Grongo

Il grongo (nome scientifico conger conger) è un pesce osseo di mare appartenente alla famiglia delle Congridae. Ha l'aspetto simile a quello dell'anguilla, ma più massiccio e dalla quale si distingue per avere un muso molto più grande, una mascella inferiore non protratta in avanti e per l'assenza di scaglie. La sua pelle è liscia e ricoperta di una sostanza mucosa, la livrea varia dal nero al grigio chiaro a seconda del colore del fondale in cui vive. Il grongo, inoltre, solitamente raggiunge dimensioni di molto superiori a quelle dell'anguilla, arriva, infatti, anche a tre metri di lunghezza e ai 50 chili di peso. Gli esemplari femmina sono solitamente più grandi dei maschi.

Abitudini del grongo

Il grongo ha abitudini molto simili a quelle della murena e dell'astice, come loro, infatti, predilige gli anfratti oscuri, come grotte o relitti, e si sposta per cacciare prevalentemente di notte. Quando sceglie una tana il grongo non si allontana quasi mai da essa, e la sceglie in base alla scarsa visibilità, cosa che rende più difficile la sua cattura di giorno.

Si ciba prevalentemente di invertebrati, i suoi preferiti sono i polpi, e a volte mangia anche pesci morti.

La riproduzione del grongo

La riproduzione del grongo, che avviene in estate, è molto particolare: questo pesce, infatti, depone le uova solo in un paio di zone ben precise che sono state individuate una tra lo stretto di Gibilterra e le Isole Azzorre e un'altra in Sardegna, a profondità superiori ai 500 metri, fino anche ai 1000 metri. Durante la deposizione delle uova, inoltre, il grongo smette di nutrirsi.

 

 

Zone di diffusione del grongo

Grongo

Il grongo è diffuso nel Mediterraneo, nell'Oceano Atlantico orientale dalla Norvegia al Senegal, nel Canale della Manica, nel Mare del Nord e nel Mar Baltico.

Nei mari italiani è molto comune. Si adatta bene a qualsiasi tipo di fondale, roccioso, sabbioso o fangoso, dai 10 fino ai 1000 metri di profondità.

La pesca del grongo

Il grongo viene catturato con i più svariati sistemi di pesca commerciale: palamiti, reti a strascico, reti da posta, nasse, parangali. È una preda ambita anche da pescatori sportivi o da subacquei, ma la sua cattura avviene solitamente di notte.

Il grongo in cucina

La carne del grongo è considerata di poco valore commerciale, fa parte dei pesci cosiddetti pesci "poveri', e una volta spellato viene spesso smerciato per palombo o per altri pesci più pregiati. Le sue carni sono discrete, anche se ricche di lische, ed è di facile reperibilità sul mercato italiano, fresco e a prezzi abbordabili.

La cottura del grongo deve essere lunga, si presta bene a preparazioni in umido o alla griglia, è, inoltre, un ingrediente indispensabile per molte zuppe di pesce come il cacciucco alla livornese o il brodetto all'anconetana.

Curiosità sul grongo

Il "matrimonio" per il grongo è una cosa seria: ogni esemplare femmina, infatti, si unisce al partner una sola volta nella vita.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Pesce cobia

Il caso del pesce cobia: una nuova scommessa da parte dell'acquacoltura mondiale, allevato attualmente solo negli USA.


Pangasio

Il pangasio: un pesce di fiume originario dell'Oriente che viene allevato ed esportato in tutto il mondo.


Panela

La panela: un panetto dolce derivato dalla lavorazione della canna da zucchero tipicamente sudamericano.


Calcolare le calorie della frutta

Il calcolo pratico delle calorie della frutta e la distinzione tra frutta normocalorica e ipercalorica.

 


Melata (miele di melata)

La melata si presenta in forma liquida ma densa, di colore molto scuro quasi nero, con un contenuto in zuccheri superiore a quello del classico miele.


Sirt Diet

Sirt Diet, la dieta delle sirtuine, che dal 2016 sta spopolando tra i vip e non solo, promettendo di dimagrire 3,5 kg in 7 giorni.


Zucchero di canna e zucchero grezzo

Lo zucchero di canna integrale e grezzo, le alternative più conosciute allo zucchero comune.


Glifosato negli alimenti: dove si trova e come evitarlo

Il glifosato è un erbicida usato in agricoltura che potrebbe causare il cancro nell'uomo: ecco in quali alimenti si trova e come evitarlo.