Cordon bleu

Il cordon bleu è un classico secondo piatto comunemente conosciuto come una cotoletta di carne di pollo o di tacchino ripiena di prosciutto e formaggio, impanata e fritta in padella, oppure cotta in forno.

Di origine svizzera-francese, il cordon bleu è divenuto nel corso dei decenni un secondo piatto famoso a livello internazionale.

La versione classica, nata in Svizzera negli anni Quaranta prevedeva che fosse preparato con carne di vitello ripiena di formaggio. Ma successivamente sono nate altre varianti che generalmente prediligono usare la carne di pollo o di tacchino, tranne che in Germania, Austria e Svizzera dove si continua ad usare la carne di vitello o al massimo quella di maiale. Inoltre è stato aggiunto nel ripieno il prosciutto cotto o il bacon negli Stati Uniti, oppure a volte i funghi, le melanzane, i carciofi o altre verdure.
Ne esiste anche una versione musulmana con ingredienti concessi e permessi dai dettami religiosi.

Storia del cordon bleu

Originariamente il termine “Cordon Bleu” si riferiva agli antichi cavalieri dell'Ordine del Santo Spirito ai quali ci si riferiva con reverenza, ed in Francia viene tuttora usato per indicare qualcosa di eccellente: i grandi chef, i grandi piatti, vengono definiti “Cordon bleu”.

Basti pensare che una delle prime scuole di cucina francesi, con sedi anche in Italia e nel mondo, scelse come nome proprio Cordon Bleu (Le Cordon Bleu Paris).

 

In Italia, però, questo termine è arrivato solo recentemente e ha perso ogni accezione di qualità, anzi, indica semplicemente la cotoletta, facilmente reperibile al supermercato anche in versione surgelata, o comunque preconfezionato, di scarsa qualità.

Questo fatto è dovuto alla massiccia promozione del cordon bleu come cotoletta cominciata negli Stati Uniti negli anni Sessanta. Gli USA furono i primi a commercializzare il cordon bleu in versione surgelata e a indicarlo come il piatto più amato dai bambini (infatti è un alimento che il più delle volte viene consumato solo da bambini).

Ma il cordon bleu, effettivamente un piatto molto gustoso, può incontrare anche i palati più esigenti, almeno quello preparato da qualche ristorante, dal proprio macellaio, o fatto in casa.

Ricetta del cordon bleu

Cordon bleu

Si può scegliere il tipo di carne da utilizzare, magari evitando quella di vitello per i motivi che abbiamo esposto in questo articolo, preferendo quella di maiale (più saporita) o di pollo (dal sapore più neutro).
Quanto al formaggio ideale da utilizzare consiglio la caciotta, oppure la scamorza o la provola non affumicate, comunque un formaggio poco stagionato, di latte vaccino, che si tagli bene con il coltello e che sia capace di sciogliersi durante la cottura.
Per creare un piatto più equilibrato e completo si possono aggiungere nel ripieno delle verdure, per esempio delle zucchine, dei funghi, dei carciofi o delle carote, in base ai gusti.
Per limitare le calorie di questo piatto, che con la frittura aumenterebbero parecchio, si può optare per la cottura al forno.

 

Ingredienti per 4 persone:

  • 4 fette di maiale o pollo (spesse circa 1 cm e dal peso di 100-120 g l'una)
  • 80 g o 4 fette di formaggio tipo caciotta
  • 80 g o 4 fette di prosciutto cotto o mortadella
  • 120 g di funghi o carciofi o zucchine 
  • qualche fogliolina di prezzemolo
  • 1 cucchiaio d'olio extra vergine di oliva
  • 1 uovo
  • pangrattato q.b. per l'impanatura
  • sale e pepe q.b.

Procedimento:

Trifolare le verdure in padella con un cucchiaio d'olio e un pò di prezzemolo per pochi minuti.

Asciugare le fette di carne con carta assorbente e appoggiarle sopra un tagliere, batterle con un batticarne per stenderle, salarle e peparle, quindi farcirle con una fetta di formaggio, una fetta di prosciutto e un cucchiaio di verdure. Arrotolarle e chiuderle bene, quindi passarle ognuna prima nell'uovo sbattuto e poi nel pangrattato.

Sistemarle in una teglia ricoperta da carta da forno e cuocerle in forno già caldo a 180° per circa 15-20 minuti, controllandole di tanto in tanto. Usare la modalità grill durante gli ultimi minuti di cottura e quando la superficie delle cotolette sarà dorata saranno pronte.

Servire magari accompagnate da un'insalata mista o da patate lesse o purè.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


René Redzepi

René Redzepi, il manifesto della New Nordic Couisine e la nuova fattoria urbana.


Enrico Crippa

Enrico Crippa: il giovane chef di Piazza Duomo ad Alba, tre stelle Michelin dal 2012.


Alex Atala

Alex Atala, classe 1968, chef brasiliano alias lo chef umanitario che fa la spesa in Amazzonia.


Jiro Ono

Jiro Ono: lo chef stellato più anziano del mondo, a cui è stato dedicato il film "L'arte del sushi".

 


Nino Bergese

Nino Bergese: uno chef storico italiano, soprannominato "il cuoco dei re, il re dei cuochi".


Tartellette alla crema di fagioli e rosmarino con tartare di tonno al limone

Un'idea sfiziosa per un antipasto: tartellette alla crema di fagioli e rosmarino con tartare di tonno al limone.


Risotto porcini, zafferano e gamberi rossi

La versione gourmet del risotto mare e monti: risotto con porcini, zafferano e gamberi rossi.


Riso all'inglese

Il riso all'inglese, praticamente riso lessato e condito con burro, semplicissimo da preparare.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.