Coccigodinia

La coccigodinia, o dolore al coccige, è un'infiammazione che si verifica intorno al coccige, ovvero la struttura ossea che si trova nella parte inferiore della colonna vertebrale. La coccigodinia può essere causata da un trauma al coccige in seguito ad una caduta, da troppo tempo passato in posizione seduta su una sua superficie dura, dal parto, o da problemi e cambiamenti degenerativi del coccige. Il dolore al coccige può essere solo leggermente doloroso e fastidioso, ma durante alcune attività o azioni può diventare tagliente e invalidante, per esempio quando si passa da una posizione seduta a una eretta, o quando si sta per molto tempo in piedi. Anche la defecazione e i rapporti sessuali potrebbero risentirne e diventare dolorosi, così come nelle donne rendere il ciclo mestruale ancora più doloroso. Può presentarsi in entrambi i sessi, ma è più frequente nelle donne sopra i 40 anni. Il coccige ha una forma di un triangolo rivolto verso il basso e comprende:

  • base superiore, che si articola con l'apice dell'osso sacro;
  • vertice inferiore;
  • faccia anteriore e faccia posteriore, che sono caratterizzate da dei solchi orizzontali;
  • due margini laterali.

In alcuni neonati è possibile che si formi una "piccola coda", quando sotto al coccige sono presenti altre vertebre. Il coccige è un punto importante anche perché confluiscono in quella zona muscoli, tendini e legamenti. Si collega al muscolo chiamato grande gluteo, il principale adduttore dell'anca, e si inserisce nello sfintere esterno dell'ano. Se il dolore coccige non migliora da solo e diventa coccigodinia cronica è consigliabile consultare un medico. Si potrebbe eseguire un esame rettale per escludere eventuali altre condizioni, o utilizzare una risonanza magnetica (RM) per scoprire se si tratta di una frattura, di alterazioni degenerative o, in rari casi, di un tumore.

 

 

Cause

Il coccige si trova nella parte inferiore e terminale della colonna vertebrale, proprio sopra i glutei. È un segmento abbastanza piccolo, formato da 3-5 unità vertebrali, leggermente curvo nella parte finale. Svolge un ruolo importante nella mobilità della persona, infatti esso aiuta a stabilizzare la postura, e attraversano la zona molti tendini, muscoli e legamenti. La parola coccige deriva dal termine greco per "cuculo", ed è stato nominato così perché il coccige assomiglia molto al becco di un uccello. I motivi per i quali il coccige può far male sono svariati:

Coccigodinia
  • Danno articolare: può esserci stato un danno causato da movimenti ripetitivi, tipici di sport come il ciclismo e il canottaggio, che hanno usurato il coccige, i legamenti e i muscoli circostanti, con conseguente infiammazione. Il coccige può usurarsi anche semplicemente invecchiando.
  • Trauma: una caduta e un forte impatto al coccige può causare solo una contusione, o nei casi peggiori anche una frattura o lussazione (spostamento dalla sua sede naturale) del coccige. Se ciò accade è più probabile che si soffrirà di dolore al coccige in maniera cronica. Cadute così sono frequenti per chi svolge sport come pattinaggio sul ghiaccio, sci ed equitazione.
  • Gravidanza: durante l'ultimo trimestre di gravidanza, i legamenti collegati intorno al coccige si allentano naturalmente per fare spazio al bambino. È per questo che le donne hanno circa cinque volte in più di probabilità di soffrire di dolore al coccige rispetto agli uomini. Nella fase del parto un'eccessiva pressione al coccige può causare una sua dislocazione.
  • Disturbi posturali: una scorretta modalità di postura, un errato modo di stare seduti per un lungo periodo di tempo, può far nascere infiammazioni articolari.
  • Peso corporeo: nei soggetti in sovrappeso il coccige può essere appesantito e risentirne causando dolore, così come se si perde troppo peso velocemente, l'imbottitura che protegge il coccige si può ledere.

Solamente in rari casi, la causa del dolore al coccige può essere un'infezione, un tumore, una borsite al coccige, o altre cause particolari.

