'uso di un liquore triple sec.

Può essere bevuto anche come punch caldo, diluito con acqua e aromatizzato con scorze d'arancia.

Storia del Cointreau

Cointreau

La distilleria Cointreau & Cie venne fondata nel 1849 ad Angers dai fratelli Adolphe ed Edoard Cointreau.

Inizialmente il liquore più famoso di questa distilleria era il Guignolet, un distilato aromatizzato alla ciliegia, poi nel 1875 venne formulata la ricetta del Cointreau a base di alcool puro, zucchero e scorze di arancie dolci e amare, che superò in successo il suo antecendente Guignolet. La prima bottiglia di Cointreau aveva la forma bassa e squadrata che tutt'oggi rappresenta un marchio distintivo dell'omonimo liquore.

I fratelli Cointreau furono molto astuti anche nel modo di pubblicizzare il loro liquore, associandolo alla maschera carnevalesca francese più famosa, il Pierrot, e oltre ai manifesti pubblicitari, realizzarono anche i primi video promozionali subito dopo l'avvento del cinematografo nel 1896, trasmettendoli durante gli spettacoli cinematografici dei Lumiere.

 

 

Negli anni Venti il successo del Cointreau aveva già attraversato l'oceano ed era arrivato negli Stati Uniti e poi da lì si espanse rapidamente in tutto il mondo. 

Nel 1990 la distilleria Cointreau & Cie venne acquistata da un'altro marchio molto famoso in Francia, la Rémy Martin, produttore dell'omonimo cognac, e il nome fu cambiato in Rémy Cointreau.

Attualmente la produzione di Cointreau si stima in circa 13 milioni di bottiglie, delle quali il 95% viene esportato all'estero in più di 150 Paesi diversi; tra i maggiori consumatori di Cointreau troviamo gli spagnoli e i brasiliani.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Vino blu (Gik)

Il primo vino blu del mondo (prodotto dalla compagnia Gik), realizzato a tavolino da un'azienda spagnola, ha destato scalpore e curiosità.


Burrolì: no grazie!

Burrolì: il surrogato del burro fatto con olio di riso, burro di cacao e olio extravergine, che pretende (a torto) di essere un ottimo sostituto del burro.


Furano negli alimenti: cos'è, dove si trova e come evitarlo

Il furano è una molecola potenzialmente cancerogena per l'uomo: scopriamo dove si trova e come evitarlo negli alimenti..


Micotossine dell'ergotismo

Tra le manifestazioni più importanti di intossicazioni da micotossine troviamo senz'altro l'ergotismo, patologia causata dalla farina di segale contaminata dalla muffa Claviceps purpurea.

 


Micotossine

Le micotossine sono sostanze tossiche, spesso cancerogene, prodotte dalle muffe che facilmente contaminano le derrate alimentari.


Aflatossine

Le aflatossine sono micotossine (cioè tossine prodotte da funghi) cancerogene che si producono abbastanza facilmente nei cereali, nella frutta secca e in altri alimenti di uso comune.


Latte di bufala

Il latte di capra è più adatto alla produzione di formaggi freschi o poco stagionati, poiché non resiste alle alte temperature.


Salumi ed insaccati

In questa pagina trovi una descrizione dei salumi e degli insaccati, un elenco dettagliato dei salumi tradizionali italiani, e di alcuni salumi internazionali.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.