La caponata di melanzane

La caponata è una preparazione originaria di tutta la zona del Mediterraneo.

La caponata siciliana, soprattutto quella di melanzane, è diventata molto famosa ed è senz'altro la più conosciuta.

Cos'è la caponata

La caponata è una preparazione a base di ortaggi che vengono dapprima fritti, quindi stufati con un fondo di cottura a base di sugo di pomodoro, sedano, cipolla, olive e capperi. La caponata è tipicamente una preparazione agrodolce, grazie all'aggiunta di aceto e zucchero.

A seconda degli ingredienti utilizzati esisono decine di varianti della caponata. In origine era utilizzata come piatto unico, accompagnata dal pane, mentre ora si tende a utilizzarla come antipasto o come contorno. Ma sin dal 1700 costituiva un piatto unico, accompagnata dal pane.

La caponata fa parte anche della cucina napoletana anche se il piatto è completamente diverso: si tratta infatti delle classiche freselle (ciambelle biscottate di pane duro) bagnate con aglio, olio, pomodoro, origano e basilico.

Origini della caponata

La caponata è un piatto diffuso fin dal 1700 anche se l'origine non è certa. Alcuni pensano che il termine derivi da "capone", nome con il quale in alcune zone della Sicilia viene chiamata la lampuga, un pesce dalla carne pregiata che veniva servito nelle tavole dei ricchi condito con una salsa agrodolce. Secondo questa versione il popolo sostituì la lampuga con le economiche melanzane inventando l'odierna versione della caponata. 

Altri sostengono che il piatto abbia sì origini marinare, ma perché veniva servito nelle "caupone", le taverne dei marinai.

 

 

Caponata o caponatina?

La caponatina è sempre un piatto tipico siciliano a base di melanzane e pomodoro ma si differenzia dalla caponata nella preparazione. La caponatina, infatti, non è agrodolce ed assomiglia più ad una parmigiana che ad una caponata, inoltre, le verdure vengono tagliate in dimensioni molto più piccole, da qui deriva il suo diminutivo caponatina.

Sì o no?

Caponata di melanzane

La caponata tradizionale, a base di verdure fritte, non è certamente un piatto Sì soprattutto se utilizzato come contorno: il vincolo di 50 kcal per 100 g dei contorni Sì non può di certo essere soddisfatto se le verdure sono fritte. Come molti piatti a base di verdure, essi vengono preparati con quantità eccessive di olio per renderli appetibili e questo è deleterio perché il contorno di verdure, che viene tra l'altro considerato salutare, diventa il piatto che fa saltare il bilancio calorico!

Non a caso originariamente la caponata era considerato un piatto unico e non un semplice contorno e la "sostanza" conferita dalla frittura aveva un significato nutrizionale ben preciso perché doveva fornire energia ai pescatori. Oggi la frittura non ha più senso e può essere tranquillamente sostituita dalla semplice grigliatura o dalla stufatura, inoltre l'idea della caponata può essere sfruttata per cucinare piatti completi a base di carne o pesce come nei bocconcini di maiale con caponata.

La ricetta della caponata di melanzane

La caponata di melanzane si prepara soprattutto in due varianti: con o senza peperoni. Poi variano il tipo di cottura delle verdure (c'è chi cuoce il pomodoro con la cipolla in un tegame, e il sedano e gli altri ingredienti a parte) e ovviamente le proporzioni tra gli stessi. Questa versione prevede l'uso dei peperoni che arricchisce il gusto della caponata.

Autore:

Tempo di preparazione:

Tempo di cottura:

Tempo totale:

Ingredienti per 4 persone

  • 600 g di grosse melanzane
  • 200 g di peperone rosso
  • 200 g di peperone giallo
  • 400 g di pelati
  • 50 g di cipolla
  • 1 spicchio d'aglio
  • 200 g di sedano
  • 50 g di aceto
  • 15 g di zucchero
  • 100 g di olive nere e verdi
  • 10 foglie di basilico
  • 20 g di capperi
  • 30 g di pinoli
  • 20 g di olio extravergine
  • olio o strutto per friggere
  • sale

Preparazione

Tagliare le melanzane a fette e i peperoni a listarelle e friggerli in abbondante strutto o olio extravergine, quindi asciugarli sulla carta assorbente.

Soffriggere la cipolla, l'aglio e il sedano nell'olio in un tegame, aggiungere abbondante basilico e i pelati e cuocere a fuoco medio-basso per 10 minuti, quindi aggiungere le olive, i capperi, i pinoli e l'aceto proseguendo la cottura per altri 10 minuti.

Unire alla salsa di pomodoro le melanzane e i peperoni, e versare l'aceto con lo zucchero, cuocere per altri 2 minuti e far raffreddare bene prima di servire.

Informazioni nutrizionali per porzione

 

Energia

303 kcal - 1267 KJoule

 

Proteine ad alto VB 

0 g

Proteine

8 g - 10%

Carboidrati

19 g - 24%

Grassi

22 g - 66%

di cui

 

saturi

3.1 g

monoinsaturi

14.2 g

polinsaturi

3.0 g

Fibre

8 g

Colesterolo

0 mg

Sodio

498 mg

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Patate duchessa

Le patate duchessa sono un contorno di origine francese (pommes duchesse) dove le patate sono arricchite da uovo, burro e parmigiano.


Pizza in pala romana

La pizza in pala romana: una declinazione diversa rispetto alla classica pizza napoletana. Preparazione stesura, cottura della pizza ad alta idratazione.


I dolci di natale

I dolci di Natale: l'elenco di tutti i dolci tipici suddivisi per regione e per Paese.


Struffoli napoletani

Gli struffoli: un dolce napoletano a base di palline di impasto aromatizzato all'anice, fritte e poi decorate con miele, canditi e confetti.

 


Spoja lorda o minestra imbottita

La spoja lorda o minestra imbottita: una ricetta romagnola di recupero che nasce come costola dei più sontuosi cappelletti.


Cannoli siciliani

I cannoli siciliani: uno dei dolci più tipici della Sicilia farcito di crema di ricotta e frutta candita.


Brownies

I brownies, i tipici biscotti al cioccolato di origine americana, tanto gustosi quanto calorici. Scopriamo tutti i segreti per prepararli al meglio.


Bostrengo

Il bostrengo, un antico dolce marchigiano natalizio a base di cereali come farro e riso.