Sintomi

La coccigodinia causa sintomi che possono essere, in alcuni casi, abbastanza invalidanti e rendere difficile alla persona svolgere attività quotidiane, come sedersi, alzarsi, stare seduti e guidare. I sintomi sono:

  • dolore alla schiena in generale;
  • dolore alla parte inferiore della schiena;
  • dolore durante la minzione o defecazione;
  • dolore alle gambe;
  • dolore durante un rapporto sessuale, anche se è raro;
  • dolore a livello dei glutei;
  • livido o ematoma se il dolore è causato da un trauma.

Diagnosi

Per una diagnosi di coccigodinia è possibile svolgere una radiografia, o una risonanza magnetica, per cercare la presenza di segni indicativi, come ad esempio una frattura ossea o un tumore che preme sull'osso. Le immagini a raggi X possono essere eseguite sia da seduti che in posizione eretta, per visualizzare i problemi del coccige in diverse posizioni. Si può anche manipolare la zona circostanze per controllare la presenza di eventuali escrescenze che potrebbero mettere pressione sul coccige.

Terapia

Il dolore coccige, può durare settimane o mesi, solitamente tende ad andare via da solo, e nel frattempo per ridurre il dolore si potrebbe: 

  • piegarsi in avanti da seduti;
  • sedersi su un cuscino a forma di ciambella o a forma di V;
  • applicare calore o ghiaccio sulla zona interessata;
  • prendere antidolorifici, come il paracetamolo, l'ibuprofene o l'aspirina;
  • migliorare la postura, perché una cattiva postura può mettere troppa pressione sul coccige, bisogna sedersi con la schiena contro la sedia e i piedi ben saldi sul pavimento per non caricare troppo il coccige.

Possibili trattamenti, in base alla causa di coccigodinia sono:

  • Fisioterapia: un fisioterapista potrebbe mostrare tecniche ed esercizi di rilassamento del pavimento pelvico, come respirare profondamente e rilassare completamente il pavimento pelvico, come avviene durante la fase di minzione o di defecazione.
  • Manipolazione: massaggiare i muscoli collegati al coccige potrebbe aiutare ad alleviare il dolore. La manipolazione è generalmente eseguita attraverso il retto.
  • Farmaci: un'iniezione di un anestetico locale nel coccige può alleviare il dolore per un paio di settimane. Anche alcuni antidepressivi o farmaci antiepilettici possono alleviare il dolore coccige.
  • Chirurgia: durante una procedura nota come coccigectomia, il coccige viene rimosso chirurgicamente. Questa opzione è generalmente consigliata solo quando tutti gli altri trattamenti hanno fallito. L'operazione dura circa un'ora, eseguita in anestesia totale, il post operatorio è un periodo molto lungo, anche un anno, e l'operazione non è esente da rischi, come gravi infezioni. 

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Norovirus negli alimenti

I norovirus sono i virus che causano una delle poche malattie virali umane che si trasmettono con gli alimenti.


Duodenite

La duodenite e' l'infiammazione del duodeno, la prima parte dell'intestino tenue ed e' causata da una presenza eccessiva di succhi gastrici acidi.


Carcinoma squamo cellulare

Il carcinoma squamo cellulare è una forma di cancro che colpisce la pelle, e si sviluppa, a patire dalle cellule squamose.


Tumore della vescica

Il tumore vescica è una tipologia di cancro che interessa l'organo deputato all'immagazzinamento dell'urina nella zona pelvica maschile, la vescica.

 


Criptococcosi

La criptococcosi è una malattia, abbastanza rara, causata da un tipo di fungo, chiamato Cryptococcus, che si trova in quasi tutto il mondo.


Shigella negli alimenti

Shigella è il batterio responsabile della dissenteria, una malattia poco diffusa in Italia ma ancora oggi molto diffusa nel mondo.


Trichinella negli alimenti e trichinosi

La trichinella è uno dei parassiti più pericolosi che si possa prendere dalla carne, se questa non è ben cotta.


Botulino

il botulino: un batterio molto pericoloso che si sviluppa in ambienti poco acidi e anaerobici.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.