Burro fatto in casa: è vero burro?

Guarda il video >>

Il burro, uno dei grassi più utilizzati in cucina, dopo l'olio extravergine, è anche uno dei prodotti che più facilmente può essere fatto in casa, con semplici strumenti che più o meno tutti possediamo. Basta farsi un giro in rete per scoprire persone entusiaste che hanno autoprodotto il burro in pochi minuti, alcune che dichiarano addirittura di "non comprarlo più", perché lo producono autonomamente.

Devo dare una pessima notizia a tutti i burrificatori in erba: quello che producete a casa non è burro. E il perché lo vedremo nel prosieguo dell'articolo.

Come si produce il burro

Lo abbiamo già visto nell'articolo sul burro, al quale rimando per i dettagli. Qui mi limito a riassumere i vari passaggi. Per produrre il burro si parte dalla panna, che può essere fresca o di affioramento (si può produrre anche dal siero, ma non è un burro di qualità). La panna fresca viene inoculata con appositi batteri, che fanno sviluppare sapore acido e particolari aromi, primo fra tutti il diacetile, che conferisce al burro un particolare aroma... L'aroma di burro, appunto.

Burro fatto in casa

Durante questo processo di acidificazione avviene anche una cristallizzazione dei globuli di grasso, che favorisce la burrificazione.

La panna di affioramento subisce, durante le ore di riposo necessarie a far affiorare la panna (in genere dalla sera alla mattina) un'acidificazione che è funzionale alla produzione di formaggio, ma non è ottimale per la produzione di burro perché non viene inoculata con i batteri specifici per la produzione di burro. E infatti il burro prodotto con panna di affioramento non ha una particolare qualità. Non è cattivo, ma nemmeno il massimo.

 

 

Una volta concluso il processo di trasformazione chimica e fisica della panna, tramite un processo meccanico di sbattimento, la zangolatura, viene trasformata la panna in burro.

E il burro casalingo?

Il burro casalingo viene prodotto facendo "impazzire" la panna montata. Il grasso del latte si presenta sottoforma di globuli, piccoli aggregati di trigliceridi disposti in modo ordinato, a formare delle piccole sfere. Mentre si monta la panna una parte dei globuli si rompe, e questo è funzionale al processo di incorporazione dell'aria necessario per montare la panna. Tuttavia, se si esagera, e la percentuale di globuli rotti tramite sollecitazione meccanica delle fruste supera un certo livello, la panna perde la sua consistenza vellutata e diviene più "unta" e adesiva... Somigliando sempre più al burro. E infine, se si insiste con la lavorazione della panna con le fruste, si ottiene un composto sempre più somigliante al burro (nel burro solo il 20% dei globuli di grasso rimane intatto). Come consistenza. Ma non come sapore! Infatti si ottiene un burro che non sa di burro... Ma di panna. E quindi, che non è burro.

Poi, per carità, a uno può pure piacere un burro che ha l'aroma della panna e non del burro, ne ho trovati anche in commercio con aromi molto simili, e d'altro canto basta assaggiare uno dopo l'altro burri di diverse marche per scoprire che hanno aromi molto spesso diversi tra loro, e che dipendono dalla scelta degli inoculi da parte del produttore. Ma bisogna saperlo: la burrificazione casalinga, che non prevede l'acidificazione della panna tramite inoculo di batteri, non produce un vero burro, ma un burro di panna fresca al quale mancano i sapori e gli aromi del burro vero.

Ma è possibile eseguire una burrificazione completa in casa? Certamente, basta acquistare i batteri specifici per la produzione del burro, e far maturare la panna in luogo fresco (temperatura compresa tra 6 e 20 gradi per 12-20 ore - 12 ore a 20 gradi, e via via aumentando la durata se la temperatura è più fresca). Lo starter va aggiunto in proporzione del 3/5% in peso, rispetto alla panna. A questo punto si potrà procedere alla produzione del burro come di consueto, montandolo in planetaria.

Se non si trovano i batteri (difficilmente reperibili se non nei canali professionali) si può provare a fondere a 30 gradi (per non uccidere i batteri) 50 g di burro, aggiungerlo a mezzo litro di panna, mescolare bene e far maturare per 12 ore a 20 gradi. I batteri presenti nel burro dovrebbero riuscire a far maturare la massa, così come avviene per lo yogurt. Se il burro prodotto non sa più solo di panna, ma ha gli aromi tipici del burro, vorrà dire che la maturazione ha avuto successo.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Patate duchessa

Le patate duchessa sono un contorno di origine francese (pommes duchesse) dove le patate sono arricchite da uovo, burro e parmigiano.


Pizza in pala romana

La pizza in pala romana: una declinazione diversa rispetto alla classica pizza napoletana. Preparazione stesura, cottura della pizza ad alta idratazione.


I dolci di natale

I dolci di Natale: l'elenco di tutti i dolci tipici suddivisi per regione e per Paese.


Struffoli napoletani

Gli struffoli: un dolce napoletano a base di palline di impasto aromatizzato all'anice, fritte e poi decorate con miele, canditi e confetti.

 


Spoja lorda o minestra imbottita

La spoja lorda o minestra imbottita: una ricetta romagnola di recupero che nasce come costola dei più sontuosi cappelletti.


Cannoli siciliani

I cannoli siciliani: uno dei dolci più tipici della Sicilia farcito di crema di ricotta e frutta candita.


Brownies

I brownies, i tipici biscotti al cioccolato di origine americana, tanto gustosi quanto calorici. Scopriamo tutti i segreti per prepararli al meglio.


Bostrengo

Il bostrengo, un antico dolce marchigiano natalizio a base di cereali come farro e riso.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.