Crema fritta - cremini fritti

La crema fritta, o cremini fritti, è un piatto tipico di alcune regioni italiane che troviamo tra i componenti del fritto misto all'italiana, a fianco delle olive all'ascolana e di altre verdure fritte (cavolfiore, zucchine, patate...).

In particolare la crema fritta è tipica dell'Emilia Romagna, del Veneto, delle Marche e dell'Abruzzo, ma è diffusa anche in altre regioni del Centro Italia. Molto famosa per il fritto misto all'italiana e dunque anche per i cremini fritti è la città di Ascoli Piceno, magari più conosciuta per le classiche olive all'ascolana, dove ogni anno si organizza il Festival del Fritto.

La crema fritta può essere mangiata sia come antipasto o contorno, se leggermente salata in superficie, oppure come dolce a fine pasto, quando viene spolverata di zucchero a velo.
In particolare la crema fritta dolce viene servita durante il periodo di Carnevale in Veneto.

Ricetta della crema fritta

Crema fritta

La ricetta della crema fritta prevede due fasi: la prima è la preparazione della crema pasticcera che va fatta raffreddare e solidificare in frigorifero, mentre la seconda è l'impanatura e la frittura vera e propria.

Ingredienti per circa 40 cremini:

Per la crema

  • 1 l di latte
  • 10 tuorli
  • 300 g di zucchero
  • 80 g di maizena
  • un foglio di gelatina
  • la scorza di un limone

Per l'impanatura

  • 1 uovo
  • pangrattato q.b.
  • olio di semi di arachide q.b. per la frittura

 

Procedimento: Mettere a sobbollire il latte con la scorza di limone in un pentolino, spegnere la fiamma e coprire. Sbattere i tuorli in un piatto a parte e mescolarli a maizena e zucchero, con una forchetta.

Quando il composto sarà ben amalgamato versarlo nel latte caldo, rimettere sul fuoco e mescolare energicamente per evitare la formazione di grumi, quando addensa spegnere la fiamma e aggiungere la gelatina, mescolare bene per farla sciogliere. Consiglio di usare le fruste in questa fase delicata.

Successivamente trasferire la crema su una spianatoia o su un vassoio formando un rettangolo di circa 2 cm di spessore. Coprire con la pellicola, lasciarla raffreddare e tenerla in frigorifero per un paio d'ore.

Una volta solidificata, tagliare la crema a cubetti o a rombi, a piacere, e ripassare ogni cremino prima nell'uovo, poi nella farina e per ultimo del pangrattato. Friggere i cremini in abbondante olio pochi alla volta, quindi stenderli su carta assorbente e spolverarli di sale o zucchero a velo a seconda che li si voglia salati o dolci.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Fritto misto all'italiana

Si fa presto a dire fritto misto all'italiana ma le varianti regionali sono tantissime.


Fritto misto di pesce

Il fritto misto di pesce: il secondo piatto di mare per eccellenza, a base di gamberi, calamari e alici.


Fritto di paranza

La paranza o il fritto di paranza: un piatto di mare che prevede una grande varietà di pesci con le lische fritti.


Crocchette di patate

Le crocchette di patate o crocchè sono un classico cibo da strada diffuso soprattutto nel Meridione e in Spagna.

 


Crema fritta - cremini fritti

La crema fritta: uno dei protagonisti del fritto misto all'italiana mangiato sia come contorno che come dessert.


Olive all'ascolana

Le olive all'ascolana, ripiene di carne e fritte: un piatto che dalle Marche ha fatto il giro del mondo.


Quique Dacosta

Enrique detto Quique Dacosta: lo chef spagnolo tre stelle Michelin e presente nell'elenco dei 50 Best Restaurants.


Fonduta di taleggio con pere al caramello salato

Per gli amanti dei gusti forti e agrodolci: fonduta di taleggio con pere al caramello salato.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.