DHEA

Il DHEA (deidroepiandrosterone) è un ormone prodotto naturalmente dal corpo umano, soprattutto dalla zona corticale del surrene (e dai testicoli, nell'uomo), in risposta all'ormone ipofisario ACTH. 

Il DHEA viene prodotto a partire dal colesterolo, ed è utilizzato come precursore degli ormoni sessuali (testosterone, estrogeni, progesterone) e del cortisolo.

Le funzioni del DHEA sono molteplici, dalla regolazione delle funzioni sessuali alla produzione di mielina (la guaina che protegge i nervi), la regolazione del metabolismo dei grassi, il mantenimento della densità ossea, ecc.

Il DHEA può essere facilmente prodotto sinteticamente in laboratorio a partire da alcune piante, come la soia o l'igname, ma questo non significa che assumendo tali alimenti si riesca ad incrementare la quantità di DHEA nel sangue, semplicemente perché l'organismo non è in grado di replicare le trasformazioni chimiche che vengono utilizzate in laboratorio per ottenere il DHEA: bisogna quindi diffidare dagli integratori di DHEA "naturale" che si basano semplicemente su estratti di tali piante.

La produzione di DHEA nel corpo umano diminuisce a partire dai 30 anni, il calo diventa sensibile dopo i 40 anni fino ad arrivare a livelli di produzione molto bassi dopo i 60 anni (a 80 anni il livello non supera il 10% rispetto al massimo, che si raggiunge a intorno a 20 anni). Per questo motivo si è pensato che una integrazione di DHEA finalizzata a contrastare la diminuzione della produzione naturale potesse essere un valido aiuto per rallentare l'invecchiamento. In realtà il processo di invecchiamento è molto complesso e pensare di rallentarlo agendo solo su una sostanza è ottimistico.

 

 

Negli USA il DHEA è stato liberalizzato negli anni 90 e moltissime persone hanno adottato questo integratore, che in questo modo ha potuto essere studiato in modo approfondito. Questi studi hanno fortemente ridimensionato l'entusiasmo iniziale, che aveva spinto a proporre il DHEA come integratore per dimagrire, aumentare la libido, contrastare le disfunzioni sessuali, combattere molte patologie (malattie cardiovascolari, malattie autoimmuni, addirittura il cancro), rallentare l'invecchiamento, promuovere le funzioni cognitive negli anziani, aumentare la massa muscolare e la forza negli atleti.

Attualmente le ricerche scientifiche hanno dimostrato (non in modo definitivo) che il DHEA può avere qualche beneficio per alcune patologie e che, solo in parte, può rallenatare l'invecchiamento. 

Controindicazioni

Il DHEA, in quanto precursore di ormoni sessuali, non è esente da rischi, soprattutto se usato in modo continuativo per lungo tempo. Gli effetti collaterali più comuni sono l'acne, la perdita di capelli, problemi digestivi, pressione alta. Le donne possono avere cambiamenti nel ciclo mestruale, la crescita di peli sul viso e un cambiamento del timbro della voce.

Il DHEA non va utilizzato in gravidanza e allattamento e non va utilizzato dalle donne in qualunque situazione sensibile ad un aumento degli estrogeni (come il cancro al seno, il cancro ovarico, l'endometriosi, i fibromi uterini).

Il DHEA può aumentare la probabilità di cancro al seno nelle donne e alla prostata negli uomini, è sconsigliato nei diabetici perché potrebbe alterare la produzione di insulina, a chi soffre di problemi al fegato, e a chi è affetto da sindrome dell'ovaio policistico (PCOS).

Il DHEA potrebbe peggiorare problemi al fegato preesistenti.

Ci sono anche preoccupazioni per quanto riguarda i disturbi del comportamento, che potrebbero essere esacerbati dall'assunzione di DHEA.

Il DHEA può interferire con il metabolismo di molti farmaci, e anche con alcuni alimenti (come la soia) che possono diminuirne la concentrazione nel sangue.

Il DHEA è una sostanza proibita dall'antidoping ed è quindi fortemente sconsigliata per gli atleti agonisti.

DHEA integratori

Benefici dell'integrazione di DHEA

Effetti possibili (prove ancora insufficienti)

Migliorare l'aspetto della pelle degli anziani. Assunzione di DHEA per via orale sembra aumentare lo spessore della pelle e l'umidità, e diminuire il viso "macchie senili" negli uomini e nelle donne anziane.

