Myacawa

Myacawa, satsuma, mikan, migan...ha tanti nomi questo piccolo mandarino giapponese che da qualche anno viene coltivato anche da noi in Italia con grande successo, in Sicilia, Calabria e Basilicata.
Da dove gli deriva questo successo? Da due motivi principalmente: per prima cosa il myacawa è apirene, ossia è senza semi, e questo piace molto al consumatore finale, e secondo ha una buccia sottile facile da togliere cosicchè gli spicchi possono essere mangiati ad uno ad uno in un sol boccone.

Non dimentichiamo, poi, il sapore, dolcissimo. Non a caso il myacawa in Cina viene chiamato "migan" e in Giappone "mikan", due termini che significano letteralmente "miele di agrumi".
Satsuma, infine, è la provincia del Giappone dove questo mandarino è ampiamente coltivato (ma non originario, è difatti cinese) e da cui è stato esportato in Occidente e non solo dato che viene coltivato anche in Sud Africa e in Sud America.

Caratteristiche del myacawa

Myacawa Satsuma

Il myacawa (Citrus unshiu) si presenta molto simile ad un mandarino e viene comunemente indicato come una varietà di mandarini. Ha una forma rotonda con una protuberanza rugosa verso l'estremità del picciolo, ha la buccia di colore arancione, disseminata di grandi ghiandole sebacee. 
Il succo di myacawa ha un colore più intenso rispetto a quello di altri mandarini e nella cucina cinese la sua buccia essiccata è un ingrediente molto popolare.

Come albero è molto resistente al freddo (fino a -9°C) e ha maturazione precoce, tra ottobre e dicembre.

 

 

I nei del myacawa

La pelle tanto sottile del myacawa può diventare un difetto nel momento in cui viene trasportato e manipolato, dato che è particolarmente delicata e rischia di presentare ammaccature non subito evidenti a occhio nudo. Negli Stati Uniti viene classificato come un agrume hit-and-miss, ossia inaffidabile, imprevedibile, che dà risultati alterni. 
Anche perchè spesso può capitare che la polpa sia matura quando la buccia è ancora verdastra e non perfettamente arancione come si aspetterebbe il consumatore che sarebbe quindi indirizzato a non comprarlo credendolo acerbo. 

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA)

Gli Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA) sono sostanze cancerogene che si sviluppano a causa delle alte temperature e quindi anche nella preparazione di svariati alimenti.


Valeriana o songino

Valeriana: un tipo di lattuga da non confondersi con la valeriana officinalis. Scopriamo le sue proprietà e come utilizzarla in cucina.


Diossine e PCB: cosa sono e come difendersi dai rischi alimentari

Le Diossone e i PCB sono tra i contaminanti ambientali e alimentari più pericolosi: ecco come arrivano nel cibo e come evitarli.


Vini Supertuscan

Supertuscans: i grandi vini rossi toscani che hanno deciso di fare a meno delle denominazioni Doc e Docg.

 


Vino rosé Pamplemousse

Vin de Pamplemousse, la bevanda a base di vino e succo di pompelmo che viene dalla Francia.


Vino blu (Gik)

Il primo vino blu del mondo (prodotto dalla compagnia Gik), realizzato a tavolino da un'azienda spagnola, ha destato scalpore e curiosità.


Burrolì: no grazie!

Burrolì: il surrogato del burro fatto con olio di riso, burro di cacao e olio extravergine, che pretende (a torto) di essere un ottimo sostituto del burro.


Furano negli alimenti: cos'è, dove si trova e come evitarlo

Il furano è una molecola potenzialmente cancerogena per l'uomo: scopriamo dove si trova e come evitarlo negli alimenti..

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.