Banana flambé

La banana flambé è un dolce della tradizione gastronomica internazionale, conosciuto fin dall'Ottocento quando il metodo di cottura flambage, "alla fiamma", venne fatto conoscere al mondo dalla cucina francese

La cottura flambé si può applicare a tutta la frutta, non solo alla banana, giocando magari con gli abbinamenti frutto-liquore basati sulla somiglianza di sapori: arancia e Grand Marnier, ciliegie e kirsch, mele e calvados e così via.

La banana si sposa bene con il rum, ma per flambarla si possono usare anche la grappa o il brandy

Di solito il flambage è un'operazione che viene svolta da camerieri o maitre di sala esperti, che hanno in dotazione gli strumenti adatti per la perfetta riuscita del piatto (un carrellino con la lampada: il fornello e la padella in rame).

A casa si può provare a ricreare il piatto con lo stesso effetto scenografico ma facendo molta attenzione. Vediamo come. 

La ricetta della banana flambé

Banane Flambe

Volendo, si trova in vendita, online o nei negozi di casalinghi, l'attrezzatura in rame per il flambage (circa 220-230€). Se no ci si può arrangiare con una padella antiaderente, molto ampia e dai bordi alti, come nella foto qui a lato.

La banana flambè può essere servita intera, tagliata a metà nel senso longitudinale oppure a rondelle, si accompagna molto bene a del gelato per il contrasto caldo-freddo, magari alla vaniglia, alla crema o al cocco.

 

 

Ingredienti per 4 persone

  • 4 banane
  • 150 g di zucchero
  • 50 g di burro
  • 1 bicchierino di rum
  • 4 palline di gelato (facoltativo)

Procedimento: per prima cosa sciogliere il burro e lo zucchero insieme in una padella, quindi unire le banane (intere o tagliate come si preferisce), mescolare continuamente per dare modo allo zucchero di caramellare intorno alla banana. Con delicatezza aggiungere il rum e lasciare fiammeggiare, inclinare un po' la padella e, quando le fiamme saranno sparite del tutto, spegnere il fuoco e servire la banana flambé ai commensali con una pallina di gelato accanto.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Porceddu (o porcetto?) sardo

Poscheddu, porcheddu, polcheddu, porceddu, porchetto, porcetto: sono tanti i nomi dialettali sardi per indicare questa tipicità della cucina regionale, il maialino da latte cotto allo spiedo.


Polpette di carne

Le polpette: le più conosciute sono quelle di carne ma esistono anche di pesce o di legumi.


Rösti di patate

Il rosti di patate: le frittelle che provengono dalla cucina svizzera, tutti i segreti per prepararle nel modo tradizionale.


Street food palermitano

Lo street food a Palermo, la città italiana dove il cibo di strada è una vera e propria tradizione gastronomica.

 


Tzatziki (salsa greca)

Il tzatziki: la famosissima salsa greca all'aglio e al cetriolo usata in abbinamento di piatti di carne.


Gramigna alla salsiccia

La gramigna alla salsiccia: la vera ricetta emiliana, senza panna, senza funghi, senza piselli, solo con ragù di salsiccia.


Il ceviche o cebiche di pesce

Il ceviche o cebiche: un piatto a base di pesce crudo marinato che viene dal Sud America e sta spopolando anche in Italia.


Le tapas

Le tapas sono piccoli accompagnamenti gastronomici che vengono serviti in tutti i locali spagnoli assieme alla bevanda ordinata. La moda dell'aperitivo nasce in Spagna.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.