Smacafam trentino

Il smacafam, letteralmente "schiaccia fame" in dialetto trentino, è una torta salata tipica della cucina trentina che viene preparata in occasione del Carnevale. Il smacafam può essere consumato come piatto unico oppure come aperitivo tagliato a quadretti, o ancora in abbinamento a formaggi e salumi al posto del pane.

Le varianti del smacafam sono tantissime, praticamente ogni famiglia ne ha una sua: di solito è composto da farina di frumento 00, latte, olio, luganega (una salsiccia tipica trentina anche presidio slow food) e pancetta affumicata (di solito omessa dai puristi del smacafam).

Poi si ha chi arricchisce la ricetta con il lardo o lo speck, chi usa farine alternative come quella di grano saraceno, chi unisce a cottura ultimata la luganega fresca, chi lo adatta ad una versione dolce aggiungendo lo zucchero ed eliminando la luganega e la pancetta.

I trentini prendono molto sul serio il smacafam, la loro merenda preferita, tanto che si è creata la Confraternita del Smacafam che organizza serate ed eventi che lo vedono protagonista in abbinamento ai vini regionali, Trento Doc in primis, ma anche Teroldego sia nella versione rosso che rosato.

Ricetta del smacafam

Smacafam

La luganega è difficile da reperire al di fuori del Trentino e delle altre regioni dove viene prodotta (Veneto e Lombardia), quindi può essere sostituita da una qualsiasi salsiccia locale oppure da cubetti di prosciutto crudo o speck, l'ideale visto che mantiene il sapore affumicato tipico.

Ingredienti per 6 persone

  • 700 g di farina bianca 00
  • 100 g di luganega
  • 60 g di pancetta affumicata
  • 1 l di latte
  • 4 cucchiai di olio extra vergine di oliva
  • sale q.b.

Procedimento: Ridurre a cubetti la luganega e la pancetta.

 

 

In una ciotola mescolare la farina con il latte e l'olio e sistemare di sale.

Amalgamare bene fino ad ottenere un composto liscio e omogeneo.

Coprire una teglia con carta da forno e distribuirvi sopra l'impasto, quindi inserire con le mani i cubetti di luganega e pancetta.

Cuocere in forno a 180°C per 30 minuti.

Il smacafam va servito preferibilmente caldo.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Porceddu (o porcetto?) sardo

Poscheddu, porcheddu, polcheddu, porceddu, porchetto, porcetto: sono tanti i nomi dialettali sardi per indicare questa tipicità della cucina regionale, il maialino da latte cotto allo spiedo.


Polpette di carne

Le polpette: le più conosciute sono quelle di carne ma esistono anche di pesce o di legumi.


Rösti di patate

Il rosti di patate: le frittelle che provengono dalla cucina svizzera, tutti i segreti per prepararle nel modo tradizionale.


Street food palermitano

Lo street food a Palermo, la città italiana dove il cibo di strada è una vera e propria tradizione gastronomica.

 


Tzatziki (salsa greca)

Il tzatziki: la famosissima salsa greca all'aglio e al cetriolo usata in abbinamento di piatti di carne.


Gramigna alla salsiccia

La gramigna alla salsiccia: la vera ricetta emiliana, senza panna, senza funghi, senza piselli, solo con ragù di salsiccia.


Il ceviche o cebiche di pesce

Il ceviche o cebiche: un piatto a base di pesce crudo marinato che viene dal Sud America e sta spopolando anche in Italia.


Le tapas

Le tapas sono piccoli accompagnamenti gastronomici che vengono serviti in tutti i locali spagnoli assieme alla bevanda ordinata. La moda dell'aperitivo nasce in Spagna.