Pomodori verdi fritti

I pomodori verdi sono una varietà di pomodori a se stante, da non confondere con i pomodori dal colore verde dovuto al fatto che non sono ancora maturi. I pomodori verdi sono di forma rotonda, più o meno grandi a seconda del tipo, dal colore verde mela sia della buccia che della polpa, quasi completamente privi di semi e dalla consistenza soda. 

I pomodori verdi sono adatti ad essere consumati previa cottura, non crudi in insalata per intenderci, o al limite dopo un trattamento in salamoia (i Paesi dell'Est Europa li commercializzano in barattoli di vetro conservati sotto aceto).

Le ricette più famose che prevedono l'uso dei pomodori verdi sono la confettura, di solito usata per accompagnare formaggi freschi o poco stagionati, oppure la frittura.

In Italia, tuttavia, i pomodori verdi non sono molto comuni e non possono essere annoverati tra i prodotti tradizionali, ma l'uscita di un film culto del 1991 "Pomodori verdi fritti alla fermata del treno", tratto dal libro "Pomodori verdi fritti al Caffè di Whistle Stop" della scrittrice statunitense Fannie Flag, ha destato grande curiosità verso questo ingrediente.

Ricetta dei pomodori verdi fritti

Pomodori verdi fritti

La ricetta apparsa nel libro statunitense prevede che i pomodori verdi vengano impanati solo con la farina e poi fritti nel burro, in pieno stile USA!

La ricetta che propongo, invece, si basa sulla frittura classica italiana con le 3 impanature (farina, uovo sbattuto e pan grattato) e cottura in olio di semi di arachide bollente.

Niente vieta di usare una pastella per impanare i pomodori prima di friggerli.

Alcune ricette prevedono l'aggiunta di zucchero, per contrastare l'acidità e il finale amarognolo del pomodoro verde, ma io li trovo buoni così, con il loro sapore rustico e caratteristico. Più che lo zucchero ci vedrei bene il peperoncino!

 

 

Ingredienti per 4 persone:

  • 4 pomodori verdi di medie dimensioni
  • 100 g di farina
  • 1 uovo
  • 100 g di pan grattato
  • sale e pepe q.b.
  • olio di semi di arachide q.b. per la frittura

Procedimento:

Lavare i pomodori e tagliarli a rondelle per il senso orizzontale. Privarli dei semi e asciugarli con carta assorbente.

In 3 ciotole disporre la farina, l'uovo sbattuto e il pan grattato. Passare ogni fetta di pomodoro nelle 3 ciotole (prima farina, poi uovo, poi pan grattato) e friggerli in abbondante olio bollente.

Terminata la cottura quando saranno diventati dorati in superficie scolarli e disporli in un vassoio con carta assorbente.

prima di servirli in tavola salarli e peparli e magari accompagnarli a qualche salsa, come maionese, senapeketchup, tabasco, salsa worcester o salsa di soia.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Porceddu (o porcetto?) sardo

Poscheddu, porcheddu, polcheddu, porceddu, porchetto, porcetto: sono tanti i nomi dialettali sardi per indicare questa tipicità della cucina regionale, il maialino da latte cotto allo spiedo.


Polpette di carne

Le polpette: le più conosciute sono quelle di carne ma esistono anche di pesce o di legumi.


Rösti di patate

Il rosti di patate: le frittelle che provengono dalla cucina svizzera, tutti i segreti per prepararle nel modo tradizionale.


Street food palermitano

Lo street food a Palermo, la città italiana dove il cibo di strada è una vera e propria tradizione gastronomica.

 


Tzatziki (salsa greca)

Il tzatziki: la famosissima salsa greca all'aglio e al cetriolo usata in abbinamento di piatti di carne.


Gramigna alla salsiccia

La gramigna alla salsiccia: la vera ricetta emiliana, senza panna, senza funghi, senza piselli, solo con ragù di salsiccia.


Il ceviche o cebiche di pesce

Il ceviche o cebiche: un piatto a base di pesce crudo marinato che viene dal Sud America e sta spopolando anche in Italia.


Le tapas

Le tapas sono piccoli accompagnamenti gastronomici che vengono serviti in tutti i locali spagnoli assieme alla bevanda ordinata. La moda dell'aperitivo nasce in Spagna.