Fettuccine alla papalina

Guarda il video >>

Le fettuccine alla papalina sono un primo piatto della cucina romana, nato come variante della più famosa carbonara.

Per fettuccine si intendono le tagliatelle, così chiamate in alcune regioni italiane tra cui il Lazio. Mentre "papalina" indica il copricapo del papa, detto anche zucchetto bianco, poichè questa ricetta è stata ideata da un chef romano proprio in onore di un papa, Pio XII.

Siamo nel 1930 quando il cardinale Eugenio Pacelli (che stava per essere eletto il nuovo papa Pio XII) era solito consumare i suoi pasti al ristorante La Cisterna di Roma e chiese allo chef di poter avere un piatto diverso dal solito, che rispettasse la tradizione romana ma risultasse più leggero e digeribile.

Lo chef, quindi, creò le fettuccine alla papalina, tuttora nel menù del ristorante La Cisterna, partendo dalla ricetta degli spaghetti alla carbonara: sostituì la pasta di semola con la pasta all'uovo, la pancetta con il prosciutto crudo, il pecorino romano con il Parmigiano Reggiano e aggiunse un soffritto di cipolla. Rimaneva invariata la base della carbonara con la crema di uova alla quale aggiunse la panna.

 

 

Sì o no?

Difficile sostenere che il nuovo piatto fosse sensibilmente meno calorico dell'originale carbonara...la differenza è minima, ma si può rendere la papalina vicina ai vincoli della Cucina Sì puntando sulle verdure del piatto, ossia sulle cipolle, utilizzandole in quantità generosa a discapito del prosciutto crudo. Scegliendo, poi, un San Daniele o un crudo di Parma DOP si è sicuri della qualità del prosciutto e si può usare solo la parte magra, togliendo il grasso.

Un'alternativa è aggiungere al piatto funghi o piselli, come molti ristoranti romani fanno (anche se più per una questione di gusto ed estetica che per una precisa volontà di rendere più light il piatto...), che non erano presenti nella ricetta originale ma, oltre a dare colore, abbassano la densità calorica.

Oltre alla ricetta che propongo di seguito, che tenta di limitare le calorie della ricetta e renderla meno pesante, si può anche consultare la classica ricetta passo passo delle tagliatelle alla papalina.

Ricetta delle fettuccine alla papalina con piselli

Fettuccine papalina

Autore:

Tempo di preparazione:

Tempo di cottura:

Tempo totale:

Ingredienti per 4 persone

  • 280 g di fettuccine secche (o 360 g fresche)
  • 200 g di piselli freschi o surgelati
  • 1 cipolla bianca
  • 3 uova
  • 40 g di Parmigiano-Reggiano grattugiato
  • 80 g di prosciutto crudo (Parma o San Daniele)
  • 20 g di burro
  • sale e pepe q.b.

Preparazione

Affettare la cipolla sottilmente e preparare un soffritto in padella con il burro senza farla bruciare, ma solo imbiondire. Aggiungere i piselli e farli cuocere per pochi minuti. Togliere il grasso al prosciutto e tagliarlo a listarelle, quindi unirlo al soffritto a fuoco spento (non deve cuocere altrimenti si secca).

In una ciotola sbattere le uova insieme al Parmigiano e al pepe.

Cuocere la pasta in abbondante acqua salata per pochi minuti e scolarla quando le fettuccine saranno salite in superficie, quindi travasarle nella padella mescolando continuamente. A fuoco spento aggiungere la crema di uova facendo in modo che la pasta e il condimento si amalgamino bene.

Servire nei piatti fondi completando con una spolverata di pepe nero.

Informazioni nutrizionali per porzione

 

Energia

427 kcal - 1785 KJoule

 

Proteine ad alto VB 

14 g

Proteine

23 g - 20%

Carboidrati

63 g - 54%

Grassi

13 g - 26%

di cui

 

saturi

3.8 g

monoinsaturi

5.5 g

polinsaturi

1.0 g

Fibre

3 g

Colesterolo

233 mg

Sodio

126 mg

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Spaghetti con le vongole

Gli Spaghetti con le vongole: un classico primo piatto di mare, in versione risottata, per sfruttare a pieno tutto il gusto di questi squisiti molluschi.


Risotto all'aglio nero

Risotto all'aglio nero: un abbinamento azzeccato sia per sapore sia per cromaticità. Come nella ricetta di Riccardo Camanini (Ristorante Lido 184).


Timballo di riso

Il timballo di riso: un classico primo piatto italiano dalle molte varianti.


Risotto alla parmigiana

Risotto alla parmigiana: a base di pochissimi ingredienti (riso, burro e parmigiano) può fungere da base per qualsiasi altro risotto.

 


Soufflé al formaggio

Il soufflè al formaggio: sono tante le varianti di questa ricetta famosissima, nella nostra usiamo parmigiano e gorgonzola.


Risotto alle fragole

Il risotto alle fragole: una moda (per fortuna ormai passata) che ha poco senso dal punto di vista culinario.


Risotto ai carciofi

Il risotto ai carciofi: un grande primo piatto per gli amanti del sapore del carciofo.


Canederli

I canderli, detti knodel in tedesco, sono dei grandi gnocchi a base di pane, uova, speck ed erbe aromatiche.