Pollo alla cacciatora

Guarda il video >>

Il pollo alla cacciatora è un secondo piatto tipico del Centro Italia, soprattutto della cucina toscana, marchigiana e umbra, di umili origini. Per quanto non siano chiare le origini del nome "alla cacciatora", è molto probabile che in passato i contadini preparassero il pollo, un animale sempre presente nei loro cortili, con le verdure dell'orto e tramite la tecnica dello stufato, facendolo cuocere a lungo, com'era d'abitudine nei decenni scorsi. Oggi le nuove tecniche di cottura sono molto più veloci ed è sempre più raro trovare il pollo alla cacciatora nei menù dei ristoranti, tranne in quelli che vogliono mantenere viva la tradizione. 

Per cuocere il pollo alla cacciatora si usa solitamente il vino, in abbondanza, bianco o rosso a seconda delle versioni: il pollo alla cacciatora in bianco viene annaffiato con vino bianco, mentre la variante in rosso con vino rosso.

Oltre alle verdure, che sono quelle che si usano per un normale soffritto, cipolla, carote e sedano, si possono trovare tante altre varianti del pollo alla cacciatora, ad esempio c'è chi lo insaporisce con dadini di pancetta dolce, chi aggiunge il pomodoro, chi unisce anche le olive o le acciughe.

 

 

Sicuramente è facile declinare questa ricetta rispettando i vincoli della Cucina Sì, poichè il pollo, considerato senza pelle, ha circa 110 kcal per 100 grammi, quindi è ipocalorico, inoltre la cottura stufata a base di vino permette di limitare al massimo l'utilizzo dell'olio e il resto sono verdure ed erbe aromatiche che non apportano grandi calorie.

Se dalla ricetta seguente dimezziamo la quantità di olio e usiamo un pollo senza pelle (consiglio i fusi, che contengono più grasso infiltrato nei muscoli e risultano meno stopposi del petto), ed ecco rispettati i vincoli della cucina Sì!

Ricetta del pollo alla cacciatora in rosso

Pollo Cacciatora

Autore:

Tempo di preparazione:

Tempo di cottura:

Tempo totale:

Ingredienti per 4 persone

  • 1 kg di pollo con pelle, fatto a pezzi
  • 1 carota
  • 1 cipolla
  • 1 costa di sedano
  • 1 pomodoro rosso maturo
  • 1 bicchiere di vino rosso
  • 4 cucchiai di olio extra vergine di oliva
  • 2 cucchiai di erbe aromatiche miste (rosmarino, alloro, salvia, prezzemolo...)
  • 40 g di olive verdi e nere con nocciolo (facoltativo)
  • sale e pepe q.b.

Preparazione

In una casseruola alta e capiente unire un cucchiaio di olio e il pollo a pezzi, farlo rosolare per qualche minuto quindi salarlo, toglierlo dalla casseruola e metterlo da parte. Unire cipolla, la carota, il sedano tritati e il resto dell'olio, salare e soffriggere per qualche minuto, quindi unire il pollo, sfumare col vino, aggiungere anche il pomodoro a cubetti e le olive. Portare ad ebollizione e lasciar cuocere per circa 30 minuti, coperto e a fuoco basso, il tempo di far addensare il sugo, aggiungere acqua se occorre, poca alla volta. A cottura quasi ultimata assaggiare e aggiustare di sale, da ultimo unire il pepe e le erbe tritate. Far riposare qualche minuto e servire.

Informazioni nutrizionali per porzione

Energia

283 kcal - 1183 KJoule

 

Proteine ad alto VB 

30 g

Proteine

30 g - 43%

Carboidrati

1 g - 1%

Grassi

17 g - 56%

di cui

 

saturi

3.6 g

monoinsaturi

10.1 g

polinsaturi

2.3 g

Fibre

1 g

Colesterolo

116 mg

Sodio

196 mg

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Dolma (foglie di vite ripiene)

Le foglie di vite non sono un ingrediente usuale in Italia ma vengono molto usate nella cucina mediorientale per fare i dolma, involtini ripieni di carne e riso.


Pasta al tonno in bianco

La pasta al tonno in bianco: un classico della cucina moderna poiché semplice e veloce. Fatta con il tonno in scatola sott'olio.


Pappa al pomodoro

La pappa al pomodoro: la preferita di Gian Burrasca, scopriamone la tradizione e la ricetta.


Civet di capriolo

Il civet di capriolo: una ricetta tradizionale di origine francese per cucinare la selvaggina e non solo.

 


Sanguinaccio dolce

Il sanguinaccio dolce: una crema al cioccolato che per tradizione veniva fatta con il sangue di maiale, tipica del periodo di carnevale.


Casatiello

Il casatiello napoletano salato: una torta salata tipica della cucina napoletana che si consuma a Pasqua. Fatta con pasta di pane condita con salumi e sormontata da uova sode.


Ragù di cervo

La ricetta del ragù di cervo: un condimento da abbinare alla polenta oppure alla pasta fresca all'uovo. Tutti i consigli per trattare al meglio la carne di selvaggina.


Gnocchi alla romana

Gli gnocchi alla romana, fatti di semolino e non di patate, sono un primo piatto tradizionale laziale.