Disfunzione erettile. L'assunzione di DHEA sembra migliorare l'erezione in pazienti affetti da disturbi sessuali, ma non se questi sono causati da diabete o problemi al sistema nervoso.

Migliorare i sintomi del lupus. L'assunzione di DHEA può ridurre le recidive e la quantità di farmaci necessari per contrastare i sintomi.

Osteoporosi. Assunzione di DHEA per via orale sembra migliorare la densità minerale ossea in donne e uomini anziani con osteoporosi o osteopenia (pre-osteoporosi).

Schizofrenia. Il DHEA sembra essere efficace per trattare questa patologia, ma più nelle donne che negli uomini.

Dosaggio

L'integrazione consigliata per contrastare la diminuzione del DHEA negli anziani è di 25-50 mg al giorno. Dosi maggiori sono state utilizzate negli esperimenti per contrastare i sintomi del lupus (mediamente 200 mg al giorno, e fino a 600 mg), e per l'osteoporosi (50-100 mg al giorno).

Conclusioni

Il DHEA in Italia non può essere venduto senza prescrizione del medico. Dal momento che gli effetti collaterali non sono trascurabili, si consiglia sempre di assumerlo dopo aver consultato il proprio medico. A seconda degli scopi per i quali si decide di integrare con il DHEA, si stabiliranno le modalità di assunzione.

Per chi è convinto della sua efficacia come antinvecchiamento, si consiglia di assumerlo solo dopo i 60 anni e alle dosi minime consigliate (25 mg al giorno).

Bibliografia

Dehydroepiandrosterone combined with exercise improves muscle strength and physical function in frail older women

Effects of dehydroepiandrosterone supplementation on cognitive function and activities of daily living in older women with mild to moderate cognitive impairment

Androgens and sexual function: a placebo-controlled, randomized, double-blind study of testosterone vs. dehydroepiandrosterone in men with sexual dysfunction and androgen deficiency

Effects of short-term dehydroepiandrosterone supplementation on body composition in young athletes

Dehydroepiandrosterone replacement therapy in older adults: 1- and 2-y effects on bone

Lack of dehydroepiandrosterone effect on a combined endurance and resistance exercise program in postmenopausal women

Effects of dehydroepiandrosterone and atamestane supplementation on frailty in elderly men

Long-term low-dose oral administration of dehydroepiandrosterone modulates adrenal response to adrenocorticotropic hormone in early and late postmenopausal women

Short-term dehydroepiandrosterone treatment increases platelet cGMP production in elderly male subjects

Supplementation with DHEA: effect on muscle size, strength, quality of life, and lipids

Effects of dehydroepiandrosterone (DHEA) supplementation on hormonal, metabolic and behavioral status in patients with hypoadrenalism

Long-term low-dose dehydroepiandrosterone oral supplementation in early and late postmenopausal women modulates endocrine parameters and synthesis of neuroactive steroids

Effects of dehydroepiandrosterone vs androstenedione supplementation in men

Effects of prasterone on corticosteroid requirements of women with systemic lupus erythematosus: a double-blind, randomized, placebo-controlled trial

Effects of DHEA replacement on bone mineral density and body composition in elderly women and men

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Botulino

il botulino: un batterio molto pericoloso che si sviluppa in ambienti poco acidi e anaerobici.


Bacillus cereus

Il Bacillus cereus è uno dei batteri che più comunemente provocano intossicazioni alimentari nelle ore successive ai pasti.


PAP test

Il PAP test è un esame citologico utilizzato nello screening del carcinoma della cervice uterina.


Selenio

Il selenio è un integratore utile solo in caso di carenza accertata, perché i rischi di sovradosaggio non sono da trascurare.

 


Hoodia gordonii

Hoodia gordonii è un integratore antifame derivato da un cactus, la cui efficacia non è dimostrata e che presenta alcuni problemi di tossicità.


Shock anafilattico

Lo shock anafilattico, chiamato anche anafilassi, è una grave reazione allergica, potenzialmente pericolosa per la vita di una persona.


L-Ornitina

L'ornitina è un integratore potenzialmente utile in caso di patologie che determinano un eccesso di ammoniaca, non sembra essere utile per gli sportivi.


Tè verde

Il tè verde contiene caffeina, polifenoli e catechine: può essere utile per prevenire alcune patologie ma la sua efficacia non è stata ancora pienamente dimostrata.