Rocamadour AOC

Il Rocamadour è un formaggio di capra francese, un tempo conosciuto come Cabécou de Rocamadour, ma nel 1996 dopo aver ottenuto il riconoscimento AOC, è stato rinominato semplicemente Rocamadour, dal nome del mercato più rinomato della zona dei Midi-Pirenei dove viene prodotto. Il nome Cabécou, invece, deriva dal termine occitano che sta per "piccolo formaggio di capra", per via delle sue dimensioni ridotte. 
Il Rocamadour è tutelato e valorizzato dal Syndicat des Producteurs de Fromages Rocamadour.

Zona di produzione del Rocamadour AOC

Secondo il disciplinare la zona di produzione del Rocamadour è la cosiddetta zona dei "Causses", un gruppo montuoso del Massiccio Centrale francese. La zona è situata principalmente in una parte del dipartimento del Lot, ma include anche parte dei dipartimenti di Aveyron, Corrèze, Dordogne e Tarn e Garonne, nelle regioni di Midi-Pyrenees, Limousin e Aquitaine. Tutti i formaggi prodotti al di fuori di questa zona, anche se con la stessa metodologia, non possono essere chiamati Rocamadour, perchè come già citato nel 1451 dal vescovo di Evreuxdal "soltanto le Causses di Rocamadour hanno un formaggio gustoso che non si conosce in altre regioni".

Produzione del Rocamadour AOC

Rocamadour

Il Rocamadour AOC viene ottenuto da latte di capra proveniente dalle razze Alpine e Saanen, lavorato a crudo e intero. I processi di coagulazione e sgocciolamento devono avvenire spontaneamente e lentamente, come accade per quasi tutti i caprini francesi: la cagliatura dura minimo 20 ore e lo sgocciolamento almeno 12 ore.
La salatura si effettua nell'impasto e la stagionatura dura almeno 6 giorni.

Una nota a favore del Rocamadour è che in commercio si trova prevalentemente nella tipologia fermier, cioè interamente prodotto da un unico casaro che è anche l'allevatore delle capre, quindi di elevatissima qualità. Altrimenti lo si trova nella tipologia artigianale, ma mai industriale.

 

 

Caratteristiche organolettiche del Rocamadour AOC 

Il Rocamadour è un formaggio di piccolissime dimensioni, che si può mangiare in soli due morsi. Si presenta come un cilindro appiattito del peso di circa 25-35 grammi. La crosta è sottile e liscia, leggermente vellutata e di colore che va dal bianco avorio al giallo crema. La pasta è molle, tenera e cremosa.

Il Rocamadour ha un gusto delicato, che ricorda il burro e le nocciole, e viene di solito mangiato spalmato su una fette di pane abbrustolito, oppure riscaldato in forno e accompaganto da insalata. Ma sono molteplici le ricette a base di Rocamadour, così delicato e versatile in cucina: torte, tartine, soufflé, verdure gratinate, omelette, millefoglie..., è ottimo anche come condimento per la pasta!

Durante il mese di giugno nella cittadina di Rocamadour si tiene una festa in onore del formaggio omonimo.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Qualità


Formaggi DOP italiani

I formaggi DOP italiani: elenco di tutti i formaggi a Denominazione di Origine Protetta e loro descrizione dettagliata.


La frutta secca: guida a una scelta di qualità

La frutta secca: guida ad una scelta di qualità in base alla caratteristiche nutrizionali e organolettiche.


Come un alimento diventa DOP o IGP

Come si consegue la certificazione DOP o IGP? Ecco spiegato l'iter burocratico.


Bresaola della Valtellina IGP

Bresaola della Valtellina IGP: un salume di manzo non molto interessante dal punto dal vista nutritivo.

 


Biscotti: guida a una scelta di qualità

Biscotti confezionati: guida a una scelta di qualità di uno dei prodotti più consumati dagli italiani.


Le differenze tra Grana Padano e Parmigiano Reggiano

Le differenze tra Grana Padano e Parmigiano Reggiano: materia prima, lavorazione, stagionatura.


Marmellata senza zucchero

Marmellata senza zucchero: un controsenso che spesso cela un prodotto di qualità non eccelsa.


Aceto balsamico tradizionale di Reggio Emilia DOP

L'aceto balsamico tradizionale di Reggio Emilia DOP nelle sue tre varianti: oro, aragosta e argento.